Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

La tragedia di Katyn analizzata alla luce di quanto accade in casa nostra

26 Ottobre 2013

Se andate a leggere gli articoli che hanno fatto e fanno chiarezza sull’eccidio di Katyn, una località della Russia nei pressi di Smolensk, dove l’Armata Rossa, su ordine scritto di Stalin fece massacrare, nel 1940, 22 mila tra soldati e civili polacchi, di cui almeno 8 mila ufficiali, vi parrà di leggere il resoconto algido di un avvenimento di guerra. Emozioni poche, appena smosse da qualche immagine a corredo.

Tutta la orribilità del massacro appare invece nel film del grande regista polacco Andrzej Wajda, girato nel 2007 e intitolato Katyn.
Mi è capitato di vederlo l’altro ieri sera e ciò che di quel film mi ha colpito e riportato all’attualità italiana è la campagna sapientemente orchestrata dai sovietici perché si attribuisse il massacro ai tedeschi, i quali invece dicevano la verità dandone la colpa ai sovietici, quando scoprirono nel 1943 le gigantesche (tra le maggiori in Europa) fosse comuni dove erano stati gettati e ricoperti i cadaveri polacchi.

Il film mostra l’accuratezza con cui la falsa tesi sovietica era difesa e conculcata dal partito comunista dell’Urss. Vere e proprie persecuzioni si abbattevano su coloro che, essendone stati spettatori, o possedendo una documentazione in proposito, tentavano di far conoscere la verità.

La ricostruzione di Wajda è terrificante. Il massacro è consumato sparando a sangue freddo un colpo alla nuca delle vittime, trascinate a forza davanti alla fossa enorme già colma di cadaveri.

L’altro aspetto, dopo quello della capacità di diffondere la menzogna e spacciarla per verità, è la perfetta consonanza con la persecuzione e i massacri nazisti che tutto il mondo conosce.
Metodi e ideologia sono gli stessi, si somigliano come due gocce d’acqua. È strabiliante la loro rassomiglianza con le stragi e le violenze naziste, e dunque quando si scrive fascismo nero e fascismo rosso si è anche troppo teneri, perché si dovrebbe scrivere nazismo nero e nazismo rosso.

La verità fu rivelata più tardi nell’ottobre 1990 da Michail Gorbačëv, ma tanto la notizia quanto il successivo film del 2007 ebbero appena gli onori della cronaca e presto furono dimenticati.

Sarebbe opportuno che qualcuno dei miei lettori andasse a verificare quanto sto scrivendo, poiché potrà così rendersi conto che la doppiezza e l’abilità di manipolare la verità del Pci prima, e poi delle successive nuove denominazioni che il Pci ha assunto dopo la caduta del muro di Berlino, nascono appunto da un’ideologia corrotta e devastante, di cui ancora permangono i segni negli ostinati e perduranti camuffamenti della verità che abbiamo avuto modo di constatare nel Pd. Ricordavo qualche giorno fa la frase che Fedele Confalonieri pronunciò a proposito della possibile discesa in politica di Marina Berlusconi. Disse in sostanza che le sarebbe capitato di vivere lo stesso calvario del padre. Ossia: non è possibile fare resistenza al sistema attuale dominato dall’asse Pd-magistratura rossa, se non a sacrificio della propria vita.


Letto 1187 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart