Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

La Politica

25 Gennaio 2008

Ieri sera è caduto il governo Prodi. Per riandare ad un governo  incapace come questo, occorre risalire fino al governo Dini, degli anni 1995-1996. In quell’occasione scrissi un romanzo (con tinte gialle) intitolato Cencio Ognissanti e la rivoluzione impossibile, che si può scaricare tra i libri gratis:   un libro molto voluminoso, giacché seguii tutte le fasi più importanti  di quel governo, inserendole come documentazione nella storia che andavo raccontando del giovane e sfortunato protagonista.  

Nel 2001 scrissi alcune scarne riflessioni che desidero riprendere con qualche correzione, giacché le considero ancora attuali.

È scontato dire che la politica nasce con l’uomo, nel momento in cui si è organizzato in società. Ed è scontato anche dire che su quella prima esigenza, richiesta sempre  quando siamo in presenza di  un’organizzazione, si è innestato un processo che è subito diventato degenerativo. Qualcuno potrebbe anche scovare nei tempi andati l’esercizio corretto della politica con la P maiuscola, ma essi saranno così ridotti e da contare sulle dita di una mano che forse non azzarderà di contraddire la suddetta affermazione. Del resto, i molti libri che sull’argomento sono stati scritti nei secoli dimostrano che si è sempre avvertito il bisogno di dare una sterzata per correggere tale processo involutivo. Oggi a quale risultato siamo giunti? Guardarsi in giro nel mondo è deprimente. Quella che chiamiamo democrazia è esercitata solo in una piccola parte del globo; altrove regnano dittature e governi che, comunque mascherati, si reggono sul sopruso e la violenza. E laddove vige la cosiddetta democrazia? Desolazione e squallore anche qui. Ma poiché non posso parlare degli altri Paesi, che non conosco altrettanto bene quanto l’Italia, dirò cosa ne penso della democrazia del mio Paese. Il mio giudizio è pessimo, e forse, in chi mi legge, è un giudizio scontato anche questo. La nostra è la finta democrazia che chiama al voto i cittadini, ed elegge rappresentanti che si ritengono, immediatamente dopo la loro elezione,  sciolti da ogni legame col proprio elettorato. Si dice che questa è la regola della democrazia parlamentare,  per la quale il parlamento è il vero sovrano, anche rispetto al popolo,  cui si dà solo l’occasione di votare; poi deve passare la mano ad altri, che diventano i padroni assoluti del destino di un Paese. È accettabile, questa, come democrazia? Credo proprio di no. E se questa è la democrazia che si pratica in Italia, chi sono i nostri politici? Salvo rare eccezioni, sono persone che non riescono altrove, in altri campi voglio dire, e professano la politica come mestiere che li mette nella condizione di condurre furbescamente un tenore di vita elevato, alle spalle dei cittadini. Il lauto guadagno e il rango sociale privilegiato – anzichè lo spirito di servizio per il bene di tutti – sono le molle che li spingono a questa scelta. Quasi sempre i migliori, invece,  rifiutano la politica, di cui si sono fatti ormai una cattiva opinione, e questo loro rifiuto non fa altro che accrescere lo spazio a disposizione dei furbi e degli incapaci. In tal modo il cittadino delega agli altri, da principio con qualche speranza, poi sempre più svogliatamente, fino a che rinuncia perfino ad andare a votare. Una tale rinuncia – insieme a quella esercitata dagli uomini migliori – non fa che accelerare quel circolo vizioso che offre spazio al furbo e all’incapace, il quale si trova, così,  nella facile condizione di non avere concorrenti che possano mettere a rischio la propria elezione. Dunque: gli incapaci e i profittatori ingrossano per la maggior parte le file di coloro che si dànno alla politica. E allora? Che fare? È possibile, ad esempio, che attraverso una scuola più severa, con insegnanti migliori, si possa cominciare ad invertire la rotta, inculcando ai giovani l’amore per valori quali: la giustizia, la solidarietà, il rispetto per gli altri, carità e attenzione per chi soffre, ed altro ancora? Se educati in questo modo, i giovani di oggi potrebbero diventare i politici seri ed impegnati nel servizio per gli altri che da tempo attendiamo?  È la scuola, ossia, il punto centrale e determinante per una inversione di rotta? E se no, quali altre soluzioni sono possibili?


Letto 1794 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart