Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Le complicazioni dell’Imu

16 Giugno 2013

Faccio l’esempio del Comune di Lucca, il mio comune, il quale con delibera n. 14 del 4 marzo 2013, al punto B stabilisce nello 0,4% la tassa sulla prima casa, e al punto G stabilisce nello 0,76% la tassa sulla casa concessa in comodato ai figli.
È proprio il punto G, al suo comma 4 (da me posto in grassetto) che genera qualche forte dubbio di incostituzionalità.

Vediamo tutto il punto G:

“g. aliquota dello 0,76% per un solo immobile concesso in uso gratuito a parenti di primo grado (genitori/figli) con contratto di comodato regolarmente registrato, a condizione che sussistano contemporaneamente i seguenti requisiti:

g.1) l’immobile deve essere classificato esclusivamente nelle categorie catastali A2, A3, A4, A5, A6 e A7;
g.2) l’immobile deve essere iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, per cui se l’abitazione concessa in uso gratuito è composta da due o più unità immobiliari catastali, l’aliquota ridotta si applica comunque ad una sola di esse: ….
g.3) l’immobile deve costituire l’abitazione principale del soggetto che lo ha in uso gratuito, che deve quindi avere la dimora abituale e la residenza anagrafica in esso, con uno stato di famiglia anagrafico diverso e distinto da quello del parente che concede l’uso;
g.4) il soggetto concedente deve essere possessore, oltre che dell’immobile dato in uso gratuito e di quello destinato a propria abitazione principale, ivi comprese le relative pertinenze, di un solo altro immobile classificato nelle categorie catastali di cui al punto g.1), e relative pertinenze, per una quota non superiore al 49%.”

Ciò significa (e in tal modo lo applica il commercialista) che se un genitore ha tre figli e possiede, oltre all’abitazione principale, altre tre abitazioni che concede in comodato ai figli, solo per uno di essi può richiedere l’aliquota agevolata dello 0,76%.

Non so se questo modo di deliberare sia consentito direttamente dalla legge che regola la materia, ma sta di fatto che, in ogni caso, a Lucca così essa è stata disciplinata.
Significa, quindi, che vi è discriminazione nel trattamento di figli che si trovano, nei confronti del genitore concedente, nella stessa precisa situazione.
E ciò appare in contrasto con la nostra costituzione che garantisce ai cittadini pari diritti e doveri nei casi di circostanze identiche.

Voglio sperare pertanto che nella revisione della disciplina complessiva sulla tassazione degli immobili, si faccia in modo che i figli che ricevono in comodato dallo stesso genitore l’appartamento prima casa siano considerati dalla legge allo stesso modo.


Letto 1058 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart