Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Paura di pensare

6 Agosto 2008

di VirgilioTitone
[dal “Corriere della Sera”, luned√¨ 21 aprile 1969] ¬†

Paura di pensare. Potrebbe sembrare come qualcosa di analogo al rifiuto, ormai abi ¬≠tuale, di termini che pare ri ¬≠cordino cose d’altri tempi e quasi pi√Ļ grandi di noi. Per esempio, non si parla pi√Ļ di una patria, n√© dell’onore n√© della virt√Ļ. Quando parliamo dell’Italia, ci serviamo del ter ¬≠mine incolore di ¬ę paese ¬Ľ, che fu gi√† usato da Giolitti, il quale per√≤ credeva nella patria. In realt√†, il concetto di patria, che alla fine del Settecento assume un significato nuovo e pi√Ļ comprensivo, si riferisce a un ideale oggi pressoch√© tramontato. Il disuso in cui √® caduto il vocabolo, cor ¬≠risponde al declino di idee ¬† e sentimenti che non hanno pi√Ļ posto nella nuova storia. Lo stesso accade per l’onore: mi ¬≠litare, coniugale ecc. Il primo fa pensare a un ideale caval ¬≠leresco o di casta, il secondo riflette un diritto che si am ¬≠mette per l’uomo, ma si nega alla donna. La virt√Ļ infine ci riporta a quella morale che si suol chiamare borghese o vittoriana, ed era fatta di con ¬≠venzioni e inibizioni superate. Oggi si pensa – e a ragione – che √® molto pi√Ļ morale non far male agli altri e, per esempio, non tormentare gli animali che non sia l’astenersi da divertimenti o piaceri che non si sa perch√© siano proi ¬≠biti. Perci√≤ si parla soltanto delle virt√Ļ dei cari estinti. Il vocabolo, aulico e sufficiente ¬≠mente antiquato, si conviene allo stile dei necrologi e dei discorsi commemorativi.
 

*

Analogamente poesia, arte, filosofia sembrano cose anacronistiche. ¬† ¬† Anacronistici si considerano i termini stessi e le attivit√† dello spirito che si indicavano con questi nomi. La poesia non si deve distin ¬≠guere dalla non poesia, n√© √® pi√Ļ creazione, intuizione, fan ¬≠tasia, sentimento, immagine: non deve insomma ricordarci nessuna di quelle cose per cui dai romantici in poi, con definizioni diverse, ci si √® ri ¬≠feriti a un certo concetto del bello poetico. L’immagine non pu√≤ essere un’immagine. Il sentimento √® volgare e borghese e la capacit√† creativa un’invenzione capitalistica e reazionaria. Quello del poeta √® perci√≤ divenuto un lavoro ‘artigianale o anche sociale e scientifico. ¬† Si ¬† definisce, per esempio, come una ricerca e, poich√© anche i filosofi o gli scienziati o gli operatori eco ¬≠nomici fanno le loro ricerche, qualcuno dei moderni esteti ha stabilito che per distinguersene la ricerca poetica dev’essere ¬ę ambigua ¬Ľ. Ma se ne danno anche altre definizioni, per le quali l’arte pu√≤ ugualmente assimiliarsi a un’analisi chimica, ai dati di un cervello elettronico oppure a un’inchie ¬≠sta sociologica. L’essenziale √® questo, che non somigli in nulla a quello che dai tempi di Omero l’umanit√† ha amato e ammirato come poesia. Inoltre occorre che il poeta sia qualcosa di mezzo tra l’agit-prop e un lavoratore in tuta: un lavoratore di versi.
Nella pittura poi e nella scultura non si deve esprime ¬≠re uno stato d’animo. L’operazione √® molto pi√Ļ semplice e facile. Gli elementi di cui bisogna disporre sono due: da un lato un’idea astratta, l’angoscia, la fame, la tristezza, la morte, la guerra o altre del genere, e dall’altro un qual ¬≠siasi oggetto: una sedia sgan ¬≠gherata, un mucchio d’immon ¬≠dizia, una scarpa rotta op ¬≠pure un paio di mutande. Si prende l’oggetto in questione, si porta in una mostra perso ¬≠nale e si scrive sotto o ac ¬≠canto il titolo del quadro o della scultura, che rappresen ¬≠terebbe una di quelle idee. L’immondizia diventa cos√¨ una angoscia cosmica e le mutande possono significare una autunnale tristezza.
Ma gli oggetti si possono anche fabbricare: con chio ¬≠di, filo spinato, latta e sca ¬≠tolame vario. In questo ca ¬≠so l’artista si sente ancora pi√Ļ ¬ę autentico ¬Ľ e meno in ¬≠tegrato. Crede di imitar me ¬≠glio l’operaio. Solo che non riesce a imitarlo, perch√© quel ¬≠lo dei vari operai √® un lavo ¬≠ro serio e l’artigiano vuol fa ¬≠re e fa spesso cose molto belle e utili.
Naturalmente queste opera ¬≠zioni rimangono in un campo esclusivamente cerebrale. L’i ¬≠dea non √® una rappresenta ¬≠zione n√© pu√≤ essere un’¬ę espressione ¬Ľ l’arbitraria ana ¬≠logia che si stabilisce tra es ¬≠sa e le cose.
D’altro lato, buona parte della critica letteraria si √® ri ¬≠dotta a un lavoro di sempli ¬≠ce registrazione o talvolta di meticolosa contabilit√†. Spesso infatti non si occupa se non di quelle tali idee, ossia di contenuti considerati indipen ¬≠dentemente dal ritmo o dal canto – in cui deve vedersi l’essenza stessa della poesia -, oppure di minute analisi linguistiche, che non muovo ¬≠no, come hanno insegnato un Leo Spitzer o un D√†maso Alonso, dall’intuizione dell’a ¬≠nima e cio√® dello stile del poeta o di una civilt√†.
 

*

Della filosofia non occorre parlare. La tendenza comu ¬≠ne √® quella di negare la vali ¬≠dit√† di un pensiero propria ¬≠mente filosofico. Ma forse la scoperta pi√Ļ significativa si √® avuta nel teatro. √ą di questi giorni il teatro officina – si chiama cos√¨ -, che vuol es ¬≠sere la negazione di ogni azio ¬≠ne drammatica. Lo spettacolo √® abolito. Gli attori si rivol ¬≠gono al pubblico e gli parlano come ¬† da ¬† una ¬† ¬† tribuna: del Vietnam, naturalmente, e del ¬≠l’oppressione capitalistica. Che queste cose il medesimo pub ¬≠blico possa leggerle nei gior ¬≠nali proletari, non importa. Tutto ci√≤ ha una sua logica. Poich√© il teatro dovrebbe ave ¬≠re un fine sociale o propa ¬≠gandistico, si √® pensato che sia pi√Ļ coerente andar dirit ¬≠to allo scopo, limitandosi per l’appunto alla propaganda. In tal modo, senza bisogno di ri ¬≠correre a una finzione dram ¬≠matica, l’autore pu√≤ esercitare direttamente la sua funzione di contestatore. Tutto il resto si considera un di pi√Ļ, di cui si pu√≤ fare a meno. Non sa ¬≠rebbe che letteratura: l’inuti ¬≠le relitto di una societ√† e di una borghesia in dissoluzione.
Cos√¨ senza accorgersene la avanguardia antiletteraria fi ¬≠nisce col coincidere con le stanche imitazioni di una let ¬≠teratura troppo letteraria. La tragedia greca, trasportata a Roma, diviene una serie di noiose e insopportabili predi ¬≠che nell’imitazione che Sene ¬≠ca fece di Euripide. Seneca non era un poeta, ma un filosofo e non abol√¨ la trama o lo spettacolo, ma se ne ser ¬≠v√¨ per esporre le sue idee filosofiche o sociali e politiche: ¬† quello che potrebbe dirsi di un Brecht.
Il ¬† teatro ¬† officina assume perci√≤ il significato di un simbolo, che pu√≤ riferirsi a quasi tutte le manifestazioni di una letteratura priva di un’a ¬≠nima e quindi autolesionistica. Al riguardo avviene quello che pu√≤ osservarsi nei re ¬≠gimi politici. Non muoiono per l’altrui violenza. La loro morte √® un progressivo sui ¬≠cidio. A poco a poco, cedendo ¬† ai ¬† loro ¬† avversari, fini ¬≠scono col negare s√© stessi. Non ¬† ¬† diversamente l’intellettuale non √® pi√Ļ una guida. Si √® mimetizzato con la massa, credendo di avvicinarsele, e se n’√® allontanato: cos√¨ come i preti che fanno i conte ¬≠statori sociali, si sono allontanati dai fedeli.
Ma, se le convenzioni mo ¬≠rali, che vivono nel tempo e si sostituiscono con altri co ¬≠stumi o ideali, possono e debbono negarsi, la morale non si pu√≤ negare, n√© ugualmente l’arte o la filosofia. Tuttavia, egli le nega. Le nega e crede di sostituire la sua aridit√† con un vuoto, che si traduce nell’alibi dell’impegno politico. Nel che √® evidente l’analogia con la contestazione, che potrebbe essere qualcosa di molto vivo e attuale: una grande rivoluzione morale, la pi√Ļ grande ed estesa dopo quella del cristianesimo. Il sinistrismo dei conte ¬≠statori non √® per√≤ la nuova libert√†, ma un artificioso richiamarsi a vecchie e tramontate ideologie: un passato che si vorrebbe far passare per il futuro.

*

Il nuovo √® l’oscuro. La fri ¬≠gidit√† cerebrale ha bisogno del nuovo, che deve anche riuscire incomprensibile. Poi ¬≠ch√© non si ha nulla da dire – nulla che sia un’espressio ¬≠ne dell’anima – per farsi prendere ¬† sul ¬† serio ¬† si deve sfidare e stupire la sensibili ¬≠t√† comune. L’arte pertanto e il pensiero del passato si condannano come ingenuit√† assurde o insignificanti. Accadde anche nell’et√† barocca. Il Marino credette di essere e fu ritenuto come il pi√Ļ grande poeta di cui l’umanit√† potesse gloriarsi. In quello stesso tempo, della superiorit√† sugli antichi dei moderni – di quei moderni – si fece una par ¬≠ticolare teoria, che dal titolo di un libro di uno di quegli autori, ¬† Secondo ¬† Lancellotti, si potrebbe chiamare l’oggidianesimo.
Ma nei poeti non meno che nei filosofi tale oscurità è sempre un segno inconfessato di impotenza e le novità non sono mai nuove. Invecchiano subito. Invecchiano le cose che vogliono apparire diverse dalle consuete. Le altre sono veramente diverse e nuove, perché non hanno cercato di esserlo.


Letto 1818 volte.
ÔĽŅ

2 Comments

  1. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 6 Agosto 2008 @ 17:43

    Conoscendomi, caro Bartolomeo, ti puoi rendere conto quanto condivida il contenuto del ‚Äúpezzo‚ÄĚ sia per quanto riguarda il concetto di Patria, di onore, di ideali, sia per quanto riguarda la filosofia, il teatro, la scultura e soprattutto la poesia. Mi riferisco in modo particolare a quest’ultima, perch√©, grazie a Dio e bene o male ‚Äúci convivo‚ÄĚ. Oggi la poesia appare, non di rado, un insieme di parole coinvolte in un uso artificioso, spesso senz’anima, privo di sentimento vero e genuino, dove ‚Äúl’immagine non √® l’immagine‚ÄĚ, dove regnano un vuoto ed un conformismo (non solo formale) privi di creazione e fantasia (queste ultime malamente considerate, come dice l’autore ‚Äúun’invenzione capitalistica e reazionaria‚ÄĚ).
    Auspico che la poesia ed in genere l’arte tornino alla loro funzione portante e ritrovino il loro ruolo di esprimere il vero, il bello, il buono, le istanze vere dell’uomo e dell’umanit√†, ma lo faccia in modo essenziale con l’animo, col sentimento, con la creazione pi√Ļ aperta e non nell’appiattimento di mode, guarda caso, frequentemente volute da una certa politica di parte. Mi piace riportare, in questo contesto, un brano significativo, tratto da ‚ÄúLo spleen di Parigi‚ÄĚ di Baudelaire:
    ‚ÄúIl poeta gode l’incomparabile privilegio di essere se stesso e altrui a suo piacimento. Come le anime erranti in cerca di un corpo, entra quando gli piace in qualsivoglia personaggio. Per lui soltanto tutto √® vacante: e se sembra che certi posti gli siano preclusi, √® perch√© ai suoi occhi non sono degni di essere visitati‚ÄĚ.
    E per concludere, direi con Ren√© Char: ‚ÄúIl poeta, (√® il) conservatore degli infiniti volti di ci√≤ che vive‚ÄĚ.
    Grazie ancora, Bartolomeo, per questa ulteriore bella pagina
    Gian Gabriele Benedetti

  2. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 6 Agosto 2008 @ 20:32

    La voglia di eccentricit√† e quella, altrettanto dannosa, di rinnovare ad ogni costo, producono ferite nell’arte. Solo i geni possono permetterselo.
    Ancora grazie, Gian Gabriele, per l’attenzione che poni a tutti gli articoli della rivista. Lettori come te gratificano il mio lavoro di ricerca, ma anche il lavoro degli altri collaboratori.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart