Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

√ą il momento di unire le forze

8 Maggio 2010

La lezione di ciò che sta succedendo in Grecia riuscirà a raddrizzare qualche mente balorda in Italia? Spero di sì.

√ą come se fossimo in guerra. Il vertice straordinario tenutosi ieri a Bruxelles ha fatto capire anche ai ciechi e ai sordi che la situazione √® grave. L’effetto domino non √® scongiurato. Spagna, Portogallo, Irlanda stanno soffrendo. La speculazione cerca di trarne vantaggio. Ci sono in giro degli sciacalli pronti ad approfittare. Si √® tentato di trascinare nel baratro anche l’Italia. Ma la reazione del governo, conti alla mano, ha fatto retrocedere la manovra speculativa. Ma per quanto tempo ancora?

Una volta fu George Soros a sconvolgere i mercati mondiali e ad arricchirsi ancora di pi√Ļ. Oggi chi vuole approfittare del momento favorevole?

Se vogliamo che in Italia i cittadini non si trovino, come in Grecia, a scendere in piazza urlanti ed impotenti contro un disastro che lascerà comunque segni indelebili su quel Paese, occorre che la nostra politica metta giudizio.

Siamo in guerra contro gli sciacalli. Sono potenti. Guai a sottovalutarli. All’opposizione si deve richiedere di dimostrare coi fatti di avere giudizio e amor patrio. A che serve festeggiare i 150 anni dell’Unit√† d’Italia, se non comprendiamo che in questi momenti c’√® bisogno di mettere da parte le divisioni per aiutare il governo a fare la sua parte? L’opposizione non pu√≤ continuare a gridare che tutto va male e che questo governo non fa nulla. √ą una bugia colossale, smentita dai mercati. L’Italia sta resistendo, fa fatica ma resiste.

E allora si abbia il coraggio di riconoscere le cose buone che si sono fatte e si dia una mano a proseguire per le altre che ancora restano da fare. Anche le riforme. Uno Stato vecchio come il nostro non pu√≤ reggere il futuro. Deve essere snellito e modernizzato. Possibile non capirlo? Facciamo in fretta le riforme. Diciamo addio per sempre alla prima Repubblica. Essa non pu√≤ reggere la sfida dell’oggi e del domani.

I Bersani, i Di Pietro, i Fini, i Casini, se continueranno a praticare la politica del tanto peggio tanto meglio, saranno i primi responsabili della caduta del nostro Paese.

Usino il cervello. Riconoscano che attualmente abbiamo un governo che sa operare bene; ci sono ministri all’altezza della situazione. Non mettiamo loro i bastoni tra le ruote.

Supereremo questo momento difficile se i partiti rinunceranno a pensare alla conquista del potere, per mettersi invece, e subito, al servizio dei cittadini.

Per non vederli correre e gridare per le strade, avvolti da disperazione e follia.

Articoli correlati

“Chi specula? I sospetti su fondi Usa e asiatici” di Massimo Gaggi. Qui.

“Il ministro della Cultura contro il film di Sabina Guzzanti”. Qui.

¬ęTramano per insediare un governo tecnico ¬Ľ. Qui.

“C’√® crisi, serve la pace (anche armata)”. Qui.

“Pdl, Berlusconi: “Sarebbe errore incrinare unit√†”‘. Qui.

“Ciampi: “Che errore allargare l’euro”‘ di Marcello Sorgi. Qui.

“Come far piangere gli speculatori” di Luigi Spaventa. Qui.


Letto 1973 volte.
ÔĽŅ

4 Comments

  1. Commento by Mario Di Monaco — 8 Maggio 2010 @ 09:33

    Se la classe politica fosse capace e responsabile ¬†avrebbe dovuto gi√† da tempo fare fronte comune per ammodernare il paese e dotarlo ¬†di strumenti pi√Ļ ¬†idonei a fronteggiare le difficili sfide della globalizzazione.
    Oggi, purtroppo, la politica ¬†√® debole e nell’intricato sistema ¬†di classe dirigente che decide le sorti del nostro paese, essa svolge ormai un ruolo del tutto marginale. ¬†
    Sono ben altri i poteri che influiscono sulle vicende italiane, e gli avvenimenti di questi giorni ce  ne danno piena testimonianza.
     Affinchè la politica  possa tornare a  rivestire il ruolo che le compete,  occorre un ricambio generazionale che immetta risorse vitali  non compromesse e decise a lottare per  un effettivo  cambiamento.
    L’era dei dinosauri dev’essere ¬†solo un ricordo.

  2. Pingback by √ą il momento di unire le forze- Rivistaeuropea — 8 Maggio 2010 @ 11:19

    […] Vai alla fonte Condividi questo post: […]

  3. Commento by Mario Di Monaco — 8 Maggio 2010 @ 18:33

    La nostra classe politica √® ancora in larga parte rappresentata dai dinosauri impegnati pi√Ļ a celebrare il passato che a progettare il futuro, e con i tempi che corrono √® una vera sciagura.

  4. Commento by Ambra Biagioni — 8 Maggio 2010 @ 19:21

    Legete i commenti sul Legno

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart