Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Due articoli

11 Luglio 2012

La Germania davanti al bivio
di Barbara Spinelli
(da “Repubblica”, 11 luglio 2012)

A VOLTE, quando critichiamo Angela Merkel, dimentichiamo quel che sta succedendo in Germania: l’astio che domina tanti commenti di cittadini e politici, contro un’Europa del Sud che sta divenendo loro estranea. L’esigenza democratica, che si mescola ambiguamente a un nuovo nazionalismo e che spinge i tedeschi a fidarsi quasi solo della Corte costituzionale: proprio ieri, la Corte ha iniziato l’esame degli impegni presi da Berlino a Bruxelles, per verificare la loro compatibilit√† con la sovranit√† del popolo e del Parlamento. Il Sud Europa non si stanca di ammonire Berlino, evocando l’espandersi di sentimenti antitedeschi. Ma conoscono poco i sentimenti antieuropei che si addensano in Germania.

Citiamo, fra gli epiteti usati dai frequentatori dei giornali sul web, i pi√Ļ significativi: gli italiani, greci, spagnoli, portoghesi sono scrocconi, parassiti, perfidi, svergognati. Puntando l’indice sul passato tedesco, sono soprattutto ricattatori. Sono “cani, e che abbaino pure alla loro altezza”. Un lettore conclude: “Chi ha amici simili, non ha pi√Ļ bisogno di nemici”. L’astio colpisce anche europeisti come gli ex cancellieri Schmidt e Kohl, i verdi Trittin e Roth, l’ex ministro degli Esteri Joschka Fischer (“un depravato morale”): sono “traditori del popolo”, “odiatori della Germania”.
Bastano queste citazioni per capire che sarà pieno di insidie, il cammino degli europei verso una progressiva messa in comune dei debiti. La parola solidarietà è vista come una trappola, tesa per costringere i tedeschi a svenarsi per espiare chissà quale colpa.

Questo clima va tenuto presente, quando si parla di scudo antispread o Fondi salva-stati, o si celebrano i progressi raggiunti ai vertici europei. √ą un clima incendiario, che le classi dirigenti tedesche non sanno evidentemente governare: il pi√Ļ delle volte lo lusingano, altre volte lo contrastano, ma avendone paura. Manca tragicamente la pedagogica capacit√† di spiegare le cose “nei dettagli”: √® l’accusa, pesante, che il Presidente Gauck ha rivolto sabato al governo. N√© serve la politica dei piccoli passi: solo un salto qualitativo (Unione politica, potenziamento della Bce) creerebbe la scossa che calmerebbe gli animi oltre che i mercati. Le misure piccole sono vissute come una tortura della goccia cinese. Ma nessuno osa, e tra chi osa di meno nelle classi dirigenti ci sono gli economisti: una corporazione che ovunque ha mancato – salvo eccezioni – l’appuntamento con la crisi del 2007-2008.

Ben 172 economisti tedeschi, e non dei minori, hanno firmato gioved√¨ un appello in cui intimano al governo di non cedere alle pressioni e ricusare le misure concordate al vertice del 28 giugno, troppo costose per Berlino. Pur non firmando, √® d’accordo anche il governatore della Bundesbank Weidmann, ostile a scudi salva-spread e unione bancaria. Weidmann √® membro di un’istituzione comunitaria (il Consiglio direttivo della Bce), e l’uscita √® quantomeno anomala. All’appello dei 172 hanno risposto due contro-appelli, firmati tra gli altri da Peter Bofinger e Bert R√ľrup, membri del Consiglio degli esperti economici che nel 2011 sugger√¨ una messa in comune parziale dei debiti: i 172 sono accusati di nazionalismo e incompetenza. Siamo, insomma, di fronte a un grande dibattito che lascer√† tracce, non dissimile dalla disputa fra storici del 1986-87 attorno al passato nazista. Oggi √® l’economia al centro, e il ruolo pi√Ļ o meno egemonico, o dominatore, che Berlino deve svolgere nell’Unione.

L’economia pu√≤ sembrare un tema minore, ma per la storia tedesca non lo √® affatto. Quando la Repubblica federale nacque dalle rovine della guerra, l’economia prese il posto della coscienza nazionale, statale, democratica. Quanto all’egemonia: molti invitano la Merkel a esercitarla – – Obama per primo – ma Berlino tentenna. Non dubita del proprio modello economico, che giudica anzi l’unico valido, superiore a ogni altro. Quel che fatica a fare, √® guidare con efficace magnanimit√† i paesi deboli dell’Unione, come fecero gli americani col Piano Marshall nel dopoguerra. Irretita in dogmi contabili, la Germania ricade nel passato: sa comandare, non ancora guidare.

Il dogma non √® solo quello che impone di mettere la “casa in ordine” prima di creare unioni transnazionali (l’assioma non tiene, perch√© l’unione sovranazionale muta l’ordine casalingo). Dogmatico √® il primato dell’economia, fonte pressoch√© unica dello Stato e della democrazia. Divenne tale soprattutto nel dopoguerra, quando ai tedeschi era negato il diritto di divenire Stato giuridico, ma ha radici lontane. √ą dai tempi dell’Unione doganale (il Zollverein del 1834 e 1866) che i tedeschi fanno dell’economia il sifone della comunit√† politica. L’Unione europea deve ricalcare quel modello, che peraltro fall√¨ quando la Prussia inglob√≤ la Confederazione tedesca del nord: prima viene l’economia, poi la politica, lo Stato, il consenso dei popoli. Come scrive Marco D’Eramo su Micromega, anche in Europa, come nello Zollverein, “√® la moneta a “battere” lo Stato invece dello Stato a battere moneta”. La Merkel e il ministro Sch√§uble nuotano contro una corrente forte e anche contro se stessi, quando implorano un’unione politica federale: non ascoltarli, come non fu ascoltato Kohl, √® letale.

Il primato economico ha una storia nel pensiero tedesco che va esplorata, se non vogliamo che l’unit√† europea degeneri in guerra prima verbale, poi civile. Alle origini, c’√® l’esperienza d’un paese vinto dalla guerra, dimezzato, che nell’economia vide un surrogato di sovranit√† statale. Gli artefici del nuovo Stato economico furono Ludwig Erhard e i cosiddetti ordoliberali, che negli anni fra le due guerre avevano osteggiato l’idea keynesiana che i mercati possano, debbano esser governati.
L’ordoliberalismo divenne il credo della Repubblica federale, la via per uscire dallo statalismo nazista. Vale la pena ricordare come ne parla Michel Foucault, nelle lezioni del 1978-79. Le parole-chiave furono quelle che Erhard, futuro Cancelliere e allora responsabile dell’amministrazione nella zona occupata dagli anglo-americani, pronunci√≤ il 28 aprile ’48: “Bisogna liberare l’economia dai vincoli statali (…) ed evitare sia l’anarchia sia lo Stato-termite. Solo uno Stato capace di stabilire al contempo la libert√† e la responsabilit√† dei cittadini pu√≤ legittimamente parlare in nome del popolo”. Decaduto lo Stato, solo la libera economia poteva ricostituirlo. Un marco solido, una crescita forte, una bilancia dei pagamenti salda: divennero la sovranit√† sostitutiva della Germania. “La storia aveva detto no allo Stato tedesco, ma d’ora in poi sar√† l’economia a consentirgli di affermarsi”, e in pi√Ļ di dimenticare un nazismo che non “parlava in nome del popolo” (Foucault, Nascita della biopolitica, Feltrinelli 2005).

Mettere la casa in ordine, e soltanto dopo farsi Stato: il prototipo dello Zollverein fu ripreso da Erhard, e ora va applicato all’Europa. Gli Stati sono incitati a cedere sovranit√†, ma la costituzione europea sar√† economica e di marca tedesca, o non sar√†. √ą stupefacente la disinvoltura con cui un uomo intelligente come Thomas Schmid, vicino nel ’68 a Fischer e Cohn-Bendit, confonda il comando con l’egemonia, nel carteggio con Ezio Mauro apparso il 28 giugno su Repubblica: “La Germania deve usare la sua forza per aiutare altri, deve diventare un amministratore e garante per la stabilit√† riconquistata di Stati oggi deboli (…) deve essere egemone, ma in modo amichevole”.
Forse √® qui uno dei nodi da sciogliere, nelle discussioni fra governi e fra economisti. L’operazione tedesca √® singolare. Parla di Federazione, ma intanto tratta i paesi meridionali dell’Eurozona come se fossero nazioni dimezzate e vinte in guerra, i cui Stati hanno perduto non tanto consistenza, quanto legittimit√†. Come se tutti dovessero percorrere la via tedesca, pur venendo da storie cos√¨ diverse.


La democrazia contro la paura
di Massimo Adinolfi
(da ‚ÄúL’Unit√†‚ÄĚ, 11 luglio 2012)

Di tante maniere per amare la democrazia ce n’√® una che √® la mi ¬≠gliore di tutte, ed √® quella di conside ¬≠rare pregi i suoi presunti difetti. per ¬≠ch√© la democrazia di difetti ne ha: uno vorrebbe che venissero eletti ogni vol ¬≠ta i migliori, i pi√Ļ preparati, i pi√Ļ incor ¬≠ruttibili, ma nella conta dei voti queste qualit√† non sempre spiccano e alla fine le cose non vanno proprio cos√¨. Uno si augurerebbe sempre il trionfo della ve ¬≠rit√†, e invece la democrazia fa dell’opi ¬≠nione la regina del mondo. Uno vorreb ¬≠be infine un po’ di stabilit√†, di sicurez ¬≠za, di lunga durata, e invece la demo ¬≠crazia costringe periodicamente i citta ¬≠dini al rito elettorale, affida la vittoria ora agli uni ora agli altri, rovescia i go ¬≠verni, e cambia volentieri i rappresen ¬≠tanti del popolo.

Ora, se vogliamo far nascere davve ¬≠ro dalle ceneri della crisi un’Italia mi ¬≠gliore, √® forse venuto il momento di di ¬≠re che tutto questo non √® una iattura, ma una fortuna. Che la democrazia scommette sul cambiamento, ha fidu ¬≠cia nel futuro, mette in gioco ogni volta le sorti del Paese perch√© confida che il Paese sapr√† scegliere, magari imparan ¬≠do dai suoi errori. Lo fa non perch√© sup ¬≠pone cinicamente che la verit√† non esi ¬≠ste, e allora tanto vale fare la conta dei voti, ma al contrario va sempre nuova ¬≠mente ricercata, e per questo √® meglio farlo tutti insieme.

In verit√†, non c’√® bisogno di filosofeggiare per capire l’importanza politica delle parole del premier Monti. Ieri il premier ha detto che esclude di guidare il governo anche dopo il 2013. La parola torna ai cittadini, la politica si riprende il suo spazio, e, com’√® giusto, conduce la sua giusta (possiamo dirlo?) lotta per il potere. L’esperienza del governo Monti √® stata ed √® importante, al di l√† (anche se √® sempre difficile andare al di l√†) delle cose buone e delle cose meno buone fatte o da fare. Ma √® ancora pi√Ļ importante l’esperienza alla quale il Paese si consegner√† con le elezioni politiche. Che non sono un ostacolo, un fastidio o un ingombro, ma un’occasione, anzi l’unica vera occasione per mettere davvero il Paese su una nuova e pi√Ļ fruttuosa strada. Scegliendo, e investendo con convinzione sul valore della propria scelta. Per questo, se √® grande la responsabilit√† che il premier sta portando in questi mesi, aiutando l’Italia e l’Europa a tirarsi fuori dalla pi√Ļ grave crisi nella quale s’√® mai potuta cacciare, ancor pi√Ļ grande sar√† quella che porteranno i partiti in campagna elettorale.

E se lo spread, allora, salisse? E, peggio: se qualcuno usasse, se non ha gi√† usato, questo argomento per comprimere gli spazi della democrazia, i luoghi della critica, le possibilit√† di cambiamento? In quel caso gl√¨ si ricorder√† quel che la democrazia deve sempre ricordare, per tenere in pugno le ragioni della sua legittimazione, cio√® che essa √® nata per sconfiggere l’uso politico della paura, di cui quell’argomento √® soltanto l’ultima versione. Monti lo sa, e non ha inteso usarlo, n√© ha inteso sequestrare il futuro al Paese. Sta ai partiti, e in primo luogo al Pd, indicare come intende disegnarlo. Come si fa a giocare la speranza contro la paura, la fiducia nel meglio contro il timore del peggio. Che se poi lo spread salisse davvero, salisse ancora (come se poi finora fosse sceso precipitevolissimevolmente), beh, lo diciamo come un paradosso: sarebbe una buona ragione per farle subito le elezioni, non certo per rimandarle o per preconfezionarne l’esito.


Letto 1190 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart