Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Cercasi convergenza repubblicana

18 Aprile 2010

D’ora in avanti, quando vedrete Pierluigi Bersani mettersi la mano sopra gli occhi non dovrete pensare che si ripari dai raggi del sole. No, sta cercando la convergenza repubblicana. La nuova scoperta della sinistra.

Qualche tempo fa sentii la Bindi che aveva scoperto un’altra formula bizantina che non voleva dire niente: sintesi plurale.

Oggi, prendendo in prestito le convergenze parallele di Aldo Moro, Bersani gratifica l’opinione pubblica con un nuovo e scintillante conio.

Soltanto che nemmeno lui sa di che si tratti. Gli è uscito dalla bocca (ieri, Tg2 delle 20,30) così come al poeta esce una poesia. Ha avuto un’ispirazione.
Sembra il nome di una donna, gli ha sussurrato qualcuno. Allora il nostro si è messo a cercarla.

Si racconta che, uscito ieri sera dalla direzione del Pd, ancora vada in cerca di lei.
Quando si ferma al bar a chiedere se qualcuno l’abbia incontrata, gli chiedono se sia bionda o bruna e se porti allacciato alla vita il tricolore.

E quando esce, gli ridono dietro. Ma di che parla? si domandano. E concludono che Berlusconi gli ha dato alla testa.

Pensano perfino che, non bastando i giudici a fermare il Cavaliere, Bersani abbia assoldato uno 007 in gonnella. Convergenza Repubblicana deve essere dunque il nome in codice di questo nuovo agente speciale.

Quei buontemponi mi hanno assicurato che nei prossimi giorni faranno affiggere nei locali pubblici di Roma un grande avviso con scritto: Cercasi Convergenza Repubblicana. Connotati sconosciuti. Per saperne di più rivolgersi a Pier Luigi Bersani, cellulare numero…
A chi l’avrà trovata il Pd elargirà una ricca ricompensa.

Parlandomene, si scompisciavano dalle risate.

Articoli correlati

“Che cosa farà Fini quando sarà grande” di Eugenio Scalfari. Qui.

“Muro del premier, Letta non media più. “Se cedi a Gianfranco poi sarà peggio”‘ di Francesco Bei. Qui.

“Fini ora è scaricato anche dai suoi. I fedelissimi: “Basta fughe in avanti”, di Alessandro Sallusti. Qui.

“Fuori dal Pdl Gianfranco non ha futuro” di Paolo Del Debbio. Qui.

“Il Cavaliere è stufo dei finiani: fanno killeraggio eterodiretto” di Adalberto Signore. Qui.

“Berlusconi tira dritto sugli alleati. Nessuna concessione a Gianfranco” di Ugo Magri. Qui.

“Silvio s’è rotto” di Fausto Carioti. Qui.

“Fini, Berlusconi rilancia: «Nuovo gruppo è scissione »” di Arturo Celletti. Qui.

“Nel bunker di Fini avevano già studiato il «piano B »” di Il Congiurato.

“Scontro Fini-Berlusconi: andranno fino in fondo?”. Qui. Qui.

“Vogliono usare lo spettro del fascismo per impedire il presidenzialismo” di Daniela Coli. Qui.

“IL PARADOSSO DEL CASO FINI. Un favore alla Lega” di Angelo Panebianco. Qui.

Intervista a Maurizio Gasparri di Andrea Garibaldi. Qui.

“Montezemolo e i dubbi sul federalismo” di Francesco Alberti. Qui.


Letto 1672 volte.


2 Comments

  1. Commento by Mario Di Monaco — 18 Aprile 2010 @ 11:30

    Ai tempi della vecchia unione sovietica, in quel paese  la lotta politica si conduceva anche attraverso la psichiatria. Si cercava di inculcare nella mente della vittima designata l’idea che stesse male perché essendo troppo “borghese” o “individualista” aveva finito per essere preda dell’ideologia patologica della parte avversa.

    Che la nuova strategia che tu chiami “convergenza repubblicana” possa avere a che fare con una sorta  di missione rieducativa della società malata? :lol: :lol: :lol:

     

  2. Commento by Ambra Biagioni — 18 Aprile 2010 @ 15:28

    Perline da Libero

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart