Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Per amore

26 Aprile 2009

di Felice Muolo
(Ha pubblicato cinque romanzi, tra cui Il ruolo dei gatti, Azimut, 2008)        

¬† ¬† ¬† ¬† Sarebbe stato sufficiente un lavoro per risolvere la situazione. Se l’avesse trovato, avrebbe comunicato la notizia a Francine, lei l’avrebbe raggiunto e si sarebbero sposati. Avevano stabilito l’accordo durante l’estate, in Olanda, dove si erano conosciuti e amati. Erano in un campo di lavoro del servizio civile internazionale, ristrutturavano una villa che doveva ospitare ragazzi diversamente abili. Passate le tre settimane di permanenza al campo, lui era ritornato al suo paese, nel sud Italia e si era immediatamente messo in cerca di una occupazione. Non l’aveva trovata nei due anni prima di partire, da quando si era diplomato, n√© la trov√≤ adesso. L’anno stava per finire. Se fosse passato molto altro tempo, era sicuro che avrebbe perso Francine per sempre.
¬† ¬† ¬† ¬† Aveva due hobby: dipingere e scrivere. Pens√≤ di farne di uno la sua professione. Scart√≤ quella del pittore: tele e colori avevano un costo che non poteva permettersi. Scrivere era meno dispendioso che esercitare qualsiasi altra forma d’arte, consider√≤.
¬† ¬† ¬† ¬† Non aveva mai scritto seriamente prima, ora doveva provarci. Decise di mettere sulla carta la storia d’amore avuta con Francine. Pensava fosse l’unica parte della sua vita che valesse la pena di essere raccontata. Se riusciva a venderla, avrebbe risolto il suo problema.
¬† ¬† ¬† ¬† Cominci√≤ dall’inizio. Mentre ricordava e scriveva, si struggeva dalla nostalgia per la mancanza di Francine. Trascorreva giorni interi a pigiare sulla macchina per scrivere. Di notte si rigirava insonne nel letto, inseguendo le parole dette, i gesti compiuti. Spesso accendeva la luce del comodino e prendeva appunti su un quaderno che teneva a portata di mano.
¬† ¬† ¬† ¬† Accadeva che la vicenda si sviluppasse in maniera differente da come l’aveva vissuta: i protagonisti assumevano da subito un comportamento fatalista, che sarebbe immancabilmente sfociato in un finale negativo. Nella realt√† non era andata cos√¨. Il caso che li aveva fatto incontrare, terminato il periodo in cui dovevano stare insieme, li avrebbe tranquillamente spediti ciascuno a casa propria, come nulla fosse successo. Erano consapevoli di dover consumare una breve avventura. Invece si erano innamorati e il distacco era avvenuto tra le lacrime.
¬† ¬† ¬† ¬† Considerava quindi artefatta la pagina scritta, precostituita. Spesso cancellava e riscriveva salvaguardando l’autenticit√† della storia, indipendentemente dalla conclusione che, qualunque fosse, si rifiutava di accettare definitiva.
¬† ¬† ¬† ¬† Appena terminato, invi√≤ il manoscritto a un editore e attese. Pieno di entusiasmo, quando credeva di aver prodotto un racconto d’amore autentico, convinto che sarebbe stato pubblicato e si vedeva gi√† correre da Francine per mostrarle il successo di vendita che sicuramente sarebbe seguito. Pieno di tristezza, quando il pessimismo lo stringeva nella sua morsa, convinto che il suo tentativo sarebbe fallito miseramente, come quelli della maggior parte degli aspiranti scrittori improvvisati.
¬† ¬† ¬† ¬†Accompagnato da una lettera, il manoscritto gli fu restituito quasi a giro di posta. L’editore riteneva che la storia, pur con dei pregi, non era sufficientemente valida per essere pubblicata. Credeva in lui e sarebbe stato disposto a esaminarne una seconda. Gli dava cari saluti e auguri.
¬† ¬† ¬† ¬† Per non sprofondare maggiormente nella depressione, non abbandon√≤ il progetto. Non prov√≤ a scrivere un’altra storia, gli interessava scrivere solamente la sua. Decise di perfezionarla.
¬† ¬† ¬† ¬† Nel riesaminarla, credeva di individuare gli errori commessi, le ingenuit√† e correggeva. Asportava parti che riteneva inconsistenti, prodotte col proposito di riferire la verit√† e le sostituiva con altre pi√Ļ incisive, frutto della sua fantasia. Il cuore gli si lacerava nel lacerare l’autenticit√† della vicenda. Comp√¨ un lavoro di macellazione in fretta e furia e mand√≤ il risultato allo stesso editore.
¬† ¬† ¬† ¬† La risposta arriv√≤ di nuovo celermente. L’editore diceva che aveva migliorato molto il suo racconto, tuttavia, conteneva delle mancanze. Lo spronava a continuare a scrivere e consigliava libri da leggere che gli avrebbero insegnato come va a organizzato un testo adatto per la pubblicazione. Poi i soliti cari saluti e auguri.
¬† ¬† ¬† ¬† Fu allora che ebbe la certezza di aver perso Francine per sempre, ma non smise pi√Ļ di scrivere.


Letto 2000 volte.
ÔĽŅ

2 Comments

  1. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 26 Aprile 2009 @ 17:59

    Un amore, pur genuino, condizionato soprattutto dalla distanza e dalla insicurezza economica. La faticosa ricerca di un lavoro per colmare almeno una ‚Äúlacuna‚ÄĚ. La spinta per la creativit√†, che si riverser√† soprattutto nell’espressione scritta. Ed allora il fiorire di un doppio sogno: la pubblicazione della storia, vissuta in prima persona e messa sulla carta, e la possibilit√†, da questa, di realizzazione economica. Ma in agguato √® la delusione, che si abbatte due volte sulle speranze del giovane artista. E questi capisce qui di perdere, forse, la sua amata, ma non sa pi√Ļ abbandonare la passione per la scrittura. Passione che prende, vince ed arriva quasi a drogare. Si fa amore assoluto, incondizionato.
    In una pagina breve si addensano situazioni e stati d’animo di intensa suggestione comunicativa e di pregevole rivisitazione emozionale. Prosa autentica e contingente, che appare vissuta, sentita, meditata ed √® tracciata con forza stilistica, senza concedere alcunch√© al superfluo. Emerge la spietata verit√† che tende a cancellare l’auspicio e il sogno. Ma non piega del tutto la vocazione e la volont√†. Quindi rimane ancora aperto uno spiraglio per la speranza.
    Gian Gabriele Benedetti

  2. Commento by Felice Muolo — 27 Aprile 2009 @ 10:02

    Grazie per il consueto apprezzamento, Gian Gabriele.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart