Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

CINEMA: Morto Gualtiero Jacopetti di “Mondo cane”. Nato a Barga

19 Agosto 2011

Segnalo la notizia data dall’Ansa, proprio perché Jacopetti era nativo di Barga, la bella cittadina in provincia di Lucca.
__________
Addio Jacopetti, cronista Mondo Cane
Reporter d’assalto, scandalizzo’ l’Italia con i suoi documentari
18 agosto, 12:34

di Giorgio Gosetti

ROMA – Era di Barga, toscanaccio per discendenza e per scelta; viveva a Roma in un attico appartato e lontano dal frastuono di quella citta’ del cinema che per una breve stagione lo adotto’ facendone il diavolo e l’eroe contemporaneamente. Gualtiero Jacopetti, nato il 4 settembre del 1919 e scomparso ieri sera, e’ stato la pietra dello scandalo e il protagonista di una breve stagione del giornalismo e del cinema italiano: quella che fotografava l’Italia degli anni ’50 che tra mille paure e frenesie si affacciava agli anni ’60. Non e’ certo per caso che proprio a lui si ispiro’ Federico Fellini per costruire il personaggio di Marcello, cronista cinico e timido di ”La dolce vita”.
In quegli anni il vero Jacopetti aveva tutta Via Veneto ai suoi piedi: era stato giornalista d’assalto, detenuto in carcere, protagonista di polemiche e processi, cacciatore di donne e sedotto dalle donne. Occhi azzurrissimi, cipiglio ribelle, capelli neri, eterno sorriso beffardo, si era fatto largo da solo nel mondo dell’informazione e del cinematografo.
“All’estero – ha raccontato una volta a Barbara Palombelli in un’intervista -, ‘Mondo Cane’ e ‘Africa Addio’ sono oggetto di culto e di studio. In Italia, invece, mi hanno detto di tutto: razzista, fascista, mi hanno accusato perfino di strage. Tutto falso come poi i tribunali hanno dimostrato. Sia chiaro: rifarei tutto quello che ho fatto. E mai stato fascista”. Si e’ sempre invece definito ”liberale e anticomunista”, venerava il suo primo direttore di giornale, Indro Montanelli, e alla sua visione laica del mondo si ispirava. Lo conobbe subito dopo la guerra, che aveva vissuto da volontario e poi da partigiano, ma sempre onesto nel dichiarare la grande fascinazione che su di lui aveva avuto il mito del Duce.
Alla vigilia delle elezioni del ’48 diede vita a un movimento anticomunista, quindi parti’ da clandestino per l’Austria e li’ comincio’ la sua carriera di reporter, inviato speciale ante litteram: appassionato di viaggi e sempre alla ricerca delle sfide estreme, sarebbe andato piu’ volte in Africa, avrebbe conosciuto la prigione (condannato per lo stupro, sempre negato, di una minorenne che poi sposo’), avrebbe dato vita negli anni ’50 al suo primo giornale ‘Cronache’, insieme a firme di assoluto prestigio.
Dopo un’intervista al Negus d’Etiopia venduta alla ‘Settimana Incom’ diretta da Barzini Junior, l’intraprendente giornalista si specializzo’ nei reportage ad effetto. E insieme all’amico Carlo Prosperi convinse il commendatore Rizzoli a produrre il suo primo film di montaggio. Era il 1961 e ‘Mondo cane’ fece il giro del mondo con un effetto a sensazione che frutto’ clamorosi incassi e dure polemiche. La colonna sonora di Riz Ortolani (‘More’) divenne la sigla sonora di quel decennio. Dopo un ‘sequel’ realizzato di malavoglia, altri titoli come ‘La donna nel mondo’ (con Paolo Cavara) e ‘Addio Zio Tom’, Jacopetti torna a far parlare di se’ in modo clamoroso con ‘Africa addio’ del 1964 sui guasti e le storture della fine del colonialismo.
La ricetta del successo e’ sempre la stessa, un genere di cinema documentario soggettivo e provocatorio che resta indissolubile dal suo nome: immagini a sensazione, punto di vista cinico ed anticonvenzionale, indifferenza ai modelli etici della chiesa e del comunismo, individualismo ostentato e aggressivo.
“All’inizio degli anni ’80 mi chiamo’ perfino Berlusconi – ha raccontato – che voleva affidarmi le sue televisioni ma poi mi spiego’ che non poteva per il veto dei socialisti. Oggi che e’ un po’ in disarmo mi verrebbe voglia di cercarlo: sono fatto cosi’, mi piacciono i perdenti”. Intanto nella vita privata gli anni ’60 di Jacopetti furono altrettanto tumultuosi: lasciata la prima moglie si fidanzo’, per la gioia dei paparazzi, con l’attrice Belinda Lee. Ebbe con lei un terribile incidente d’auto, rimase a lungo dipendente dalle droghe, mise al mondo una figlia adorata. Un paio di film sfortunati sempre appartenenti al modello originale (l’ultimo fu ‘Mondo Candido’), gli chiusero le porte del cinema e comincio’ un lento declino raccontato di recente nel libro/intervista ‘Mondo cane addio’ pubblicato su internet nel 2010 da Marcello Bussi.
Difficile ancor oggi dire chi sia stato Gualtiero Jacopetti: certamente un innovatore del linguaggio giornalistico e del documentario, certamente un “cane sciolto” prima sopravvalutato e poi esecrato; certamente un uomo solo incapace di uscire dal cerchio della sua bravura e delle sue ossessioni. Jacopetti sara’ cremato e sepolto nel cimitero degli inglesi a Roma accanto a Belinda Lee.

© Copyright ANSA – Tutti i diritti riservati


Letto 2811 volte.


2 Comments

  1. Commento by vittorio baccelli — 19 Agosto 2011 @ 12:33

    GUALTIERO JACOPETTI

     

    BARGA – Alla vigilia dei suoi 92 anni, è morto Gualtiero Jacopetti, nato a Barga e da sempre toscanaccio doc. la cui formazione fu fornita dall’amicizia di Malaparte e di Montanelli. Ricordo quando nel ’62 uscì Mondo Cane, con le sale cinematografiche gremite per vedere questo film-documentario provocatorio, al quale con ugual successo seguì Africa Addio. Cane sciolto, come si diceva allora, anticomunista, ateo sempre, lanciò per primo il documentario sensazionalistico, la provocazione attraverso i fatti, denunciò gli orrori dovuti allo sfacelo del colonialismo. Indro Montanelli lo introdusse al Corriere della Sera, fondò poi Cronache, dalle cui ceneri sarebbe poi sorto l’Espresso, raggiunge il successo coi cinegiornali Europeo Ciak e Ieri oggi domani. Negli anni ’50 era tra i personaggi della dolce vita romana, giornalista cinico e d’assalto: a lui s’ispirò Fellini per il personaggio, Marcello, della Dolce Vita. Dimenticato, bistrattato, criticato e accusato ingiustamente, solo perché mai si schierò con l’ortodossia della kultura italiana, oggi dopo la sua morte, forse sarebbe giusto rivalutarlo appieno nei suoi aspetti più innovatori e irriverenti. Restano pagine memorabili le scene delle soldatesse di Sion uscite dalla doccia e quelle emananti pace dei giovani boeri in Sud Africa. Sono visibili gratis in internet, sia Mondo Cane che Africa Addio:

    http://www.veoh.com/watch/v18843491hpFF3pkQ

    http://video.google.com/videoplay?docid=4540134202583442015

     

    Vittorio Baccelli

  2. Commento by vittorio baccelli — 21 Agosto 2011 @ 10:39

    GUALTIERO JACOPETTI

    BARGA – Sta già raccogliendo numerosi positivi consensi la proposta del sen. Andrea Marcucci di dedicare un festival in onore di Gualtiero Jacopetti, nato a Barga 92 anni fa e che ha sempre mantenuto stretti rapporti con la sua città natale, dalla quale “ha ereditato uno spirito sanguigno e libertario”. Sono in molti ancora a ricordare quando nel ’62 uscì Mondo Cane, con le sale cinematografiche gremite per vedere questo film-documentario provocatorio, al quale con ugual successo seguì Africa Addio. Jacopetti lanciò per primo il documentario sensazionalistico, la provocazione attraverso i fatti, denunciò gli orrori seguiti al crollo del colonialismo. Indro Montanelli lo introdusse al Corriere della Sera, fondò poi Cronache, dalle cui ceneri sarebbe sorto l’Espresso, raggiunse il pieno successo coi cinegiornali Europeo Ciak e Ieri oggi domani. Negli anni ’50 era tra i personaggi più alla moda della dolce vita romana, giornalista d’assalto e personaggio irriverente: a lui s’ispirò Fellini per il cronista Marcello, della Dolce Vita. Oggi dopo la sua morte, è sentita l’esigenza, ben espressa dal sen. Marcucci, di rivalutarlo appieno nei suoi aspetti più innovatori e irriverenti e anche per farlo conoscere alle più giovani generazioni. Sono visibili in internet, sia Mondo Cane che Africa Addio, alle pagine web:

    http://www.veoh.com/watch/v18843491hpFF3pkQ

    http://video.google.com/videoplay?docid=4540134202583442015

     

    Vittorio Baccelli

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart