Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Davide Riondino: Il trobettiere”, Magazzini-Salani

9 Marzo 2012

di Gordiano Lupi

“Il trombettiere” (ed. Magazzini-Salani), come recita il sottotitolo, è la storia quasi vera di Giovanni Martini, trombettiere, che fu con Garibaldi e Custer, a Cuba e Nuova York. Ma la cosa straordinaria è che David Riondino scrive in decime, strofe da dieci versi che ricordano l’ottava rima della Maremmatoscana, la decima cubana e lo stile dei poeti repentisti come Alex Dí­az Pimienta. Il lavoro è impreziosito dalla stupende tavole di Milo Manara, forse il miglior disegnatore italiano, noto per aver collaborato anche con Federico Fellini e Roberto Vecchioni. David Riondino è innamorato di Cuba, ha girato un film stupendo, “Velocipedi ai tropici”, una sorta di “Ladri di biciclette” ambientato all’Avana, ha stretto amicizia con i poeti della decima, si è lascia-to condizionare da quest’arte semplice e popolare. La sua poesia presenta l’incedere e la musicalità delle liriche di José Martí­, citato nella parte cubana del viaggio, sulla fal-sariga de Io sono un uomo sincero/ vengo da dove nasce la palma/ e prima di morire voglio/ cantare i miei versi dell’anima. La storia di Giovanni Martini è il racconto di una romantica fuga, di un viaggio al seguito di Garibaldi – con la spedizione dei Mille – per liberare il Regno delle Due Sicilie dai Borboni e consegnarlo ai Savoia, ma anche della traversata per arruolarsi nel Settimo Cavalleggeri del generale Custer. L’ultima parte del viaggio vede Martini a Cuba, dopo essere sfuggito alla tragedia del Little Big Horn, in compagnia della fidata tromba, di una musica che intreccia suoni, colori, emozioni e rappresenta la nascita del jazz, composto da ritmi che provengono dal vecchio continente e si fondono con le sonorità africane.   Il libro è scritto in decime, uno stile desueto, un modo di raccontare che i giovani ignorano, ma non è impossibile avvicinarsi a una cultura che affonda le radici nella musi-ca popolare, che proviene tanto dalle nostre campagne come da quelle del nuovo mondo. L’italiano Giovanni Martini è un personaggio realmente esistito, suonava la tromba nel Settimo Cavalleggeri, fu l’ultimo a vedere Custer vivo ed è stato l’unico superstite della disfatta del Little Big Horn.

(Dal “Corriere Nazionale”)

 


Letto 1122 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart