Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Dorothy Louise Zinn – La raccomandazione – Clientelismo vecchio e nuovo, Donzelli Roma 2001

22 Ottobre 2007

di Alfio Squillaci

[L’ultimo libro di Alfio Squillaci: “Mare Jonio”, Sedizioni, 2007]
(da oggi si avvia una collaborazione con Alfio Squillaci, direttore della rivista letteraria La Frusta!)

Che dovesse pervenire da una statunitense uno studio ampio ed articolato sulla devastante pratica sociale della raccomandazione in Italia, è un fatto che solo in un primo momento lascia sorpresi. In fondo, dicono   che nel Corano i cammelli non siano mai citati; sono per così dire tanto   impliciti nel paesaggio locale che non è necessario farvi continuo riferimento (come la neve nei romanzi russi!).

Analogamente vogliamo credere che il nostro cammello della raccomandazione sia così presente nel nostro paesaggio morale che farvi riferimento, da parte dei nostri studiosi delle scienze sociali, suonerebbe pleonastico. Si sa come vanno certe cose in Italia!
Eppure, ¬† credo che tale problematica non sia al centro delle osservazioni e degli studi dei nostri sociologi e antropologi per almeno due ragioni. La prima √® dovuta a quella specie di rimozione nevrotica cui alludeva il dimenticato antropologo degli italiani Carlo Tullio-Altan (che ahim√® non trovo citato dalla Zinn con nessun libro nell’ampia bibliografia finale) nel saggio La nostra Italia, allorch√© si poneva ad argomentare sulla mancata attenzione dei nostri studiosi verso certe forme di arretratezza socio-culturale del nostro Paese. Questa rimozione nevrotica tende ad occultare un primato amorale e incivile del nostro Paese, e a nessuno piace vedersi bollati come backward society, locuzione che, ricordo, √® nel titolo del celebre studio sul familismo amorale di ¬† E. C. Banfield – The moral basis of a backward society appunto – o essere oggetto di studio come una trib√Ļ di Tubinamb√† o di Nambikwara alla merc√© di qualsiasi Levi-Strauss di passaggio. (1) ¬† In secondo luogo ritengo che tale prassi sociale sia cos√¨ diffusa e condivisa anche presso i nostri figli di Academo, e a tal punto, che impedirebbe loro, pour cause, ¬† di farne oggetto, non dico di denuncia pubblica ossessiva e percussiva, come la gravissima questione morale richiederebbe, ma di semplice, impassibile oggetto di indagine, (2); anche perch√© pur sottacendo i propri peccati privati in materia, occorrerebbe presso costoro un’indignazione suppletiva – o una tensione universalistica pronunciatissima – che essi evidentemente non possiedono. Si sa come vanno certe cose in Italia!
Cos√¨, da straniera, che in etnologia significa assistita dal regard √©loign√© di chi viene da fuori ¬† della comunit√† osservata, ma che ci vive dentro con gli strumenti dell’osservazione partecipante, la Zinn avvia un’indagine sul campo nel paese di Bernalda, nel materano. Ora, tanti anni dopo Banfield tornare in Basilicata per un’altra indagine etnologica significa privilegiare quella regione come se essa abbia in vitro tutto il destino sociologico della nazione, o, come la Sicilia per Goethe, sia la chiave di volta di tutto. Questo privilegio della Basilicata ha destato di recente la sapida ironia dello scrittore potentino Gaetano Cappelli che nel suo ultimo godibilissimo romanzo Storia controversa dell’inarrestabile fortuna del vino Aglianico nel mondo, si inventa una studiosa americana, Chatryn Wallitriny, desiderosa di raggiungere il Nepal per una indagine sul campo ma che viene invece dirottata dalla Columbia University in Basilicata (tanto fa lo stesso parrebbe sogghignare Cappelli), a verificare cinquant’anni dopo Banfield lo stato del familismo amorale. Qui incontra il principe degli assenteisti universitari il basilisco Riccardo Fusco che ha scritto un saggio di etologia sociale, Le oche in piazza… e insomma la Basilicata magica, savana privilegiata per la caccia grossa di studiosi della taranta, dello sputo e della saliva, si deve sentire per mano del suo scrittore pi√Ļ significativo di oggi un po’ stanca di essere oggetto di studi sul primitivismo sociale.
Sia come sia, la Zinn non tace in questo libro le sue origini materane, n√© tanto meno la propria condizione sociale attuale e spesso sottolinea episodi della propria vita familiare (la scelta delle bomboniere ad esempio) per stringere pi√Ļ dapresso la propria osservazione partecipante, non certo senza garbo, con un pizzico di ironia talora, con molta simpatia verso gli osservati, seppure la pagina saggistica sia immersa in una mole di studi etnologici che zampilla da ogni dove.
E venendo al merito del libro, occorre sottolineare che in prima istanza la cultura della raccomandazione, appare alla Zinn, sulla scia di Marcel Mauss, un “fatto sociale totale”, ossia qualcosa che descrive interamente una societ√†, la connota intimimamente ¬† (fa s√¨ che si possa dire, aggiungiamo noi, che “un paese √® tutto un mondo”, specificit√† questa contrapposta alla tendenza generalizzante e minimizzante ¬† di chi afferma invece che in fondo “tutto il mondo √® paese”), fatto sociale totale che ¬† interagisce a tutti i livelli sia privati che pubblici: nella sfera politica, in quella economica, in quella della parentela e della religione. La raccomandazione √® ¬ętanto una ideologia quanto un fenomeno ideologico, che permea lo stile di molti tipi di relazioni sociali dell’Italia meridionale ¬Ľ. Ovviamente √® una ideologia da intendersi come fattore mentale-culturale, qualcosa da assimilare a una concezione del mondo molto vicina al concetto francese di mentalit√© (che per Michel Vovelle sulla scia di Fernand Braudel √® da concepirsi come la “tomba della lunga durata”), un fattore culturale inerziale cui tutti i soggetti di una data societ√† soggiacciono e a cui tutti si adeguano costretti, perch√© tutti i player di detta societ√† giocano quel gioco.

Di pi√Ļ, per la Zinn la raccomandazione non √® solo una prassi sociale e una ideologia, ma anche una vera e propria forma della comunicazione. Francamente quando la studiosa √® giunta a tratteggiare questo aspetto, a parlare della “poetica del clientelismo” e a enucleare i tratti linguistici della questione, lo ¬† stile espressivo, mi sono un po’ raffreddato a seguirla, come ¬† quando affronta la “raccomanazione come enunciato” (ad esempio: “Mi manda Picone”). Mi √® sembrato che allargando i confini del tema si perdesse di vista il fatto sociale nella sua essenza, e lo si annegasse nel vasto oceano della comunicazione sociale. Allo stesso modo non ho trovato molto chiara e stringente la sua tassonomia dei generi e sottogeneri della raccomandazione, che andrebbe dalla autoraccomandazione, alla raccomandazione di simpatia, fino a quella con tangente (sia in denaro che in natura) e al cronyism (cio√® un “clientelismo degli amiconi”). Tutte le volte invece che la Zinn centrava la raccomandazione come prassi sociale sorretta da una ideologia, da un condizionamento mentale-culturale, ¬† la trattazione della problematica trovava subito il mio consenso. Cos√¨ ad esempio il tema dell’isomorfismo ¬† tra clientelismo e culto dei santi (averci un santo in cielo e uno in terra che media, protegge e raccomanda); il fatto che la raccomandazione √® drammaticamente un arcaismo particolaristico-feudale che resiste ¬† alla rete dei rapporti stabilita con l’avvento nel mondo moderno occidentale del modello universale-razionalistico: la contrapposizione tra cultura del dono e mercato; insomma quando la raccomandazione √® tratteggiata per quello che √®: una forma pre-moderna, arretrata, di concepire i rapporti individuali e collettivi, tutta la trattazione trovava il mio consenso di impaziente lettore.
Io capisco che un’osservatrice ospite non voglia spingere sul pedale della “sindrome dell’arretratezza socio-culturale” all’interno della quale √® iscritto a ¬† mio avviso il fenomeno vasto e devastante della raccomandazione. C’√® una sorta di cautela e di garbo negli studiosi stranieri (anche in P.Ginsborg) a trattare questi temi, quasi che non vogliano, per mera cortesia di ospiti, maltrattarci. Di ci√≤ li ringraziamo. Ma noi che italiani siamo, membri della trib√Ļ, e che abbiamo subito sulla pelle il fenomeno, possiamo permetterci qualche risentita rozzezza e dire della raccomandazione ci√≤ che realmente √®: una turbativa grave dei destini sociali, quel misfatto sociale che prende a calci il merito paziente (Shakespeare, Amleto), che non consentendo, attraverso regole chiare e stringenti, ¬† una libera asta degli ingegni, determina il trionfo dei mediocri, sottrae energia al motore della mobilit√† sociale e depotenzia tutta la societ√†, portando saturnismo e “distruzione dei migliori”- ¬† per dirla con O. Seeck, studioso della fine dell’impero romano-, nelle classi dirigenti. ¬† Interi pezzi della nostra societ√†, delle nostre aziende (si veda la Rai, l’Alitalia, gli ospedali, etc) sono stremate da questa diffusa pratica sociale. Questo fenomeno sta portando l’Italia al collasso, e chiederebbe la sferza di un moralista ulcerato e risentito o l’intervento di un implacabile Licurgo, piuttosto che la trattazione “scientifica”, ma talora simpatetica e indulgente, di questo testo, che pure ha ¬† il merito di affrontare ¬† il tema di petto.

1) ¬† Ricordo a tal proposito l’esilarante prefazione allo studio di Banfield ¬† di Domenico De Masi nell’edizione del 1976 in cui pur procedendo, finalmente, alla traduzione letterale del titolo Le basi morali di una societ√† arretrata – mentre nella primissima edizione (1961) ¬† col titolo Una comunit√† del Mezzogiorno, si rimuoveva nevroticamente il richiamo all’arretratezza-, non manca tuttavia di muovere tutta una serie di speciose obiezioni al saggio dello studioso di Harvard, non ultimo alludendo corrivamente al fatto che Banfield fosse un agente dei servizi segreti americani!
(2) ¬† Certo non mancano ¬† gli studi sul fenomeno del clientelismo. Cito quelli di A.Graziano e A. Signorelli, oltre a quelli di Tullio-Altan, ma il tema √® marginale e s-centrato rispetto alle preoccupazioni e alle indagini dei nostri centri di ricerca presso le ¬† facolt√† di Sociologia o di Scienze Politiche. Salvo poi riscontrare che la problematica viene annegata nella formula che in fondo “tutto il mondo √® paese” e che essa non √® solo fenomeno sociale particolarmente nostro e vedere comparato lo specifico clientelismo italiano a quello di altri Paesi. Vedi i saggi di Simona Piattoni in tal senso.


Letto 4230 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart