Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

CINEMA: I film visti da Franco Pecori

14 Aprile 2010

[Franco Pecori dal 1969 ha esercitato la critica cinematografica – per Filmcritica, Bianco & Nero, La Rivista del Cinematografo e per il Paese Sera. ¬†√ą autore, tra l’altro, di due monografie, Federico Fellini e Vittorio De Sica (La Nuova Italia, 1974 e 1980). Nel 1975, ha presentato alla Mostra di Venezia la Personale di Jean-Marie Straub e Dani√®le Huillet; e alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, con Maurizio Grande, una ricerca su Neorealismo: istituzioni e procedimenti (cfr. Lino Miccich√®, Il Neorealismo cinematografico italiano, Marsilio). Dal 2002, ha tenuto per 4 anni, sul Televideo Rai, la rubrica settimanale Film visti da Franco Pecori. Noto anche come poeta, Pecori pu√≤ vantare la stima di Franco Fortini]

Green Zone

Green Zone
Paul  Greengrass, 2010
Fotografia Barry  Ackroyd
Matt Damon, Greg Kinnear, Brendan Gleeson, Khalid Abdalla, Amy Ryan, Jason Isaacs, Said Faraj, Michael O’Neill, Yigal Naor, Antoni Corone, Raad Rawi, Martin McDougall, Sean Huze, Edouard H.R. Gluck, Allen Vaught, Nicoye Banks, Paul Rieckhoff, Aymen Hamdouchi, Soumaya Akaaboune, Bijan Daneshmand, Jerry Della Salla, Brian VanRiper, Adam ¬† Wendling, Paul Karsko, Amar Adatia.

Roy Miller (Damon) ¬†si sente messo in mezzo. √ą un soldato americano ¬†preparato, sa quello che fa, √® pronto ad eseguire le missioni anche le pi√Ļ dure. Quando da luogotenente (lo chiamano ‚Äúcapo‚ÄĚ) ¬†viene ¬†incaricato di scoprire ¬†nel deserto iracheno ¬†i siti dove sarebbero nascoste le armi di distruzione di massa, Roy ¬†si impegna a fondo ¬†con la sua squadra per mettere le mani sulle ‚Äúprove‚ÄĚ della ragione per cui – come dice egli stesso – l’esercito statunitense si trova in Iraq. Siamo nel 2003. ¬†Una, due, tre azioni in mezzo a mille ¬†pericoli e violenze di tutti i tipi: niente, nessun deposito chimico, tanto che a Miller comincia a venire il dubbio che le indicazioni ricevute dai superiori provengano da informazioni segrete sbagliate. Errori casuali? La strana reazione degli ufficiali alle sue prime domande ¬†incuriosisce Roy, il quale comincia per conto proprio ad indagare sulla ‚Äúverit√†‚ÄĚ della sua stessa presenza in quel paese sconvolto da contrasti che sembrano insanabili. Entrano in ballo personaggi dell’intrigo internazionale, la Cia, la Dia, i Berretti Verdi, i politici locali che complottano ¬†nella confusione totale. Freddy (Abdalla), un civile, ¬†offre a Miller la propria collaborazione per arrivare alla fonte delle false notizie mentre ¬† ¬†una giornalista (Ryan) ¬†impegnata sul campo ¬†mostra gli stessi interessi. Per quanto complicato, il film appare ridondante, quasi come ¬†potrebbe esserlo oggi ¬†un western sulla ‚Äúverit√†‚ÄĚ degli indiani d’America. Tra i fatti e ¬†l’azione di Miller ¬†(Green Zone – avverte il regista – non √® un film sulla guerra in Iraq) si frappone la scelta di genere, con gli stereotipi stracollaudati, militari in tuta da cambattimento, ¬†scontri armati, elicotteri, inseguimenti, ecc. E ¬†Greengrass carica anche troppo le sequenze di un ritmo asfissiante. I primi dieci minuti mettono lo spettatore a dura prova. D’altra parte, √® chiara la necessit√† di bypassare l’ostacolo obbiettivo rappresentato dalla montagna di materiali da Tg accumulatisi nella memoria collettiva ed elaborati ormai in un immaginario non pi√Ļ tanto disponibile a fantasie ulteriori. √ą il limite che rende quest’ultimo lavoro del regista britannico ¬†meno attraente ¬†dei due film da lui diretti e ¬†dedicati all’alienazione di Jason Bourne, il superkiller di ¬†Bourne supremacy e Bourne ultimatum. Tuttavia una qualche similitudine resta, per cos√¨ dire, nell’aria, proprio in quel sentirsi, i personaggi interpretati da Damon, coinvolti involontariamente in un destino alienante. Se Bourne si chiedeva che fine avesse fatto la propria coscienza, Miller conclude il proprio ‚Äúspaesamento‚ÄĚ iracheno con una domanda che oltrepassa la mediet√† dello spettacolo: ¬ęChe cosa succeder√† la prossima volta che chiederemo fiducia? ¬Ľ.

Il cacciatore di ex

The Bounty Hunter
Andy  Tennant, 2010
Fotografia Oliver  Bokelberg
Gerard  Butler, Jennifer  Aniston, Christine  Baranski, Cathy  Moriarty, Dorian  Missick, Adam  Rose, Joel  Garland, Eric  Zuckerman, Reyna  de Courcy, Jason  Kolotouros, Edward  Mitchell, Patrick  Mitchell.

Non √® una commedia semplice. Sulle prime sembra una semplice commedia, ma non appena i protagonisti prendono corpo ci si accorge che la trama entro cui agiscono quasi ¬†li costringe ad una vita impossibile, contraria in fondo alle loro stesse aspirazioni. Milo (Butler), poliziotto ‚Äúsimpatico‚ÄĚ ¬†e di poca fede, ha preferito farsi licenziare dalla Polizia per dedicarsi ad una pi√Ļ redditizia attivit√† privata: va a caccia di taglie, ripesca imputati che non si presentano in tribunale, riconsegna alla prigione gente che ha ritenuto troppo facile sottrarsi alla giustizia. ¬†Una vita ‚Äúbeata‚ÄĚ la sua. Si √® perfino dimenticato la separazione dalla moglie. Del resto, il matrimonio era durato soltanto qualche mese. Meglio la libert√†. Ma il destino, a volte, si mostra crudele. A Milo tocca di trasformarsi da cacciatore di taglie in cacciatore di ex. Gli capita infatti di doversi mettere sulle tracce di Nicole (Aniston), proprio ¬†la sua ex moglie. Giornalista dinamica e aggressiva, Nicole sta indagando circa un omicidio e non ha tempo per certe ‚Äúregolarit√†‚ÄĚ, mentre invece il giudice la vorrebbe tanto presente davanti a s√©. Ed ecco che la commedia si complica. √ą vero che fin dall’inizio era apparsa chiara in trasparenza la fine gloriosa dell’unione ritrovata. La via per arrivare al traguardo, per√≤, riserva sorprese, tanto da indurre il regista (Tutta colpa dell’amore, Hitch – Lui s√¨ che capisce le donne, Tutti pazzi per l’oro) a comporre una specie di ¬†cocktail fatto di rosa, di giallo e di azione, ¬†quasi fosse ¬†Tennat stesso un cacciatore, cacciatore di generi. Il risultato √® discretamente divertente, grazie anche alla buona prova degli attori. Butler (Il fantasma dell’Opera, 300, P.S. I love you) √® molto nella parte, simpatico e misurato. Aniston (E alla fine arriva Polly, Vizi di famiglia, La verit√† √® che non gli piaci abbastanza) pi√Ļ vera e meno smorfiosetta del solito.

Simon Konianski

Simon Konianski
Micha Wald, 2009
Fotografia Jean-Paul De Zaeytijd
Jonathan Zacca√Į, Popeck, Abraham Leber, Ir√®ne Herz, Nassim Ben Abdelmoumen, Marta Domingo, Ivan Fox.
Roma 2009, L’altro Cinema Extra.

Ritmo tranquillo, nessuna invenzione vistosa, commedia apparente (in realt√† saggio ¬†sulla possibile ¬†trasformazione della ¬†cultura ebraica), satira liscia, sorrisi e non risate. Gli ebrei oggi visti da uno di loro, non conservatore. Simon ¬† Konianski (Zacca√Į, Finch√© nozze non ci separino, Tutti i battiti del mio cuore), 35 anni, laureato in filosofia, ¬†si separa dalla madre di suo figlio Hadrien (Ben Abdelmoumen) ¬† ¬†e ¬†si rifugia ¬†dal padre Ernest (Popeck), dal quale non riesce a separarsi, ‚Äúimmaturo‚ÄĚ com’√®. Sembra pi√Ļ ragionevole il bambino, il quale, nonostante le proteste chiassose della mamma ballerina, sceglie di volta in volta con chi vuole stare, incuriosito sia dalla ‚Äúspensieratezza‚ÄĚ di Simon sia dalla ‚Äúsaggezza‚ÄĚ del nonno. Ernest racconta al piccolo il proprio passato drammatico (la deportazione, il campo di concentramento) e perseguita Simon con il ‚Äúnormale‚ÄĚ suggerimento di trovarsi un lavoro fisso. Sul versante persecuzione nazista, il limite della paranoia √® rappresentato dall’anziano fratello di Ernest (Leber), ossessionato tuttora ¬†dalla ‚Äúpresenza‚ÄĚ degli uomini della ¬†Stasi (la sicurezza di Stato della Germania comunista). Insomma passato, presente e futuro interagiscono in una trama situazionale nutrita di riferimenti in codice tra memoria e attualit√† ¬†(Gaza, la diaspora, lo sterminio, ¬†la ¬†presenza rabbinica). Uno di tali elementi, a un certo punto, si fa azione. Muore Ernest e c’√® il problema della sepoltura. Per rispettare le volont√† del padre, Simon si mette in ¬†macchina verso l’Ucraina portando con s√© ¬†la salma, Hadrien, ¬†lo zio ¬†e la ¬†moglie di lui. √ą un viaggio un po’ grottesco e un po’ patetico. Sembra comunque che a Simon faccia bene, il giovane pare sollevarsi dagli incubi di una famiglia troppo legata a certa mentalit√† tradizionale. Le scene per√≤ ¬†versano in ¬†una progressiva ¬†meccanicit√† che ¬†mescola simbolismi e riflessioni, umorismi e malinconie storiche senza ritrovare una ¬†sufficiente ¬†fluidit√† narrativa. Lasciando stare i Coen e ¬†Woody Allen, la cui evocazione da parte di alcuni pare non pi√Ļ che esterna e ¬†referenziale, il film del trentacinquenne regista ¬†belga (autore al secondo lungometraggio e gi√† ¬†apprezzato ¬†nei festival ¬†di Clermont-Ferrand, Locarno, Cannes, Montr√©al) evidenzia e ¬†conferma ¬†soprattutto una vivace ¬†istanza di rinnovamento culturale da parte dell’ebraismo.

L’uomo nell’ombra

The Ghost Writer
Roman Polanski, 2010
Fotografia Pawel  Edelman
Ewan  McGregor, Pierce  Brosnan, Kim  Cattrall, Olivia  Williams, James  Belushi, Timothy  Hutton, Eli  Wallach, Tom Wilkinson, Robert  Pugh, Jon  Bernthal.

Thriller non √® un campanello che suona, non √® una porta che cigola, non √® un temporale incombente. Non basta. La suspense non √® nelle ‚Äúcose‚ÄĚ ma su ci√≤ che pu√≤ accadere. E l’evento possibile non vale annunciarlo con un segnale, sebbene forte. L’evento che tiene sospesi √® nella sostanza stessa del racconto, si sviluppa con la trama, sorprende per la propria importanza, mentre succede invita alla cultura del dubbio, mentre promette soluzioni allarga il ventaglio delle ipotesi, seguendo i personaggi ne approfondisce il carattere e rende complessa la scelta del lettore, dello spettatore – e perfino nella musica, se ci pensate, ¬†la suspense dell’improvvisazione non rassicura circa la prevedibilit√† della ‚Äúcaduta‚ÄĚ della dominante. La suspense ¬†vuole arte, non si accontenta di artifici. Lo specifico di Polanski √® personale e classico insieme. L’autore √® inimitabile nella mestria di lasciare nella normalit√† delle cose l’inquietudine del mondo, ¬†eppure il suo metodo ¬†sprigiona implicazioni generali, provoca domande impegnative per tutti, impossibili da eludere. L’ex ministro britannico Adam Lang (Brosnan), protagonista del romanzo di Robert Harris (Il Ghostwriter, Mondadori) ¬†da cui parte Polanski, fa pensare a Tony Blair, √® vero. Anche il film fa lo stesso effetto. Il film per√≤ ci coinvolge al di l√† della valenza storico-politica di una biografia. La ¬†vita di cui tratta il film finisce per essere la nostra, vogliamo dire il problema di scriverne una, un’autentica biografia. ¬†Non v’√® sempre un ¬†fantasma a minacciare la nostra verit√† pi√Ļ intima? E non v’√® sempre il pericolo che il biografo di noi stessi muoia di morte improvvisa, assassinato per ragioni che ci sovrastano? Ecco la capacit√† di Polanski di trasmettere alla nostra sensibilit√† ¬†il turbamento ¬†tutto contemporaneo (ma che viene da molto lontano, diremmo dalle strutture della tragedia pi√Ļ antica) della vita ‚Äúraddoppiata‚ÄĚ nel suo contesto, rivissuta e straniata su ragioni che non riusciamo a controllare, tanto che pu√≤ venire un giorno in cui il manoscritto ¬†si disperda al vento e con esso il senso ingombrante di una realt√† troppo intima per essere interessante e troppo interessante per restare autentica. Un autore fantasma √® in ciascuno di noi? Andate a domandarlo a McGregor, come si sia sentito nella parte del ghostwriter, dovendo fingere di essere un altro. ¬ęLavori per un assassino! ¬Ľ, gli gridano ¬†i pacifisti che dimostrano contro le ‚Äúguerre illegali‚ÄĚ di Lang. Prima o poi, entrer√† in ballo la Cia. E forse, prima o poi, ciascuno di noi scoprir√† di essere in qualche modo ¬†un agente dell’Intelligence. Dipende dal senso che dovremmo dare alla morte misteriosa ¬†di McAra, lo scrittore fantasma ¬†che ha preceduto ¬†il ghostwriter ¬†interpretato da McGregor. Una cosa √® sicura, dovr√† pur esservi una ragione perch√© la vita di un uomo politico importante debba essere fissata nella pagine di un’autobiografia. Non pu√≤ trattarsi soltanto di un fattore editoriale. E tantomeno sar√† decisiva la questione dell’autenticit√† del manoscritto. Aleggia il fantasma di Hitchcock. Bisogner√† interrogarlo, prima o poi.


Letto 3496 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart