Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

I giovani del Pdl

11 Ottobre 2012

Come dar loro torto. Nel momento in cui criticano Berlusconi perché auspica un Monti-bis, gli ricordano anche che il governo che lo ha spodestato è il governo delle tasse, il governo che sta desertificando il Paese.

Se Monti vuol tornare a governare, dicono questi giovani, deve mettersi in gioco, farsi votare dagli elettori, e solo se sarà scelto da essi, potrà tornare a palazzo Chigi. Facile, altrimenti, stare con le mani conserte e aspettare che ancora una volta sia chiamato da chi è ancora illuso che egli sia un taumaturgo.

Non dimenticherò mai che il Monti che siede a palazzo Chigi, senza aver maturato alcun merito particolare, è stato nominato senatore a vita da un Napolitano che non ha avuto alcuno scrupolo di mettere a carico dei cittadini, in un momento di grave crisi economica, culturale e morale, il costo del suo laticlavio che gli ha aperto a vita le porte del parlamento.
Lo avesse magari pagato di tasca propria, visti i suoi larghi emolumenti, ma no, a pagarlo sono sempre i soliti, quelli che le tasse le assolvono regolarmente e sui quali ogni spesa dello Stato cala come una mannaia.

Chi sa che anche questo laticlavio non sia, stando alle rivelazioni (che non mi paiono smentite a tutt’oggi) del leghista Massimo Garavaglia, un pedaggio imposto dalla troika europea all’Italia per consentirle di sbarazzarsi del governo Berlusconi, democraticamente eletto dai cittadini.

Berlusconi farebbe meglio a tacere. In primis perché si è fatto turlupinare dalle manovre quirinalizie, mascherate da un incombente baratro che, alla luce dei peggioramenti causati dall’attuale governo e resi noti dal Fondo Monetario Internazionale (qui), appaiono fortemente pretestuosi. Cosa si dovrebbe dire oggi a riguardo del governo Monti e del baratro su cui, stando a questi dati, ha poggiato il piede?

Eppure tutto va bene, madama la marchesa.
Il fatto è che va bene per la casta, ma non per i comuni cittadini, che faticano ogni giorno di più ad arrivare alla fine del mese, e non va bene per le imprese costrette a chiudere per la forte riduzione dei consumi.

Le lodi a Monti sono tutte in malafede. E sono fomentate dagli stessi poteri che lo hanno imposto all’Italia e al capo dello Stato.
Alla Germania, ad esempio, non parrà vero di ritrovarsi nel 2013 al governo del nostro Paese un filotedesco come Monti.

Ma Berlusconi deve tacere anche perché ha fallito su tutta la linea e nessuna delle importanti riforme dello Stato che aveva promesso agli elettori nel 2008 è stata realizzata. Scaricare le colpe sugli altri è troppo facile. Anche tenuto conto del tradimento di Gianfranco Fini, Berlusconi non ha dimostrato di avere carattere per lottare fino in fondo, a rischio della sconfitta. Non ha capito che gli elettori sono stufi di promesse mancate e preferiscono un uomo capace di lottare pur di mantenerle. Meglio essere sconfitti in battaglia, che dichiarare la resa. E la resa è ciò che ha dichiarato Berlusconi, il quale farebbe bene ad abbandonare l’idea di guidare qualunque sia formazione politica. La sua credibilità è fortemente compromessa. Qualunque cosa ci promettesse, anche minima, non troverebbe molti cittadini disposti a credergli.

Il Pdl ha bisogno di un azzeramento, come ne ha bisogno tutta la politica.
I vecchi musi, buoni per ogni stagione e capaci di cambiare pelle come i serpenti, se ne devono andare a casa.
Non conosco questi giovani del Pdl, ma se tra loro vi sono persone che vogliono mettersi al servizio del Paese, invece che lucrare sulla politica a beneficio personale, si facciano avanti, si facciano conoscere. I moderati li attendono. Abbiano lo stesso coraggio che nell’area di sinistra sta dimostrando Renzi, il quale, anche se verrà sconfitto, avrà almeno il merito di aver combattuto la sua battaglia di rinnovamento fino in fondo.


Letto 1058 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart