Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Da che parte sta il neofascismo

6 Marzo 2010

Era il 14 gennaio di quest’anno, il giorno del mio 68mo compleanno, quando scrissi ‚ÄúOggi √® la destra il partito del rinnovamento‚ÄĚ. ¬†
I fatti di questi giorni in merito al pericolo che si è corso di eliminare milioni di cittadini dalla competizione elettorale, me ne hanno dato una ulteriore conferma.  

Per fortuna, stanotte Napolitano, firmando il decreto legge presentato dal governo, ha smascherato le falsit√† e le ipocrisie di coloro che all’opposizione avrebbero preferito competere da soli per essere sicuri di conquistare il potere almeno nelle due regioni tra le pi√Ļ importanti d’Italia, il Lazio e la Lombardia. ¬†

Pur di arrivare a questo risultato non hanno badato a spese. Fino a ieri nel tardo pomeriggio, gli strilloni di alcuni giornali parlavano di golpe da parte della maggioranza e Di Pietro arringava l’opinione pubblica sostenendo che era venuto il tempo di inviare a Palazzo Chigi i carri armati. ¬†

Napolitano ha dimostrato, finalmente, di avere buon senso, e gliene dobbiamo dare atto in una situazione che avrebbe potuto diventare esplosiva.  

Oggi l’opposizione ha le armi spuntate. Grider√†, almanaccher√†, forse minaccer√†, ma la firma del capo dello Stato al decreto legge (da parte, sottolineo, di un uomo che proprio dalla sinistra proviene) garantisce a tutti che il governo ha operato nella legalit√†.
Il disegno eversivo, sostenuto in specie dal Pd, di riuscire a votare senza l’avversario √® fallito. ¬†

Ora siamo in attesa delle sentenze del Tar, il cui esito dovrebbe essere scontato, essendo il decreto legge già operante.
Vedremo se anche presso il Tar prevarranno i cavilli (quali?) in luogo della sostanza.  

Perch√© la sostanza √® una sola ed √® fondamentale: garantire a tutti i cittadini, come prescrive la Costituzione all’art. 48, di esercitare il loro diritto di voto.
Inutile fare giri di parole: è fascismo puro e semplice ogni volta che ci si nasconda dietro i formalismi per impedire a milioni di elettori di votare.  

Qualunque sofistico ragionamento √® qui che va a sbattere la testa. Non ci potranno mai essere sottigliezze argomentative, perfino le pi√Ļ forti, che autorizzino ad ¬† escludere una massa cos√¨ imponente di cittadini dalla consultazione elettorale. ¬†

Nei giorni scorsi ne abbiamo sentite di tutti i colori. Addirittura si richiedeva alla maggioranza di dichiarare pubblicamente la propria responsabilit√†, e solo dopo l’opposizione avrebbe dato il via ad una soluzione bipartisan. Ossia: la soddisfazione di poter dare una specie di grazia ad una maggioranza genuflessa veniva avanti al diritto di milioni di cittadini di esprimere la loro scelta di voto. ¬†

Se non √® fascismo questo√Ę‚ā¨¬¶ ¬†

Ora staremo a vedere che cosa s’inventer√† l’opposizione. Vedremo le nuove marce su Roma dei nuovi fascisti. Sventoleranno le bandiere rosse che, se non sono quelle di Mussolini, sono per√≤ quelle di Stalin.

Articoli correlati

“Napolitano: ¬ęNon sostenibile l’esclusione del Pdl dalle elezioni ¬Ľ”. Qui.

“Il Tar riammette Formigoni”. Qui.


Letto 1870 volte.
ÔĽŅ

13 Comments

  1. Commento by giuliomozzi — 6 Marzo 2010 @ 11:44

    Be’, se la candidata Polverini o il candidato Formigoni avessero dichiarato qualcosa del tipo: “Siamo stati degli sciocchi, abbiamo presentata la nostra documentazione in ritardo e/o con delle irregolarit√†; ci date una mano a inventare un sistema per risolvere la situazione – visto che √® palesemente assurdo che siamo fuori dalla competizione”, anzich√© gridare al complotto eccetera, forse sarebbero stati pi√Ļ carini.

    Il decreto √® stato comunque firmato da Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica e – se non m’inganno – storicamente comunista.

  2. Commento by silvio — 6 Marzo 2010 @ 12:31

    Forse interpreto male il commento del sig. giuliomozzi.

    Ma veramente qualcuno si attendeva ammissioni di presunte responsabilità da parte del pdl, nonostante che,anche il PDR ha ritenuto giusto firmare un decreto???

    E’ la responsabilita’ di abusi da parte di qualche Magistrato incompetente, ma sopratutto delle persone che si sono adoperate per impedire l’accesso del delegato pdl, dove la mettiamo??

    Cordialità

  3. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 6 Marzo 2010 @ 13:08

    Giulio, che la firma √® venuta da un ex comunista l’ho fatto notare (“da parte, sottolineo, di un uomo che proprio dalla sinistra proviene”).
    Per il resto ti ha risposto Silvio, oltre che il mio pezzo: qui (“Addirittura si richiedeva alla maggioranza di dichiarare pubblicamente la propria responsabilit√†, e solo dopo l’opposizione avrebbe dato il via ad una soluzione bipartisan. Ossia: la soddisfazione di poter dare una specie di grazia ad una maggioranza genuflessa veniva avanti al diritto di milioni di cittadini di esprimere la loro scelta di voto.”) ¬†

  4. Commento by Ambra Biagioni — 6 Marzo 2010 @ 13:22

    Credo che il Centrodestra debba definitivamente togliersi da dosso quel sottile senso di colpa che ha radici lontane ed è ampiamente stato coltivato dalla Sinistra.

    Perché dare per scontate delle colpe che, forse, non ci sono ? Perché fare un mea culpa che sarebbe giusto se fosse generale, destra e sinistra insieme, dal momento che Formigoni, e non solo lui, ha i documenti per denunciare le tante irregolarità lasciate passare alla sinistra ?

    Piantiamola di piangerci addosso, alziamo la testa, raddriziamo le spalle e combattiamo ad armi pari, tantopi√Ļ che siamo in maggioranza.

  5. Commento by Ambra Biagioni — 6 Marzo 2010 @ 13:59

    Di utile lettura da Libero 6/03/10

  6. Commento by Felice Muolo — 6 Marzo 2010 @ 18:31

    Per evitare situazioni analoghe in futuro, credo che i partiti che nell’ultima tornata elettorale abbiano ottenuto un considerevole numero di voti, da stabilire, dovrebbero essere esenti da presentare liste di firme per essere ammessi a nuove votazioni. ¬†

  7. Commento by Ambra Biagioni — 6 Marzo 2010 @ 23:18

    Da Ragionpolitica

  8. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 7 Marzo 2010 @ 00:40

    Grazie, Ambra, ho inserito il link nel nuovo articolo già  leggibile sul blog.

  9. Commento by silvio — 7 Marzo 2010 @ 16:57

    Vorrei ¬† aggiungere, leggendo i lamenti e le sciocchezze di Bersani, Di Pietro ed ora anche Franceschini, visto che tutti e tre dichiarano il ddl anticostituzionale al punto (Di Pietro) di voler chiedere l’impicment del PDR, ¬† chi mi chiarisce quale articolo della Costituzione dice che non si pu√≤ fare un decreto interpretativo di una legge?? Infatti tutti citano la Costituzione, ma nessuno cita l’articolo infranto.

    Immagino gia i risultati delle manifestazioni e di quant’altro minacciato: Partecipanti due, paganti uno….

    Cordialità

  10. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 7 Marzo 2010 @ 17:42

    Citano l’art.72 che ha questo comma:
    “La procedura normale di esame e di approvazione diretta da parte della Camera √® sempre adottata per i ¬†disegni di legge in materia costituzionale ¬†ed elettorale e per quelli di delegazione legislativa, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali, di approvazione di bilanci e consuntivi ”

    Ma, come si vede, ¬†questo comma non parla di decreti interpretativi. E’ l’accordo raggiunto tra governo e Napolitano e proprio perch√© non viola la Costituzione Napolitano ha firmato il decreto,

  11. Commento by giuliomozzi — 12 Marzo 2010 @ 12:01

    Oh, s√¨, certo. Dopo aver detto che non era l√¨ dove doveva essere perch√© era uscito a mangiarsi un panino, dopo aver detto che non era l√¨ dove doveva essere perch√© sua moglie stava male, al terzo colpo la persona che doveva consegnare la documentazione della lista Pdl in provincia di Roma ha detto che non era l√¨ dove doveva essere perch√© gli era stato impedito l’accesso.

    E giustamente ha denunciato due persone per avergli impedito l’accesso.

    Queste due persone sono state denunciate. Non sono state ancora giudicate. Vale dunque la presunzione d’innocenza.

    Giusto?

  12. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 12 Marzo 2010 @ 13:28

    Giulio, sui fatti di Roma, sono il primo a sostenere che ¬†se ci siano delle responsabilit√† circa l’impedimento sar√† la magistratura a stabilirlo. Io sono un forte sostenitore, anche di fronte agli avvisi di garanzia e quant’altro, che fino a che non sia stata emessa una sentenza definitiva la costituzione sancisce la presunzione di innocenza per tutti. Ma sono pochi quelli che se lo ricordano.

    La risposta dunque la trovi confermata nel mio post di ieri “Cominciamo a fare come Sherlock Holmes”, qui. Da cui estraggo:

    “Ma ora andiamo a Roma. Berlusconi denuncia che i presentatori della lista del Pdl sono stati ostacolati. Il Pd e i radicali dicono che √® tutto falso. Vedremo. Tuttavia una cosa √® certa: il magistrato doveva consentire l’ingresso, anche tardivo, dei rappresentanti del Pdl e registrare il loro ritardo. Lo prevede la legge. Non lo hanno fatto. Perch√© non si √® tenuto conto di questa grave mancanza? Perch√© il Csm, anzich√© farsi prendere dalla fregola di condannare Berlusconi (uscendo dal seminato), non assume, come sarebbe suo compito, provvedimenti disciplinari contro il magistrato inadempiente?”

    Ma il punmto essenziale di questo vicenda è un altro: che il Pdl si batte per far votare. Il pd per non far votare.
    Due democrazie agli antipodi. Ma quella del Pd non √® nemmno una democrazia. Il Pd avrebbe dovuto dire – come ha sostenuto Ferrara -che il Pdl aveva sbagliato, ma che il Pd non poteva lasciare fuori dalla scelta di ¬†voto milioni di elettori del centrodestra. Ne avrebbe tratto un’immagine democratica molto forte. Invece ha preteso le scuse (secondo me un pretesto politico) e si ¬†batte, presentando il ricorso annunciato, ¬†affinch√© la lista Formigoni sia esclusa dalla competizione!

    Con l’occasione avrebbero anche potuto trovare – come dice Pannella – una sanatoria valida per tutte le liste escluse.

    Va da sé che occorrerà modificare questo sistema assurdo, limitando, ad esempio,  le pignolerie ai nuovi partiti che si presentano sulla scena politica.

  13. Commento by Ambra Biagioni — 12 Marzo 2010 @ 13:38

    E questo allora che significa ?

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart