Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Ada, la bella prostituta

23 Aprile 2022

(Estratto dal mio giallo “Gigolò”, 1998)

Poco distante, in un bar. Pino, un giovane disoccupato, è seduto al tavolo con i compagni. Entra Ada, una prostituta. Va al banco.
«Cambiami centomila lire. »
Pino ha sentito.
«Va male stasera, eh Ada, se non hai da fare il resto. Chi hai preso al guinzaglio? »
«Uno meglio di te. »
«Certo, se ha tutti quei soldi. Io non ho un becco di un quattrino; però… »
«Però, cosa? Non vuoi mica che ti metta in piazza? » Si era girata, e non sembrava voler sorridere. Un amico di Pino s’intromette.
«Bella come sei, Ada, potevi fare di meglio. »
«Impicciati dei fatti tuoi. »
«Eccoti cinquantamila lire e cinque fogli da dieci » dice il barista. Ada li prende. Si avvia all’uscita quando entra un ragazzino, pallido, slavato, dai capelli corvini.
«Ti avevo detto di attendermi in macchina » dice lei, seccata.
«Non ti vedevo tornare » dice il ragazzo.
«Non pensavi mica che ti fregassi. » Silenzio. Interviene di nuovo Pino.
«Te la fai coi ragazzini, ora, Ada? Guarda come lo hai conciato. A mala pena si regge in piedi. Cosa ti ha fatto Ada, ragazzo? » Imbarazzato il giovane. È pronta invece Ada.
«Chi viene con me, non ha da lamentarsi. »
«E invece no. Io ho da lamentarmi » dice Pino.
«E quando? » Ada fa gli occhi di tigre, quasi gli si avventa addosso.
«Va là che ti ricordi benissimo. »
«Io mi ricordo solo che il più delle volte il tuo pisello fa cilecca. » Ridono i compagni di Pino.
«Non mi dire, non mi dire… » fa uno di loro.
«E tu credi a questa bugiarda? Guardale il seno. Giovane com’è, quello sì che s’è ammosciato. »
Ada si guarda il seno, lo trova ancora sodo, ma è ferita dalla calunnia di Pino.
«Si vede che lo usa, caro Pino » dice un compagno. E un altro:
«Quanto vuoi per usare il seno, bella mora. »
«Con te non ci vengo, hai lo scolo. »
Il ragazzo fa cenno a Ada che vuole andarsene. Pino dice al barista:
«Porta al ragazzo un bicchiere di vino. Pago io. »
«No, grazie. Devo andare. È troppo tardi. »
«Il vino fa sangue. Ma cosa ti ha fatto Ada, per ridurti così? »
«Andiamocene » dice Ada.
Lo prende sottobraccio, sculetta. La minigonna è cortissima, attillata.
«Hai un bel culo » grida Pino. «Sei la meglio al mondo. »
Ada non si volta nemmeno. Dal vetro si vede che restituisce dei soldi al ragazzo. Poi salgono in macchina.
«Avevi paura che ti fregassi? » domanda Ada.
«Sì » dice il ragazzo.
«È la tua prima volta, non è vero? »
Il ragazzo non risponde. Ada si avvicina e gli fa una carezza.
«È uno sporco mondo, questo. »
«Una bella come te… » Il ragazzo esita a finire la frase.
«Sono arrivata » dice Ada. «Scendimi qui. »
Apre la portiera e scende sul marciapiede. Il ragazzo se ne va. Dallo specchietto, vede che un’altra macchina si è fermata. Ada è appoggiata al finestrino. Bastano poche parole, e sale. L’auto parte veloce, sorpassa il ragazzo e scompare.

Il libro qui (c’è anche la versione in inglese)


Letto 174 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invaitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart