Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Gli scrittori e il teatro

15 Febbraio 2008

Filo diretto Bo-Pampaloni
[dal “Corriere della Sera” di domenica 17 dicembre 1967]

Caro Pampaloni,

hai sentito Dessì che co ­sa dice, nel « filo diretto » di domenica scorsa, dei critici letterari e del loro non assolvere il compito di illustrare la parte teatrale degli scrittori?

Pove ­ra critica. Chi da anni ne ha decretato la morte, chi ne limita continuamente i poteri, chi la taglieggia con le ragioni – le co ­siddette ragioni del pub ­blico. Dessì fa un altro discorso e ci mette sotto accusa per mancanza di obbiettività. Ma è vero? O non si deve cercare piuttosto una spiegazione a questa vacanza nel fatto che l’opera teatrale degli scrittori, per gran parte, non go ­de di una sua autonomia e altro non è che un’appendice dell’opera letteraria vera e propria? Penso che se questi lavori avessero una loro fisionomia, soprattutto se aggiungessero qualcosa di nuovo alla parte puramente letteraria, anche i critici ne prenderebbero atto, e nei limiti concessi dai di ­ rettori dei quotidiani (la ­ sciamo per ora da parte le riviste) li studierebbero.
Purtroppo – salvo pochi casi che tutti conoscono     –     il     teatro  resta per i nostri scrittori un momento diverso, una pausa. Non basta che si dica il contrario. Anche perché per molti il teatro è uno strattagemma per uscire da certe impasses, determinate da una crisi più o meno pro ­lungata dell’invenzione narrativa. Pasolini sceglie il cinema, Moravia opta per il teatro ma si tratta in tutt’e due i casi di soluzioni che non servono a bloc ­care la tensione del lettore di Pasolini e di Moravia in un’altra direzione. Per arrivare a questi risultati, sarebbe stato necessario un ben diverso intervento e che le componenti e le strutture ne fossero rimaste sconvolte. Ma c’è qualcosa da aggiungere a difesa dei critici d’oggi. Non è stato sempre così? La stessa cosa non si è verifìcata per un Balzac, tanto per fare un esempio in assoluto?
Non direi, dunque, che siano i critici a non amare e a disprezzare il teatro dei letterati ma piuttosto che esiste fra teatro e letteratura un vuoto che ben diffì ­cilmente potrà essere colmato o annullato, limitandosi a dei lavori di complemento o a delle soluzioni par ­ziali. Il discorso continuerebbe all’infinito, dovrei ri ­cordarti il caso Pirandello e forse in tal modo ci avvi ­cineremmo di più a un’impostazione più concreta del problema che esiste ma è generale e non va ristretto alla contrastata attività della critica. Tuo

Carlo   Bo


Caro Bo, in teoria, come dar tor ­to al Dessì, e affermare che il teatro non è lette ­ratura? Ma il vuoto tra letteratura e teatro (di cui tu parli giustamente) non è certo stato creato dalla povera critica letteraria. E’ lo scrittore di oggi, il quale, quando scrive per il teatro, pretende che il suo linguaggio abbia una pregnanza diversa, inglobi una realtà di comunicazione che la semplice pa ­rola scritta non avrebbe più. Non sono i critici letterari che hanno inventato il « senso del teatro », come non sono stati loro a in ­ventare lo « specifico » fìlmico, televisivo, e così via. Al fondo della questione sta la sfiducia nella letteratura come espressione artistica universale, sta la prevarica ­zione dell’interesse intellettuale per la tecnica dei lin ­guaggi. Ma oggi, qui da noi, chi crede più alla lettera ­tura? Siamo rimasti in pochi, e abbastanza sospetti. C’è una sorta di superstiziosa passione che spinge gli scrittori a teorizzare ad ogni costo il rinnovamen ­to, e a non accorgersi di perseguirlo come  un’evasione o una fuga. Il me ­stiere viene allora a prendere il posto della parola, la tecnica si sovrappone a quello che un tempo si chia ­mava il « mondo del poeta ». Di fronte all’uomo di teatro, all’interprete in senso lato, lo scrittore d’oggi è in perenne sentimento d’inferiorità, gli attribuisce poteri di comunicazione che egli teme, in proprio, di non avere più. Ecco allora lo scrittore che « pas ­sa » al teatro, o al cinema; ecco qualcuno teorizzare nel teatro la forma più attuale della narrativa, la for ­ma destinata a sostituirla.
Ti dirò che, se pure penso che il Dessì abbia sba ­gliato indirizzo prendendosela con la critica letteraria, il suo intervento mi ha fatto piacere, così come mi ha fatto piacere la risposta così semplice di Natalia Ginzburg, quando dice che scrive commedie perché è il suo modo oggi più spontaneo di narrare. Quell’inter ­vento e quella risposta possono infatti significare, e io vorrei che significassero, un ritorno all’imita dell’arte, alla continuità dell’ispirazione, fondate sulla priorità della personalità dello scrittore sulle sue tecniche e sulla loro presunta attualità come segno dei tempi. In questo caso non sarà la critica a porre dei « distin ­guo » che in realtà, per primi, alcuni scrittori hanno voluto, in un delirio di impotenza. Tuo

Geno Pampaloni


Letto 1662 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart