Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

CINEMA: I film visti da Franco Pecori

26 Novembre 2011

[Franco Pecori dal 1969 ha esercitato la critica cinematografica – per Filmcritica, Bianco & Nero, La Rivista del Cinematografo e per il Paese Sera. È autore, tra l’altro, di due monografie, Federico Fellini e Vittorio De Sica (La Nuova Italia, 1974 e 1980). Nel 1975, ha presentato alla Mostra di Venezia la Personale di Jean-Marie Straub e Danièle Huillet; e alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, con Maurizio Grande, una ricerca su Neorealismo: istituzioni e procedimenti (cfr. Lino Miccichè, Il Neorealismo cinematografico italiano, Marsilio). Dal 2002, ha tenuto per 4 anni, sul Televideo Rai, la rubrica settimanale Film visti da Franco Pecori. Noto anche come poeta, Pecori può vantare la stima di Franco Fortini]

Anche se è amore non si vede

Anche se è amore non si vede
Salvo Ficarra e Valentino Picone, 2011
Fotografia Cesare Accetta
Salvo Ficarra, Valentino Picone, Ambra Angiolini, Diane Fleri, Sascha Zacharias, David Furr, Giovanni Esposito, Fabrizio Romano, Rossella Leone, Maria Di Biase.

La coppia di comici palermitani (Il 7 e l’8 2007, La matassa 2009) passa alla regia con qualche ambizione di troppo. Mentre restano sul buon livello di sempre le invenzioni linguistiche e situazionali, per le quali si ride di gusto e in maniera intelligente, la commedia mostra fragilità nella struttura narrativa. Il tema amicizia/amore, esposto e riesposto più volte, non rompe il recinto televisivo e si articola piuttosto meccanicamente in storielle ed equivoci leggerissimi, privi di sorpresa. Valentino (Picone) finisce va oltre la misura nella parte del fidanzato pedante e assillante di Gisella (Ambra Angiolini), ragazza matura ma non troppo; Salvo (Ficarra), l’amico arguto e spiritoso, si scopre debole nella maschera del dongiovanni cinico e finisce per cedere più facilmente del previsto all’”amore sincero” per l’amica di vecchia data, Sonia (Diane Fleri). Le battute tra i due protagonisti rischiano di affogarsi nel mare di “rincorse” sentimentali e perdono la carica umoristica.

Miracolo a Le Havre

Le Havre
Aki Kaurismäki, 2011
Fotografia Timo Salminen
André Wilms, Kati Outinen, Jean-Pierre Darroussin, Blondin Miguel, Elina Salo, Evelyne Didi, Quoc Dung Nguyen, Franí§ois Monnié, Roberto Piazza,Pierre Étaix, Jean-Pierre Léaud.
Cannes 2011, concorso.

I reperti documentali, pescati nel contesto di una città-porto il cui solo nome conserva un alone di cinema incancellabile, vanno ad accumulare sostanza poetica per un sogno ideale, per un auspicio sociale, per una pietas antropologica dei nostri tempi. Il richiamo al Marcele Carné de Il porto delle nebbie (1938) non è diretto, ma il realismo poetico francese di quegli anni fa da contraltare prospettico al filtro stilistico postbrechtiano che un autore come il finlandese Kaurismäki (Nuvole in viaggio 1995 L’uomo senza passato 2002 Le luci della sera 2006) impone alla materia, avvolgendo il tema della solidarietà tra poveri e perdenti in una confezione provocatoria, sarcastica eppure dolcissima. Una certa delicatezza nel raccontare fa venire in mente il De Sica di Umberto D (1952) e lo stesso titolo del film ha un’assonanza con quel Miracolo a Milano, Grand Prix a Cannes nel 1951, la cui cifra fiabesca sembra non del tutto casualmente accostabile all’istanza e al tratto narrativo dell’autore di quest’ultimo “Miracolo”. Il Marcel Marx (André Wilms) che a Le Havre lucida scarpe agli angoli delle strade per una sua preferenzialità interiore, di ex scrittore non propenso ai traffici, incarna con la sua maschera austera e insieme trasparente nello spirito umoristico un’istanza insopprimibile di umanità e di giustizia popolare. Istanza che Kaurismäki traduce nell’uso estremamente “economico” delle inquadrature, nel loro montaggio essenziale. L’apparente staticità – qui il “miracolo” anche cinematografico –    contiene un dinamismo produttivo di senso, ben oltre le singole sequenze. Il contenuto, che nella sostanza potrebbe essere considerato banale e risaputo (al porto arrivano navi con i container pieni di stranieri clandestini), si nutre della tensione poetica capace di attingere all’umorismo disperato per arrivare al miracolo nel quale il protagonista non ha mai smesso di credere. Non si tratta soltanto dell’insperata guarigione della moglie Arletty (Kati Outinen) bensì di tutto il contesto dei comprimari, che si muove in un’armonica “compassione”, fino a permettere al bambino africano (Blondin Miguel), salvato e assistito da Marcel e protetto dai vicini di casa e dal comprensivo commissario Monet (Jean-Pierre Darroussin), di continuare il suo viaggio verso la mitica Londra.


Letto 1740 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart