Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Il segreto della Sagan

19 Febbraio 2014

di Lorenzo Bocchi
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, marted√¨ 27 maggio 1969]

26 maggio, notte.

E’ ormai una tradizione pa ¬≠rigina, come il Salon de l’auto o La foire √† la feraille: ogni anno c’√® un romanzo o una commedia di Fran√≠¬ßoise Sagan di cui i giornali si occupano. I critici letterari continuano a concludere che la scrittrice √® brava tutt’al pi√Ļ nel trovare titoli, che scrive sempre lo stesso libro, che i suoi perso ¬≠naggi non hanno spessore come le ombre cinesi. Lo hanno ripetuto anche per Un peu de soleil dans l’eau froide (un altro titolo preso in prestito da Paul Eluard, come Bonjour tristesse) pubblicato ora da Flammarion. E’ la storia di una depressione nervosa, hanno sentenziato, dimenti ¬≠cando che si potrebbe dire la stessa cosa di Madame Bo ¬≠vary. I giudici continuano a tenere il pollice verso e i li ¬≠brai a vendere ¬ę l’ultimo Sa ¬≠gan ¬Ľ come se si trattasse di sfilatini di pane.

Ad ogni modo √® l’ottavo ro ¬≠manzo pubblicato in quindici anni dalla Fran√≠¬ßoise naziona ¬≠le, il pi√Ļ lungo e il primo con un uomo per protagonista. Gilles Lantier √® un giornali ¬≠sta trentacinquenne (scrive per un settimanale della si ¬≠nistra intellettuale) seducen ¬≠te, scapolo, pieno di donne. Vive con Eloisa, una bella in ¬≠dossatrice che √® l’ultima di una lunga serie di compagne ma che da tre mesi non gli dice pi√Ļ nulla. Come tutto il resto. Perch√© Gilles √® vittima del male del secolo, l’impo ¬≠tenza di vivere, la nausea ge ¬≠neralizzata dell’azione. Il me ¬≠dico lo convince ad abbando ¬≠nare provvisoriamente Parigi, per cambiar aria e ritmo di esistenza. Cos√¨ lo troviamo a Limoges, dove incontra, dopo quindici giorni di noia, Nathalie Silvener, moglie di un alto magistrato locale. La bel ¬≠la signora perde la testa per il parigino, prende d’assalto il don Giovanni disincantato, per riaccendere in lui le vec ¬≠chie scintille, il gusto per il mondo e l’amore. Dopo l’in ¬≠cendio della passione in una estate ubriacante e in un so ¬≠laio da ¬ę Gattopardo ¬Ľ, Nathalie abbandona marito, be ¬≠nessere, calma e Limoges per vivere il grande amore a Pa ¬≠rigi con l’uomo della sua vita. Ma Gilles non √® quello che lei credeva. Si sente ben pre ¬≠sto soffocato dalla troppo ar ¬≠dente e intransigente amante. Davanti al crollo della sua grande illusione, la bella fug ¬≠gitiva finisce per uccidersi, lasciando all’amato un ultimo messaggio : ¬ę Tu non ne hai colpa, mon ch√©ri. Sono sem ¬≠pre stata un po’ esaltata ¬Ľ. Whishy, amore e gardenal.

L’Express ha ricordato la cornice storica nella quale si manifest√≤ il ¬ę fenomeno Sa ¬≠gan ¬Ľ: ¬ę 1954. la sinistra pri ¬≠mavera di Dien Bien Phu, Bidault, Laniel, Bao Dai. La francese pi√Ļ celebre si chia ¬≠ma Genevi√®ve de Galard, l’e ¬≠roica infermiera che curava i paracadutisti sotto il fuoco dei Viet. Bisogna ricordarsi di questo per comprendere, oggi, l’inspiegabile scandalo di Bonjour tristesse: in piena tragedia una ragazza pub ¬≠blicava un libro spregiudica ¬≠to, met√† Radiguet met√† Laclos, nel quale si vedeva una collegiale smaliziata spingere al suicidio l’amante di suo padre… una provocazione ¬Ľ. L’ex-ragazza ha cominciato a scrivere Un peu de soleil dans l’eau froide nel maggio del ¬≠l’anno scorso, in una casetta dell’ Irlanda meridionale, a Glen Bay, dove si era rifugia ¬≠ta per fuggire il frastuono della contestazione parigina, cos√¨ come far√† un anno dopo il generale de Gaulle per fug ¬≠gire la Francia del ¬ę no ¬Ľ. Ha continuato la stesura del ro ¬≠manzo a Srinagar, la capi ¬≠tale del Cachemire. L’ha fini ¬≠ta, in pieno inverno, nella vecchia casa di famiglia a Cajarc, il paese di Georges Pompidou.

E’ forse a questo distacco dalla realt√† presente che la Sagan deve il proprio suc ¬≠cesso e la ¬ę durata ¬Ľ del suo fenomeno, pi√Ļ che alla gran ¬≠de abilit√† degli specialisti che lo sfruttano commercialmen ¬≠te. I suoi personaggi sono sempre gli stessi. Vivono in un mondo a parte, come lei. Sono incapaci di invecchiare. Si ribellano al crollo delle lo ¬≠ro illusioni. Il modernismo della vicenda √® soltanto ap ¬≠parente. Essa potrebbe benis ¬≠simo svolgersi nel secolo scor ¬≠so. E’ sempre la grande cor ¬≠rente romantica che alimenta la macchina per scrivere della Sagan. Il suo successo pu√≤ essere spiegato con questa sua fedelt√† agli schemi ormai classici della narrativa del di ¬≠ciannovesimo secolo (di Un peu de soleil dans l’eau froide il critico Kl√©ber Haedens ha scritto che per la sua compo ¬≠sizione, il suo stile, il suo tema e i suoi personaggi, il romanzo sembra contempora ¬≠neo di Marcel Prevost), con il suo lucido rifiuto di tutte le ultime mode, la caccia al ¬≠l’assurdo, le ricerche formali.

La depressione nervosa di cui quest’ultimo romanzo √® la storia si chiamava nella belle √©poque nevrastenia. E’ curioso, o per lo meno indi ¬≠cativo, che Fran√≠¬ßoise la cini ¬≠ca malinconica, la disincan ¬≠tata abituata a guidare a pie ¬≠di scalzi per meglio inebriar ¬≠si di velocit√†, la due volte divorziata – inseparabile dal secondo marito e padre di suo figlio soltanto da quando il tribunale li ha separati, debba in definitiva la gloria delle alte tirature, dei palcoscenici e degli schermi ad un mondo romanzesco sfiorito e polvero ¬≠so. Anche nella nuova com ¬≠media che sta scrivendo, Les week-ends du pass√©, i perso ¬≠naggi saranno degli allergi ¬≠ci al passar del tempo: tutti sessantenni, riuniti in un ca ¬≠stello per un week-end com ¬≠memorativo, desiderosi di rivi ¬≠vere insieme le belle vacanze del 1935. Nella compagnia ci sar√† anche una ventenne, nuova moglie di uno dei ¬ępel ¬≠legrini ¬Ľ, ma verr√† estromessa come un’idiota che non capi ¬≠sce nulla e che sogna di andare a ¬ę divertirsi ¬Ľ a Saint Tropez.


Letto 2452 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart