Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Giovanni Battista Angioletti. Per Roma in sella alla mia vespa

16 Luglio 2016

di Leone Piccioni
[da ‚ÄúLa fiera letteraria‚ÄĚ, numero 45, gioved√¨, 7 novembre 1968]

Quando, alla fine del ’45, lasciai Firen ¬≠ze per trasferirmi con i miei a Roma, mi sentivo come sperduto nel passag ¬≠gio da una citt√† che ormai conoscevo in tutti i suoi angoli, ed amavo quasi fisicamente, ad uno spazio che mi era del tutto ignoto. Lasciavo i miei amici di tanti anni, il mio maestro De Robertis e la sua cerchia, gli studi all’Universit√†, e non sapevo che cosa m’a ¬≠spettasse. Fu proprio De Robertis a darmi due lettere di presentazione da recapitare a Roma, una per Ungaretti, ed una per G. B. Angioletti: mi racco ¬≠mandava a loro, sia per una possibi ¬≠lit√† di frequentazione amichevole, sia per l’eventualit√† di qualche lavoretto letterario, durando gli studi, come un figliolo.

Ungaretti ed Angioletti, infatti, fu ­rono per me le due luci subito accese in quel deserto che mi parve, per un poco, la grande città, e non riuscirei mai a dire, fino in fondo, quanto ed anche solo per il lato umano dei rap ­porti, debba a loro.

Portai la lettera ad Angioletti, un pomeriggio nella sua casa di via Cola di Rienzo, ed incontrai questo gran si ¬≠gnore, alto, elegante, bellissimo, sorri ¬≠dente e tenero, facendomi subito av ¬≠vertire, sotto quella sua tenerezza, co ¬≠me una vibrazione costante che sape ¬≠va controllare, ma che poteva anche esplodere in improvvise collere gene ¬≠rose, in cupi isolamenti di inquietudi ¬≠ne e di tormento. Ebbi subito l’invito a considerare mia la sua casa: a vede ¬≠re le due sue deliziose figliole, Gianni ¬≠na e Paola (a loro modo estrose, belle, piene di intelligenza e di talento), di poco pi√Ļ giovani di me, facendo un po’ gruppo con loro.

Alle serate in casa Angioletti non mancavo quasi mai: le pi√Ļ frequentate erano quelle del sabato sera, se ben ricordo. S’incontravano tutti celebri e giovani letterati, nomi che mi mette ¬≠vano in soggezione e ragazzi esordien ¬≠ti o √Ę‚ÄĒ come me √Ę‚ÄĒ ancora prima d’e ¬≠sordire. Qualche sera arrivava Gargiulo (non lo dimentico) e c’era notevole soggezione attorno a lui; perfino i pi√Ļ scatenati, Brancati, Mucci o Ciarletta diminuivano il tono della voce, o delle risate, delle discussioni accese.

Grandi capacità di organizzatore

Con Brancati appariva una giovane attrice assai bella che recitava in quei giorni al teatrino dell’Universit√†, An ¬≠na Proclemer, che doveva essere pre ¬≠sto sua moglie; c’era Ungaretti e c’era Cecchi, ci sarebbero poi stati sempre Gadda, Sinisgalli, Caproni, Moravia, tanta, tanta gente da incontrare, da sentir discutere, in quegli anni di cos√¨ grande fermento, ideologico, politico, appena riconquistata la libert√†, con tante speranze, per ciascuno, davanti. Eran serate in tutta semplicit√†, fiaschi di vino sul tavolo della stanza da pranzo, tante gentilezze, tante premu ¬≠re. Con Paola, Giannina, ed Ennio de Concini, facemmo una specie di quar ¬≠tetto di ragazzi, da vedersi quasi tutti i giorni, da dimenticare il mio ¬ę giro ¬Ľ fiorentino. Ad Angioletti mi legavo ogni giorno di pi√Ļ.

Anche Angioletti era a Roma da po ¬≠co tempo, e per oltre dieci anni aveva vissuto praticamente all’estero: dal ’32 al ’35 all’istituto di cultura italiana a Praga, dal ’35 al ’37 a Digione e Besan√≠¬ßon, insegnando; dal ’37 al ’40 a Parigi a dirigere i corsi di letteratura italiana; gli anni caldi della guerra li aveva passati a Lugano (a Lugano, Giannina aveva stampato il suo primo e singolare libro di versi). A Roma, subito al lavoro per rilanciare la Fiera letteraria, quello stesso giornale di cui come Italia letteraria, e con tante be ¬≠nemerenze, s’era occupato negli anni tra il ’28 ed il ’34. E la Fiera letteraria riprese, riproponendo al pubblico i maestri ed i giovani, in un periodo ini ¬≠ziale di grande interesse.

Un primo aspetto (e certamente, non il pi√Ļ rilevante della personalit√† di Angioletti) eccolo subito toccato: le sue grandi capacit√† di organizzazione culturale; ed insieme la sua natura di ¬≠sponibile solo per mettere quelle sue doti al servizio delle cose in cui crede ¬≠va, (pur cercando di allargare sempre al massimo l’area di un dibattito cul ¬≠turale), e degli scrittori che amava, per i quali non prov√≤ mai invidia alcu ¬≠na, facendosi in quattro, anzi, per lo ¬≠ro, anche quando, magari, valevano assai meno di lui stesso, che non rac ¬≠colse poi neppur tutto quello che me ¬≠ritava nel panorama letterario nostra ¬≠no di quegli anni.

Vinse subito il Premio ¬ę Bagutta ¬Ľ

E alla Fiera, anche noi, ragazzi, anch’io, con la possibilit√†, anzi la sol ¬≠lecitazione, a collaborare. Ma la sorte voleva che le occasioni di lavoro in co ¬≠mune con Angioletti, per me andasse ¬≠ro aumentando. Ero. dopo sei mesi di soggiorno romano, entrato alla Rai. come praticante: restai alla redazione politica del Giornale Radio fino alla campagna elettorale del ’48; chiesi poi al mio direttore Piccone Stella di esse ¬≠re trasferito alla redazione culturale, e contemporaneamente a capo di quella sezione dalla radio veniva chiamato proprio Angioletti. Quasi contempora ¬≠neamente da Firenze arrivavano Carlo Emilio Gadda, che Angioletti era riu ¬≠scito a far chiamare, anche per aiutar ¬≠lo in un momento non facile della sua vita pratica, e Giulio Cattaneo, uno dei due amici fiorentini da me ¬ę separati ¬Ľ e di cui iniziava una rapida operazio ¬≠ne di ¬ę ritorno ¬Ľ. Proprio fra il ’48 e il ’53, posso dire d’aver passato gli anni pi√Ļ quieti e divertiti, e pieni della mia sola, e dunque, breve giovinezza: lavo ¬≠rando giorno per giorno con Angiolet ¬≠ti, Gadda, Cattaneo, con le battute di Gadda e attorno a lui, le idee, le trova ¬≠te d’ogni giorno √Ę‚ÄĒ vedendo Ungaretti √Ę‚ÄĒ in un periodo di piena vita senti ¬≠mentale.

Avevo una ¬ę Vespa ¬Ľ, e mi sentivo un signore: quante volte Angioletti, finito il lavoro, saliva sul cuscinetto posteriore, con quelle gambe lunghe, e tornava a casa con me! In quegli anni la rivista radiofonica Approdo che Seroni aveva iniziato a Firenze subito dopo la liberazione, acquistava di pre ¬≠stigio e di importanza: Angioletti ne divenne direttore, ed io, con Seroni, redattore, dando vita, via via, all’edi ¬≠zione stampata, e poi a quella televisi ¬≠va (che il povero G. B. non fece a tem ¬≠po a vedere). Ed Angioletti, intanto, ad organizzare viaggi letterari, con bellissime trasmissioni e volumi assai ricchi (in collaborazione con Bigongiari) sull’Egitto o sulla Grecia; e poi sul ¬≠l’Europa letteraria √Ę‚ÄĒ mentre Piovene elaborava il suo viaggio radiofonico in Italia √Ę‚ÄĒ la Morante recensiva i film, Moravia parlava alla radio in una ru ¬≠brica fissa √Ę‚ÄĒ nasceva il Terzo Pro ¬≠gramma.

Angioletti era nato a Milano nel 1896: letterariamente (aveva esordito a diciott’anni come direttore di un gior ¬≠nale interventista √Ę‚ÄĒ aveva collaborato al ¬ę Trifalco ¬Ľ nel 1920) esplose con il suo primo libro nel ’27, Il giorno del giudizio, vedendosi assegnato subito il primo premio Bagutta della storia. In quel suo primo libro Angioletti si pre ¬≠sentava con quelle che furono e rima ¬≠sero sue stigmate particolari: in pos ¬≠sesso di una prosa sorvegliata, e strug ¬≠gente, tendente ad effetti poetici e mu ¬≠sicali, senza per√≤ mai languire, o ripe ¬≠tersi, anzi con continue impennate in ¬≠ventive. ed una estrosit√† nuova che sempre lo salvava da qualsiasi manie ¬≠rismo √Ę‚ÄĒ proiettandosi in dimensioni surreali, e fantastiche, pur restando nell’ambito stilistico di quella che si poteva chiamare ¬ę prosa d’arte ¬Ľ e che era la strada, in fondo, della espressio ¬≠ne poetica, per chi, ricco di umori e d’ispirazione interna, non si sentiva di credere nel ¬ę plot ¬Ľ della narrativa, e non riusciva a proporre in versi la sua storia.

Nell’arco che va dal Giudizio a Do ¬≠nata, del 1940, alla Memoria del 1949 (forse il suo capolavoro, e si ebbe il Premio ¬ę Strega ¬Ľ nello stesso anno), sta l’Angioletti scrittore che ha un po ¬≠sto suo, inconfondibile, risonante, tale da non uscirti di mente, e da riconfor ¬≠tarti ogni volta che lo riapri. Nella Memoria, ad esempio, ci sono parti di revisione dell’infanzia, la vecchia Mi ¬≠lano di quegli anni, le pagine sulla malattia, e come, da incerte nebbie del ricordo, via via si profilino e si stagli ¬≠no figure nette ed episodi certi √Ę‚ÄĒ che non puoi far diversamente dal definire esemplari. Per non dire della raccolta dei suoi racconti brevi, Narciso, che Contini cur√≤ nel ’49 e che presenta an ¬≠zi composizioni fra le pi√Ļ belle in que ¬≠sto genere ad Angioletti congeniale.

Capiva bene gli italiani

All’Angioletti poeta che rimane vivo ed intatto nell’ambito delle sue pi√Ļ ri ¬≠sonanti ricerche (in Giobbe uomo so ¬≠lo, 1955, la troppo mutata dimensione non lo porta ad essere altrettanto effi ¬≠cace nel suo disegno: un rischio di let ¬≠teratura ora lo impaccia); all’Angioletti organizzatore di cultura √Ę‚ÄĒ c’√® poi da aggiungere, da quella raccolta Ri ¬≠tratto del mio paese del 1929, all’Anatra alla normanna del 1957 (che usc√¨ a mia cura), al postumo Gli italiani so ¬≠no onesti felicemente pubblicata ora da Palazzi, ed accolto con gioia da tan ¬≠te persone che non dimenticano, aven ¬≠do a disposizione un’occasione giusta per riproporre all’attenzione di tutti, il nome di G. B. √Ę‚ÄĒ in un Paese come il nostro, in un clima editoriale come quello che ci circonda (non ci stanche ¬≠remmo di dirlo) cos√¨ facile ed ingiusto nel dimenticare se non ha a disposi ¬≠zione motivi di facile successo com ¬≠merciale √Ę‚ÄĒ c’√® poi da aggiungere, l’Angioletti viaggiatore, giornalista, di ¬≠vulgatore e polemista, dotato di bellis ¬≠sime doti. Chiarezza esemplare, stile, ed anche fermezza, e decisione, e prontezza, e coraggio vero, in una one ¬≠st√† candida ma armata da antico ca ¬≠valiere, mai primo ad attaccare gli al ¬≠tri, ma acuto e penetrante nella difesa del suo lavoro e di quello degli altri in cui credeva.

Conosceva bene l’Europa e benissi ¬≠mo il suo Paese, centrava perfetta ¬≠mente i difetti degli italiani, ma anche le cose ¬ę oneste ¬Ľ, e che contano dalle nostre parti, e che nel mondo intero anche sotto l’aspetto letterario e ar ¬≠tistico √Ę‚ÄĒ meriterebbero maggior posto di quello che hanno in sorte: Angio ¬≠letti fu instancabile nel proporre que ¬≠sto tema, nel darne i limiti esatti, nel difendere ed esaltare, come nel distruggere tutto quello che c’era da non tacere, ma anzi da indicare, all’occorrenza, con ¬ę indignazione ¬Ľ. (Era capace, s’√® detto, era proprio capace di quella ¬ę indignatio ¬Ľ manzoniana, for ¬≠se indirettamente sentita anche dal lombardo che era, abituato a pensare liberamente, ma sempre con onest√† e disponibilit√† d’amore). E Gli italiani sono onesti √® opera ricca, e tale da ri ¬≠consegnarci un ritratto vero di G. B.: bellissima, a questo fine, anche la pre ¬≠fazione di Carlo Bo.

Instancabile, fervido e tempestivo, nella piena maturit√† ma gi√† malato, come segretario del Sindacato scritto ¬≠ri, pens√≤ alla possibilit√† di dar vita ad una comunit√† di scrittori europei, sen ¬≠za che barriere politiche dovessero pi√Ļ dividerli. Fu cos√¨ immaginata, e nacque quella Comunit√† europea degli Scrittori di cui Angioletti fu presiden ¬≠te, e che nel momento della ¬ę guerra fredda ¬Ľ tra Ovest ed Est svolse UT1

ruolo determinante, nel senso del ¬ę di ¬≠sgelo ¬Ľ, con gli incontri di Napoli, di Firenze, di Leningrado; quella Comu ¬≠nit√† che tuttora potrebbe agire, presie ¬≠duta da Ungaretti e con Vigorelli se ¬≠gretario, e che, per esempio, doveva riunirsi in Svizzera nella prima setti ¬≠mana di settembre.

Certo le vicende cecoslovacche han ¬≠no dimostrato che le idee e la volont√† degli scrittori ben poco contano di fronte alla violenza dei carri armati: ed anche la riunione √® stata giusta ¬≠mente sospesa, per non perder tempo ad incontrare chi parli di libert√† solo a parole ed usi poi in pratica sempre e solo la forza per superare ed annulla ¬≠re il dibattito delle idee. Ma √® certo che molti inarrestabili semi sono stati diffusi, sono stati scambiati √Ę‚ÄĒ arrive ¬≠rei a dire √Ę‚ÄĒ anche grazie a questa Co ¬≠munit√† che Angioletti immagin√≤ in tempi molto diversi. E son semi che frutteranno, prima o poi, malgrado i mezzi cingolati.

¬ę L’uomo pi√Ļ onesto che ho conosciuto ¬Ľ

In vacanza incontravo Angioletti al Forte con il suo Pea, con De Robertis, ad occuparci, insieme, anche di qual ¬≠che premietto letterario; poi s’inna ¬≠mor√≤ piuttosto di Napoli, del suo gol ¬≠fo, e si costru√¨ una casetta alle falde del Vesuvio, a due passi da casa Leo ¬≠pardi (quella casa che vide nascere Gi ¬≠nestra e Tramonto della luna e che ca ¬≠de a pezzi, abbandonata). Ma pot√© go ¬≠dersela poco, quella casetta: s’avvici ¬≠nava per lui la morte, che lo colse nel ’61, in una clinica napoletana. Ci giun ¬≠se a Roma la notizia del suo aggravar ¬≠si: era estate piena, con Ungaretti par ¬≠timmo in macchina subito: arrivammo alla clinica ed il nostro amico stava morendo, aveva perso conoscenza, ci lasciava. Nel viaggio di ritorno non scambiammo parola: ci tornava lui in mente. Certo Ungaretti lo avr√† ricor ¬≠dato ragazzo e poi, via via, in tanti luoghi, in tante et√† diverse, e quando, puntualmente, era invitato da G.B. a far conferenze all’estero dovunque egli fosse in missione √Ę‚ÄĒ e quando ave ¬≠va ascoltato i suoi gridi, le sue furie ai tempi dell’Italia letteraria. Io restavo in muto colloquio con quel gran signo ¬≠re, quel poeta vero che m’accolse co ¬≠me un figliolo √Ę‚ÄĒ ripensavo alle sue profonde, cupe malinconie, quando s’o ¬≠stinava in un silenzio che pareva co ¬≠me murato, non finir mai; ma non di ¬≠menticavo il suo sorriso, l’improvviso scoppio di una sua giovanile allegria, la capacit√† di ridere franco a racconti, a battute; la gioia che lo illuminava per i successi degli amici; la compren ¬≠sione e la piet√† che si portava dietro; il suo spirito liberale e illuminato nei confronti dei tempi che si vivevano; il coraggio e la dignit√† mai, neppure per un attimo solo, contraddetti.

Cos√¨ lo pensavamo il 3 agosto del ’61. Ai funerali di G. B√Ę‚ā¨Ňĺ portavo an ¬≠ch’io, con altri, la sua bara a spalla e piangevo senza riguardi.

Ho una lettera di Saba, scrittami da Gorizia, dalla clinica dove poco dopo mor√¨ il 7 gennaio del ’57, e dice: ¬ę Sa ¬≠luta, se lo vedi, il nostro Angioletti, del quale Napoleone avrebbe detto quello che disse di un… chirurgo mi ¬≠litare: E’ l’uomo pi√Ļ onesto che ho conosciuto ¬Ľ.

 

 


Letto 1249 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart