Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

STORIA: Olimpiadi

4 Agosto 2012

di Costanza Caredio

La Grecia prende la sua rivincita sulle banche: solo l’oro vinto dagli atleti è meritato e legittimo.
La Grecia è sempre stata povera, ma bella, intelligente e fantasiosa. Era abitata nell’antichità da una quantità di piccoli regni, ognuno con il suo Agamennone, la sua Clitennestra, il suo Paride, la sua Medea, le sue divinità e processioni. Cacciati i re, le città si diedero dei governi oligarchici-democratici, ognuno diverso dall’altro, ma tutti litigiosi e in lotta tra loro, spinti anche dai ricchissimi satrapi della vicina Asia che li utilizzavano come mercenari. Allora, rifiutando il pacifismo lacrimevole e equivoco, nacque forse l’idea di trasformare la guerriglia in gara. Il guerriero si mutava in atleta, bello, perfetto nel fisico, pronto nelle difficoltà, veloce nell’esecuzione, amato e acclamato dal pubblico incluso quello femminile: dunque una forma di democrazia partecipata.
L’idea fu ripresa dai Romani, che riciclarono i nemici vinti e catturati facendone dei gladiatori: era un risparmio di vite, ma anche una riserva per il combattimento reale:s i metteva in scena una virtuale guerra-spettacolo, con regole certe, applaudito dal pubblico e particolarmente dalle matrone.
I sobri Cristiani ne erano scandalizzati. Lattanzio nel suo “De mortibus persecutorum” è disgustato dal fatto che mentre Costantino e Massenzio combattevano al Ponte Milvio “la madre di tutte le battaglie”, i Romani se ne stessero a discutere nel Circo, probabilmente scommettendo sul vincitore.
Perché le Olimpiadi (sec.VIII a.C.) si svolgevano ogni 4 anni? Forse perché 4 era un numero magico che riassumeva l’universo, le stagioni, i punti cardinali. Secondo Graves, il Re Consacrato, dopo quattro anni di regno, veniva ucciso e il suo corpo, spezzato, era sparso a fecondare il terreno; ma il Re si trovò presto un Sostituto (paredro) da sacrificare al suo posto. Se ne ricordarono i Padri USA: il loro presidente rimane in carica quattro anni, ma spesso lo distruggono prima. I nostri capi invece, anche se perennemente sotto tiro, sopravvivono come bersagli mobili.


Letto 1534 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart