Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

La retorica sulla magistratura

9 Maggio 2011

Fini prima, ma ora, con maggiore autorevolezza Napolitano, stanno commettendo un errore di proporzioni inimmaginabili.
Pur di dar contro Berlusconi non esitano a chiudere gli occhi e a dare l’imprimatur ai comportamenti molto discutibili di certa parte della magistratura.

Nessuno hai mai accusato la magistratura nel suo insieme di non sapere assolvere al proprio compito molto delicato nonché utilissimo a ripristinare la giustizia laddove sia stata violata.
Lo sappiamo tutti che ci sono tanti magistrati onesti e laboriosi che non ambiscono, come altri, ad occupare le prime pagine dei giornali o ad andare in tv per garantirsi, magari quanto prima, un posto di parlamentare, assai ben remunerato.

La colpa caso mai di questi magistrati onesti è di non prendere le distanze dai colleghi che da anni, e sempre con maggiore accanimento, straziano la giustizia, con operazioni mediatiche che rovinano esseri umani, i quali poi vengono da quei magistrati onesti riconosciuti innocenti.

Nessuna punizione esemplare si è mai vista applicata a coloro che si rendono colpevoli di trasformare la giustizia, che devono amministrare per conto di tutto il popolo italiano, in azioni esecrabili di profonda e dolorosa ingiustizia. Il Csm è il primo tra questi organi che, preposti a vigilare, si sono mostrati molto, ed io aggiungo colpevolmente, tolleranti.

Fini e Napolitano, con un lavoro che appare quasi concertato e finalizzato contro il premier, mai hanno preso chiare, nitide, perentorie distanze da questa magistratura deviata. Se c’è una “missione” che richiede il massimo impegno, la più profonda umiltà, il più devoto spirito di servizio ed una claustrale riservatezza, questa pertiene alla magistratura.

Invece i discorsi di questi giorni fanno di ogni erba un fascio e con ciò implicitamente incoraggiano una tale magistratura a proseguire in un’opera che nei fatti non solo è disgregatrice ma finisce per rendere poco credibile l’assolvimento complessivo di un dovere costituzionale.

A quando la svolta? A quando la fine della retorica?

Altri articoli

“La fitta agenda del Colle e il “presidenzialismo” di Giorgio Napolitano” di Vittorio Macioce. Qui.

“Gheddafi come Bin Laden? La Nato bombarda il suo bunker”. Qui.

“Ecco perché D’Alema è un leader di serie C” di Alessandro Sallusti. Qui.

“Il consulente che scagiona Silvio: “Non ha mai versato soldi a Mills” di Luca Fazzo. Qui.

“La strategia del Cavaliere: il voto a Milano sarà un referendum sui pm” di Adalberto Signore. Qui.

“Al Colle si va con diplomazia” di Mario Sechi. Qui.

“I soliti sospetti” di Alessandro De Angelis. Qui.

“L’affondo del Colle sul Cav. è politico ma stavolta ha mancato il bersaglio” di Antonio Mambrino. Qui.


Letto 1111 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart