Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: La battaglia di San Romano

27 Dicembre 2008

di Nicola Dal Falco

Il paesaggio è presagio.

Un marmorizzarsi di forme, uno stillicidio di ore.

Fossile di aghi di pino, di crani sfondati, di zoccoli immobili. Lastra minerale e fotografica.

 

Poi, come il vento nei campi di grano, un’erranza, una risacca. Le lance cercano il loro pane, crosta di ferro e polpa che ragiona. Vanno lente pescando.

 

La spinta, l’abbraccio, il tormento della battaglia.

S’inferocisce la mischia e mette radici,

insinua, accarezza e brucia.

                                                                           

Due eserciti diventano corpo, preso nel crampo della lotta, vincolo di colpi dati e ricevuti. Allora, fisicamente il tempo si ferma, si prende albergo, cancella da sé Рquestione di attimi Рla propria misura. Sorge il trono evanescente del testimone.  

Nicolò da Tolentino alla testa della cavalleria fiorentina

Il tamburino segue con l’astro di Nicol√≤ l’orbita del proprio destino come un’anima che danzi sospesa. In prima fila, ancora sulla soglia dell’adolescenza, a viso scoperto come il condottiero. Quasi angelico tra gli uomini catrafatti, sospinto dal suono delle chiarine, in uno stato di trance.

Disarcionamento di Bernardino della Ciarda

Testimone animale √® il cavallo a cui il colpo di lancia strappa di dosso il cavaliere. Anche qui non c’√® sgomento e tutta la concitazione si esprime nel sollevarsi delle zampe anteriori. La forza del colpo e il peso di Bernardino hanno spostato come sulla bilancia l’equilibrio di cavallo e cavaliere. La fortuna della giornata ha steso la mano su uno dei due piatti.

Secondo e decisivo attacco, guidato da Michelotto Attendolo da Cotignola

Sopra la testa di Michelotto sventola il vessillo con l’unicorno, schivo e irriducibile che solo la grazia di una vergine pu√≤ soggiogare, mentre lo sguardo si fa astratto, centrato in un zona silente della mente come se il cavaliere partecipasse all’azione da spettatore. Anche nel cavallo la furia del momento svanisce verso un punto in cui tempo e spazio sono risucchiati come aria, prima che cali il fendente.


Letto 2846 volte.
ÔĽŅ

1 commento

  1. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 27 Dicembre 2008 @ 16:30

    Immediatezza efficace della comunicazione, dominante la parola, precisa, “tagliente”, poetica. Straordinario gioco di immagini e di sensazioni dalla felice ‚Äúfisicit√†‚ÄĚ e dalla decisa intensit√† di riferimento. Persino gli spazi concorrono alla ricchezza emozionale. L’armonia e la forza del battito creativo accompagnano la funzionalit√† del paesaggio interiore e non
    Gian Gabriele Benedetti

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart