Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Per il Pd scherzi del destino

27 Agosto 2011

Se non Dio, che solo i credenti come me riconoscono, qualcosa d’altro ci deve essere nell’universo, cinico ed invisibile e in grado di tenere d’occhio le innumerevoli presenze materiali e immateriali che affastellano almeno la nostra terra.

Da qualche tempo, deve aver posato lo sguardo sul nostro Belpaese, certamente attratto dalle bizzarrie che lo contraddistinguono da sempre, ma soprattutto da qualche anno a questa parte. Diciamo da quando Oscar Luigi Scalfaro ha voluto impegnarsi per diventare il peggior presidente della Repubblica. Tante ne ha brigate: dal complotto con Bossi del 1994, al ribaltone, e a quel famigerato ‚ÄúNon ci sto‚ÄĚ che ha fatto sbellicare e vomitare molti italiani.

Da l√¨ √® iniziato il precipizio della nostra democrazia, e probabilmente √® da allora che questo misterioso tale che governa l’universo ci tiene d’occhio e annota sul proprio taccuino tutte le nostre nefandezze.

Non vi è dubbio che ha mostrato di avere una attenzione tutta speciale per il Pd e per i sui contorcimenti.

Chi sa quanto si è sbellicato quandola Bindi, Franceschini e Bersani, tutti i giorni si sgolavano per denunciare il bunga-bunga di Silvio Berlusconi.

Me lo vedo davanti che bisbiglia: ‚ÄúGridate, gridate pure. Sgolatevi, poi ce ne sar√† anche per voi. E allora vedremo se riuscirete ad ingoiare il rospo‚ÄĚ.

E il rospo è venuto! Di quei boddacchioni che sprigionano pure veleno, e che sono quantomeno indigesti, se non mortali.
Il boddacchione si chiama Il caso Penati.

Certo che se lo avessero immaginato, Bersani & C. si sarebbero cucite le labbra a sentire che Berlusconi se la spassava con le donne. Avrebbero, al massimo, detto ciò che disse Putin, un uomo di casa loro. Ossia che gli italiani dovevano, anzi, essere contenti se a Berlusconi piacevano le donne e anche in qualche modo ne godeva i favori.
Ma loro no. Pretendevano una castità e una morigeratezza che potessero concorrere con quelle del Papa.

Ora si scopre che un loro membro autorevole, l’arcinoto Penati, riscuoteva, secondo le accuse, mazzette milionarie da destinare, mica alle proprie tasche, ma direttamente al Pd. Una Mani Pulite resuscitata da Penati a pro del proprio partito. Insomma, una schifezza. Solo che Penati √® uomo di sinistra e sicch√© gode dei privilegi che gli uomini di sinistra godettero nel lontano 1992. Si cerca, da parte dei media e di certi magistrati, ossia, di colpire il pi√Ļ leggero possibile per non compromettere il prestigio del Pd. Ma non tutta la stampa oggi √® connivente, e quando si cerca di far assopire la vicenda, per fortuna qualcuno ce la ricorda e sprona i giudici a comportarsi con gli uomini di sinistra allo stesso modo che si comportano con gli uomini di destra. Opera di convincimento difficile, come si pu√≤ immaginare.

E tuttavia qualche risultato si ottiene, se √® vero che sono uscite dichiarazioni agli atti secondo le quali il Penati, finanziatore del Pd, √® ‚Äúun delinquente matricolato‚ÄĚ che ha approfittato della sua posizione politica per arraffare soldi e finanziare il suo partito.

Lui sostiene di essere innocente, e gli si deve credere fino a prova contraria, ma ciò che sta emergendo finora fa impallidire quanto emergeva molti mesi fa sul bunga-bunga berlusconiano.

Il caso Penati, se saranno confermate le accuse, è di una tale gravità che dovrebbe dimettersi tutta la classe dirigente del Pd, compresi i moralisti Franceschini, Bindi e Bersani. Dato che, secondo la teoria che certa magistratura si è inventata per Berlusconi, essi non potevano non sapere.

Ma essi a dimettersi non ci pensano nemmeno. Lo chiedono a Berlusconi per il bunga-bunga. Ma si assolvono per il caso Penati.
Un vero schifo.

Altri articoli

“Rinunciate alla Prescrizione” di Antonio Polito. Qui.

“Ma il ra√¨s fa il suo mestiere” di Massimo Fini. Qui. Da cui traggo:

“Di tutte le aggressioni perpetrate dalle Democrazie dopo il crollo del contraltare sovietico quella alla Libia √® la pi√Ļ sconcertante.”

“Il ministro Frattini ha dichiarato che ‚Äúse Gheddafi continuer√† a incitare alla guerra civile sar√† tenuto come unico responsabile del bagno di sangue‚ÄĚ (peraltro gi√† avvenuto: 20mila morti). Si vuole negare a Gheddafi anche il diritto di difendersi?”

“Penati, l’accusa: ‚ÄúSoldi al partito fino alle elezioni regionali del 2010√Ę‚ā¨¬≥ di Mario Portanova. Qui.

Travaglio sul caso Penati. Qui.

“Perch√© la Fiat cacci√≤ Montezemolo”. Video. Qui.

“Un partito (quasi) normale” di Mario Sechi. Qui.

“La “Repubblica” squalifica il Pd” di Gianni Pardo. Qui.

“L’ipocrisia dei pacifisti: urla su Saddam e silenzio su Gheddafi” di Giuliano Ferrara. Qui.

“L’ombra delle tangenti Pd sulla Milano di Pisapia”. Il Pd querela Libero; di Andrea ScagliaQui.

“Tripoli ai voltagabbana? Da Bruto a Fanfani la storia √® dei trasformisti” di Mario Cervi. Qui. Da cui estraggo:

“Se la qualifica di voltagabbana si addice anche agli Stati, la merita senza dubbio l’Italia del 1914-1915 passata, dopo lo scoppio della Grande Guerra, dall’alleanza con l’Austria alla neutralit√† e infine al ¬≠l’intervento a fianco dei francesi e degli inglesi. Ci saremmo esibiti in analoghi e peggiori voltafaccia an ¬≠che nella seconda guerra mondia ¬≠le, quando ci schierammo con la Germania trionfante e l’abbando ¬≠nammo allorch√© fu in difficolt√†. Con zelo servile dichiarammo infi ¬≠ne guer ¬≠ra ai nostri ex alleati Germa ¬≠nia e Giappone. Alla caduta del fascismo la voca ¬≠zione italiana per il voltagabbani ¬≠smo- ma non √® un’esclusiva,basta pensare alla Francia tra P√©tain e De Gaulle- emerse prepotentemente. Il maresciallo Badoglio, protagoni ¬≠sta negativo di Caporetto, conqui ¬≠statore dell’Etiopia, vecchio arne ¬≠se del regime fascista, si scopr√¨ de ¬≠mocratico, Vittorio Emanuele III, che aveva apprezzato Giolitti e su ¬≠b√¨to mugugnando ma obbedendo Mussolini, rilutt√≤ all’abdicazione, riteneva d’essere adatto per tutte le stagioni. Un popolo che era stato compattamente in camicia nera di ¬≠chiar√≤ da u ¬≠n giorno all’altro d’aver ¬≠la sempre aborrita, e Amintore Fan ¬≠fani che aveva tessuto in un suo li ¬≠bro le lodi del corporativismo fasci ¬≠sta si ritrov√≤ tra gli uomini pi√Ļ pro ¬≠mettenti della Dc. Possiamo anche aggrottare il sopracciglio per certe deambulazioni sfrontate, ma non senza riconoscerne l’utilit√†. Neltra ¬≠monto- non foss’altro che per moti ¬≠vi anagrafici- della stagione berlu ¬≠sconiana, si profilano altri travesti ¬≠menti e mascheramenti. Preparia ¬≠moci a tutto.”

“Democratici, pressioni su Penati: ¬ęDeve farsi processare ¬Ľ” di A. Gar. Qui.

“‘Nell’affare Falck anche le Coop”, le accuse lambiscono il Pd nazionale’ ” di SANDRO DE RICCARDIS e WALTER GALBIATI. Qui. Da cui estraggo:

“Il costruttore √® chiaro con i pm: “Non potevo contraddire le coop se non rischiando di affossare tutta l’operazione, perch√© sono il braccio armato del partito”.”

“La valanga Penati travolge il partito E il Pd rispolvera il tribunale speciale” di Vittorio Macioce. Qui. Da cui estraggo:

“Le domande che do ¬≠vrebbe farsi la commissione di ga ¬≠ranzia sono altre: a chi andavano le tangenti Falck? Il partito sape ¬≠va, ha chiuso un occhio, non si √® ac ¬≠corto di nulla? Con quale presun ¬≠zione morale ci definiamo il parti ¬≠to degli onesti? Conosciamo dav ¬≠vero come i nostri uomini ammini ¬≠strano gli enti locali?”

“Cos√¨ funziona il sistema Sesto. Ecco tutte le carte dei pm” di Andrea Scaglia e Laura Marinaro. Qui.

“Non poteva non sapere” di Fabio Martini sul caso Penati. Qui. Da cui estraggo:

“Dalla Stalingrado d’Italia torna a ronzare l’eterno dubbio, mai provato eppur mai fugato in 18 anni di inchieste sulle ¬ętangenti rosse ¬Ľ: una parte degli introiti illeciti potrebbero esser finiti a Roma nelle casse del Pds-Ds-Pd? Semprech√© siano dimostrati dall’accusa i reati commessi a Sesto San Giovannni, possibile che a Roma da anni non ne sapessero nulla?
Nelle carte dei magistrati si fa esplicito riferimento alla ¬ęparte romana ¬Ľ del partito, gli ex Ds, che potrebbero aver ricevuto contributi illegali dalle Coop rosse, ¬ęgrate ¬Ľ al partito per averle fatte entrare nel sistema degli appalti a Sesto San Giovanni.”

“Domande che troveranno risposta nella corposa inchiesta di Monza. Domande che, al di l√† della inchiesta in corso, ripropongono uno degli enigmi della stagione di Tangentopoli, che √® anche una dei grandi snodi irrisolti della recente storia italiana: una volta esaurito l’¬ęoro di Mosca ¬Ľ, i vertici del Pci-Pds furono del tutto immuni dal morbo delle tangenti? Anni di inchieste sulle tangenti rosse, inchieste promosse da ¬ęmastini ¬Ľ come AntonioDi Pietro e Carlo Nordio, non hanno portato da nessuna parte.
Tra le inchieste del pool milanese di Mani pulite, il caso pi√Ļ controverso resta quella visita a Botteghe Oscure di Raoul Gardini che secondo diverse testimonianze, entr√≤ con una valigietta da un miliardo di lire per ¬ęammorbidire ¬Ľ il Pci. Ha raccontato Di Pietro a Gianni Barbacetto nel libro ¬ęIl guastafeste ¬Ľ: ¬ęLa borsa √® entrata, ma non si sa chi l’abbia ritirata. Pollini, il segretario amministrativo, √® morto, dunque la catena a ritroso delle indagini si √® interrrotta ¬Ľ.”

“Dunque, il teorema del ¬ęnon poteva non sapere ¬Ľ che in qualche caso ha finito per inchiodare Bettino Craxi, non √® mai stato fatto valere per i vertici Pci-Pds. Anche per questo motivo, ex leader dei Ds come Walter Veltroni e Piero Fassino in queste ore hanno avuto buon gioco a querelare Maurizio Gasparri che li aveva genericamente chiamati in causa proprio in nome di quel teorema cos√¨ scivoloso.”

“Penati: “Rinuncio alla prescrizione, ma solo alla fine delle indagini”. Qui.

“Sistema Pd: fattura che prova le maxi-tangenti alle Coop” di Francesco Specchia. Qui.

“Serve un premier di “ferro” di Marlowe. Qui.


Letto 1371 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart