Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

CINEMA: I film visti da Franco Pecori

24 Aprile 2010

[Franco Pecori dal 1969 ha esercitato la critica cinematografica – per Filmcritica, Bianco & Nero, La Rivista del Cinematografo e per il Paese Sera. ¬†√ą autore, tra l’altro, di due monografie, Federico Fellini e Vittorio De Sica (La Nuova Italia, 1974 e 1980). Nel 1975, ha presentato alla Mostra di Venezia la Personale di Jean-Marie Straub e Dani√®le Huillet; e alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, con Maurizio Grande, una ricerca su Neorealismo: istituzioni e procedimenti (cfr. Lino Miccich√®, Il Neorealismo cinematografico italiano, Marsilio). Dal 2002, ha tenuto per 4 anni, sul Televideo Rai, la rubrica settimanale Film visti da Franco Pecori. Noto anche come poeta, Pecori pu√≤ vantare la stima di Franco Fortini]

Matrimoni e altri disastri

Matrimoni e altri disastri
Nina di Majo, 2009
Fotografia Cesare  Accetta
Margherita Buy, Fabio Volo, Luciana Littizzetto, Francesca Inaudi, Marisa Berenson, Mohammad ¬†Bakri, Massimo ¬†De Francovich, Italo ¬†Dall’Orto, Gianna ¬†Giachetti, Elisabetta ¬†Piccolomini, Stefano ¬†Abbati, Jarkko ¬†Pajunen, Antonio Petrocelli, Sergio ¬†Forconi, Laura ¬†Pestellini, Nicoletta ¬†Boris, Mehmet ¬†Gunsur, Lorenzo ¬†Caponetto, Danilo ¬†Nigrelli. ¬†

Incuriositi dall’annuncio sbalorditivo della ¬ęsvolta sexy ¬Ľ di Margherita Buy – ¬ęAspettavo da anni questo momento ¬Ľ aveva commentato l’attrice prima dell’uscita del film – siamo corsi a vedere il terzo lungometraggio di Nina di Majo (Autunno, 1999, L’inverno, 2001). La Buy esibisce la solita bravura ‚Äúnevrotica‚ÄĚ, con la differenza che questa volta non resiste al fascino di Alessandro/Volo, il quale, la notte prima del proprio matrimonio con Beatrice (Inaudi), ubriaco e tutto vestito, ¬†si sovrappone ¬†senza ¬†enfasi ¬†alla ‚Äúsorella‚ÄĚ della sposa, Nan√†/Buy appunto. Di essa vediamo di sfuggita una coscia. Niente paura: pochi secondi e via. L’attimo non-erotico ¬†√® la conseguenza ¬†del fatto che i due ‚Äúcognati‚ÄĚ si sono dovuti frequentare nel compito della preparazione della lsita di nozze tra ¬†Alessandro e Beatrice (invenzione di una sceneggiatura instabile). Il momento culminante della commedia √® ¬†comunque un altro e arriva quando Nan√† scopre che ¬†Beatrice nacque non da suo padre ma da quello che in famiglia ¬†ha sempre sentito chiamare zio e che tuttora compone un segreto terzetto con Lucrezia (Berenson), madre ‚Äúsnaturata‚ÄĚ ¬†e attrice forse troppo ambiziosa. Ma anche qui niente paura: lo sbigottimento della Buy dura pochi minuti. Il resto √® raccontato principalmente dalla voce fuori campo della protagonista. Il testo ¬†si accolla cos√¨ ¬†la responsabilit√† del filo logico dell’azione. Restando infatti ¬†al susseguirsi ¬†delle sequenze, avremmo poco pi√Ļ di un ¬†insieme di ‚Äúfigure‚ÄĚ, rappresentative di un’intenzionale casistica sociologica ricavata – sembra – da una ricognizione ¬†sommaria sulla borghesia medio-alta localizzata in quel di Firenze. Dal punto di vista di una dinamica cinematografia, il film √® fermo, le gag sono prevedibili con un anticipo di diversi secondi e insomma un ipotetico lavoro di d√©coupage risulterebbe ¬†non poco improduttivo. Qualche rischio √® prevedibile anche nell’eventuale utilizzo televisivo del film, visto che, per dirne una, la stessa Littizzetto, nel ruolo di amica ¬†della zitella ¬†Nan√†, √® ben lontana dalle brillantezze dimostrate in simpatiche ¬†trasmissioni d’intrattenimento.

La citt√† verr√† distrutta all’alba

The Crazies
Breck Eisner, 2010
Fotografia Maxime  Alexandre
Timothy  Olyphant, Radha  Mitchell, Joe  Anderson, Danielle  Panabaker, Christie Lynn  Smith, Brett  Rickaby, Preston  Bailey, John  Aylward.

Il genere horror √® ¬†tra i pi√Ļ rigidi nel rispettare alcune regole sia strutturali che espressive, prima fra tutte la regola della ¬†‚ÄĚpaura‚ÄĚ. Nei pochi casi in cui viene coltivato in forma autoriale, e se non altro per questo, l’horror non pu√≤ sfuggire ad un plus di ambiguit√† produttiva, estetica. Dato che la ‚Äúpaura‚ÄĚ √® un parametro di per s√© troppo largo – ¬†a pensarci, non si sa bene come definirlo giacch√© motivazioni ed effetti tendono a confondersi in una nebbia emotiva ¬†e/o in un labirinto ideale dalle radici complesse, difficilmente semplificabili ¬†-, il giudizio estetico diviene essenziale – ¬†proprio come dev’essere. Di fronte ad un ¬†capolavoro di George A. Romero (La notte dei morti viventi, 1968) niente di meno significativo della domanda preventiva, che alcuni appassionati di horror usano porre ad amici che hanno gi√† visto ¬†il film: ¬ęFa paura? quanto fa paura? ¬Ľ. La montagna di referenzialit√† che quel film poteva ¬†indicare gi√† ¬†ai tempi ¬†della Contestazione (il mondo tecnico e ‚Äúsperimentale‚ÄĚ che si decompone fino ad invertire, per mancanza di una prospettiva filosofica, ¬†la ¬†propria vitalit√† in forme di orribile sopravvivenza) non ha pi√Ļ smesso di accrescersi, grazie all’arte cinematografica di un regista che ha saputo dare all’horror un senso non precostituito. Per intenderci, la suspence √® elemento essenziale del film, legato sia alla forma che alla sostanza del contenuto in maniera non esclusivamente progettuale bens√¨ percettiva non meno che narrativa. Il che realizza appunto quella sorta di ¬†consustanzialit√† che d√† al film il necessario carattere di implementariet√† e carica l’horror del plurisenso indispensabile per una coscienza complessa della fruizione. Tanto questo √® vero ¬†che perfino in un prodotto secondario rispetto al capolavoro del ‚Äė68, Romero, continuando ‚Äúin minore‚ÄĚ la ripetizione ¬† del tema dell’‚ÄĚinquinamento‚ÄĚ per errore o disgrazia, e cio√® del destino catastrofico di un’umanit√† ‚Äúmaledetta‚ÄĚ dalla ¬†sua ‚Äúvocazione‚ÄĚ malefica, riesce a prolungare il perverso successo in chiave di ‚Äúcontagio‚ÄĚ col successivo The Crazies (La citt√† ver√† distrutta all’alba, ¬†1973). Dopo di che, ¬†diverr√† ¬†ineluttabile la ‚Äúregolarit√†‚ÄĚ, la stabilizzazione anche concettuale del termine Zombie, tradotto in film nel 1978. √ą la qualit√† artistica dell’invenzione di Romero a fare dell’horror un oggetto culturale produttivo, in profondit√† e al di l√† del genere. E a rendere possibile, diremmo quasi naturale, oggi una conseguente interpretazione proprio del proseguimento ¬†di quei Folli del ‚Äė73, cos√¨ lontani nel tempo cos√¨ vicini nella mente collettiva. Eisner (Sahara, 2005), ha avuto l’intelligenza di cercare nel precedente la saggezza di un’epoca e di tradurla non alla lettera, nella sostanza. Il pericolo, l’incubo del contagio viene da un virus prodotto da una ricerca batteriologica a fini militari. Un aereo cade e porta sostanze velenose nella piccola citt√† di provincia, nel cuore dell’America. Lo sceriffo, la moglie incinta, la fuga dai mostri inconsapevoli ¬†assalitori. Tutto sembra come allora, ma non √® una ripetizione. Ora il mondo sembra davvero avviato all’autodistruzione. Non resta che recintare il pericolo, ma con poche speranze. La scommessa √® estrema. Ed ecco che ¬†a fronte di un tale futuro l’aggressione dei folli – ¬†contagiati a noi vicini, ¬†gente che conosciamo bene, che vediamo ogni giorno, ¬†sanguinari e insensati – ¬†risulta delimitata, circoscrivibile. Tuttavia l’orrore che produce √® al di l√† del ‚Äúsangue‚ÄĚ e della violenza deflagrante e ‚Äúimprovvisa‚ÄĚ. S’impadronisce di noi, invece, ¬†una sensazione (estetica appunto) ¬†di disgusto verso la possibilit√† stessa, o probabilit√†, che un triste destino segua i nostri passi, ¬†lungo il confine del campo di grano. √ą vero, all’orizzonte s’intravede un’altra citt√†, salvata dalla distruzione. La sensazione, per√≤, √® che il finale sia fittizio. E che ¬†non valgano i ‚Äúgrandi mezzi‚ÄĚ e gli effetti ¬†utilizzati dal regista per assistere la nostra fantasia nell’angoscioso viaggio attraverso la pazzia del contagio. No, questa citt√† distrutta all’alba non √® una semplice ripetizione.


Letto 2054 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart