Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

Ciao amore ciao

26 febbraio 2010

di cletus

Stanotte sono rientrato tardi.  Mentre ero in macchina, la radio casualmente accesa non ricordo più su quale stazione, ho sentito questa canzone. Sarà stato il buio, il freddo, il silenzio, il fatto che a quell’ora non c’era nessuno per strada, beh mi ha preso e mai come stanotte mi sono fermato ad ascoltarla. Sentita chissà quante volte, nel mio immaginario di bimbetto che seguiva, col permesso dei genitori a restar sveglio un po’ più del dovuto davanti alla tivvù (era una sorta di concessione straordinaria), ricordo ancora l’effetto del suo suicidio durante un festival di Sanremo.

Cosi, la tetraggine che si taglia a fette, si è cementata dentro di me, concorrendo a stiparle entrambe (la canzone e l’autore) in un angolo delle cose tristi del mio cervello, da dove, di volta in volta, tirarla fuori.

Stanotte, quasi per magia, tutta la sovrastruttura che la teneva imprigionata, si è come sciolta. Ed è potuta uscire, intatta, la sua poesia. Un canto d’amore struggente. La nostalgia per un amore lasciato “al paese” che affiora in un universo “città” nel quale sentirsi nessuno, sebbene confuso fra mille luci. Tenco ha saputo fotografare, come pochi, quel momento dell’Italia. Quella perdita delle proprie radici, contro un’improbabile modernità, dalla quale venire schiacciati.

E allora forte il richiamo, nemmeno fosse una tragedia greca, a quelle poche, assolute certezze: un cortile, i campi, la strada bianca come il sale, e un amore, che chissà, avrà saputo restare vivo sebbene strappato dalla lontananza..

Una grande pagina.

La solita strada, bianca come il sale
il grano da crescere, i campi da arare.
Guardare ogni giorno
se piove o c’e’ il sole,
per saper se domani
si vive o si muore
e un bel giorno dire basta e andare via.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Andare via lontano
a cercare un altro mondo
dire addio al cortile,
andarsene sognando.
E poi mille strade grigie come il fumo
in un mondo di luci sentirsi nessuno.
Saltare cent’anni in un giorno solo,
dai carri dei campi
agli aerei nel cielo.
E non capirci niente e aver voglia di tornare da te.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Non saper fare niente in un mondo che sa tutto
e non avere un soldo nemmeno per tornare.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.

risorse: qui il video della sua partecipazione a Sanremo ’67


Letto 2343 volte.


1 commento

  1. Comment by Bartolomeo Di Monaco — 26 febbraio 2010 @ 23:17

    Con la bella foto di Tenco mi hai convinto, cletus, a pubblicare ogni tanto qualche immagine. La rivista finora  non lo aveva mai fatto.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart