Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Generazione Italia, ovvero il cavallo di Troia

2 Aprile 2010

Come Stendhal, anche Fini è stato preso da una sindrome; comincio a darmi questa spiegazione, dopo che tante altre mi sono passate per la testa. Fini è stato un uomo di destra per troppo tempo. Dalla culla si può dire. Almirante ne capì la vocazione e lo elesse a suo pupillo, al punto che ancora oggi Donna Assunta, la vedova del fondatore del Msi, lo tiene sotto la sua ala protettrice. Guai a parlarle male di lui. Tutto gli perdona.

Chi sa però se arriverà a perdonargli il nuovo cavallo di Troia che ha mosso ieri i suoi primi passi dentro le mura del Pdl. Fini gli ha dato un nome: Generazione Italia e lo ha affidato ad un suo fedelissimo, Italo Bocchino.

Il suo compito, nonostante le frettolose assicurazioni? Fare da sponda al Pd; fermare qualsiasi decisione che non sia gradita a Bersani & C.

Come è potuto succedere? Quanto mi ci sono arrovellato! Ma ora una risposta sicura ce l’ho. Giunto all’età di 58 anni (è del mio stesso segno zodiacale, ahimè, il Capricorno) gli è precipitata addosso la sindrome della sinistra. Si è stancato di essere un uomo di destra, gli è venuta la nausea, quasi un mancamento. Necessaria la cura, dunque. Per prima cosa il cambio della moglie: Daniela Di Sotto viene sostituita con una più giovane Elisabetta Tulliani. È l’avvio di un percorso nuovo, forse un taglio netto. Poi realizza che quella sindrome è in realtà il passato degli avi che ritorna, non quello del padre, che fu tutto sommato un moderato, ma quello del nonno paterno, morto nel 1970, che fu invece comunista.

Tra tutto questo rimescolio improvviso e inatteso, ecco che è bastato uno scaltro sorriso, un ammiccamento dei vecchi compagni del nonno, per fare il resto. Ora Fini è uno di loro. Per le strade di Roma, salvo Italo Bocchino e qualche altro naufrago, sono soltanto quelli del Pd che lo salutano. Molti dei suoi antichi camerati non lo riconoscono, e qualcuno si volta perfino dall’altra parte.

Che cosa faranno ora che Fini ha introdotto nel gruppo dirigente del Pdl il suo cavallo di Troia? Lo ripudieranno definitivamente? Ne avranno il coraggio? Sarà difficile, infatti, che le proposte messe in discussione all’interno degli organismi direttivi del Pdl non incontrino i distinguo e il contrasto dei finiani. Bersani sarà il primo a conoscere ciò che accade nel Pdl, e messo così in condizione di preparare le contromosse.

Ciò che è certo è che le riforme volute dal Pdl non coincidono con quelle del Pd. Ne abbiamo avuto la prova con le esplicite dichiarazioni di Luciano Violante (qui) e di Pierluigi Bersani (qui).

Da queste dichiarazioni appare chiaro che le strade sono diverse. Le proposte del Pdl mirano a riconoscere la sovranità al popolo con la elezione diretta del premier; quelle del Pd mirano a lasciare le cose come stanno. Insisto su questa riforma, piuttosto che sulle altre, perché è la più importante, quella che creerà il definitivo spartiacque tra la prima e la seconda Repubblica.

Se Bersani insiste nel mantenere la democrazia parlamentare, ossia, in sostanza, lo statu quo, la possibilità di un’intesa è pari a zero.

Toccherà ai finiani, perciò, mettersi in azione. Essi cercheranno, in seno al Pdl, di intorpidire le acque, di rallentare i tempi delle decisioni, di confondere l’idee.

La mia domanda è: Vale la pena di tenersi in casa una sponda del Pd o non è meglio ricacciare subito il cavallo di Troia fuori delle mura?

Ovviamente, parteggio per questa seconda soluzione. Il Pdl metta subito le carte in tavola e svergogni i traditori.


Letto 2116 volte.


4 Comments

  1. Commento by Mario Di Monaco — 2 Aprile 2010 @ 12:13

    A me pare ormai del tutto inutile che la maggioranza continui ad insistere con gli inviti all’opposizione affinchè collabori all’elaborazione delle riforme necessarie all’ammodernamento del paese.

    E servono a poco anche i commoventi tentativi del senatore Quagliariello, tesi ad ottenere, quanto meno, un risposta chiara in merito alla loro effettiva volontà di adoperarsi per rendere più efficiente il funzionamento delle nostre istituzioni.

    Come concludi tu, Bart, la maggioranza deve rompere gli indugi ed assumere decisamente l’iniziativa ponendo le carte in tavola.

    Gli elettori hanno espresso più volte con il proprio voto il loro desiderio di cambiamento e hanno il diritto di conoscere al più presto e con chiarezza i progetti del Governo e della maggioranza che lo sostiene. Saranno poi loro a decidere se approvarli o meno con il referendum.

    Berlusconi ha il dovere di dimostrare di essere ancora il leader di una maggioranza in grado di far approvare dal Parlamento le proposte del suo esecutivo e di godere della fiducia della maggior parte dei cittadini.

     

  2. Commento by Ambra Biagioni — 2 Aprile 2010 @ 12:31

    Articoli di Libero intorno a Fini.

  3. Commento by Ambra Biagioni — 2 Aprile 2010 @ 18:52

    I commenti sul Legno

  4. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 2 Aprile 2010 @ 19:39

    Ho risposto, Ambra. Grazie.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart