Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LIBRI IN USCITA: “Calcio e Acciaio. Dimenticare Piombino” – Acar Edizioni

28 Gennaio 2014

di Gordiano Lupi

INTRODUZIONE

Dei miei anni trascorsi allo Stadio Magona, sospesi fra dribbling e sogni, rivivo spesso il rimbombo dei tacchetti di alluminio nel sottopassaggio, la luce che ci accoglieva all’ingresso in campo, l’odore dell’erba. E una folla di emozioni, gesti, maestri di vita in tuta che chiamavamo mister, di legami e complicità di spogliatoio che hanno sfidato il tempo. In quegli anni a cavallo fra i Settanta e gli Ottanta, l’impegno civile e il dedicarsi alle cose di tutti non avevano ancora invaso la mia vita: il mio nascere nel 1967 mi aveva impedito quell’incontro precoce e “automatico” con la politica che ha segnato la generazione precedente, o chi è arrivato verso la fine dei Cinquanta. E tuttavia non mi sfuggiva, nella mia vita di studente e di giovane calciatore, di giovane cittadino – non poteva sfuggire a nessuno – la forza dei segni e dei simboli, materiali e immateriali, che mi circondavano. Luoghi, spazi, contesti sociali, anfratti di memoria civica e vestigia monumentali, quell’intreccio fra civismo e senso del collettivo che respiravo ovunque, quell’impasto di acciaio e mare che mi nutriva (mio nonno materno ormeggiatore al porto, mio padre operaio in Magona). Gordiano Lupi intride di questo il suo sforzo narrativo: del suo stare qui, del suo aver conosciuto una Piombino fiera e ricca di quello che aveva e produceva, non solo redditi da lavoro ma un ambiente sociale, una comunità di destino, una periferia ma non del pensiero, un luogo e non un posto. E scrive di calcio. Di quel gioco che ho incontrato nella radiolina di mio padre, imparato sull’asfalto di via 2 giugno e via Curiel, sullo sterrato di via De Sanctis e agli Ulivi, inseguito al Magona e sui campi di mezza Toscana, prima di fermarmi a pensare solo alla vita vera. E ne scrive conoscendone l’anima, avendolo frequentato e amato come quelli che lo hanno visto allora, come un mistero che sfioravi, dilettantistico, nei tuoi luoghi e scoprivi davvero non prima delle 18 e 10, la domenica pomeriggio, sul primo canale, nel sorriso di Paolo Valenti e nei quadricipiti dei campioni. Ed è anche in questo salto metaforico fra le luci della metropoli e la modesta provincialità, fra la gloria del calciatore e la mediocrità dell’allenatore, che si gioca la vicenda di Giovanni. Lupi dimostra in realtà che nel passaggio fra le due dimensioni si può non perdere nulla: un posto di provincia sa dare tanto perché è un luogo denso di valori, relazioni spaziali e umane, e fare l’allenatore di persone autentiche (come i Tarik giunti qui nel tempo da mille altrove, come mio padre e mio nonno dall’Isola d’Elba) può essere esaltante quanto allenare dei professionisti. La storia fa da sfondo all’amore dell’autore per la sua città, come l’ha conosciuta, che descrive e racconta per quel che dà e anche in ciò che appare, nei paesaggi, nelle piazze simbolo, negli scorci, nei parchi, in ciò che ci è più caro. Ritroviamo il passato della nostra città: luogo simbolo del Novecento di lavoro e Resistenza italiana, una delle più longeve città-stato del nostro Paese, e prima ancora una capitale della cultura etrusca. Qualcosa che non si può dimenticare, che non si smarrisce e ci parla di noi come momento di un oltre noi, come frammento di una splendida e incompresa grazia permanente, dispiegandosi in uno sciorinare incedente di sensazioni, caratteri e contesti che ci rendono protagonisti del romanzo che leggiamo.

Gianni Anselmi
(Sindaco di Piombino ed ex calciatore nerazzurro)


Letto 2537 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart