Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Gaetano Cappelli: “Romanzo irresistibile della mia vita” – Marsilio

9 Marzo 2014

Chi come me ha amato Parenti lontani non può fare a meno di leggere questo romanzo, uscito nel 2012.  Pare la sua naturale prosecuzione, arricchita da una ironia e da una irriverenza fuori del comune. L’ambizione al successo letterario, l’affidamento illusorio di una tale speranza alla frequentazione di scuole di scrittura, la fine orribile che tocca agli scrittori in declino, gli amori mai corrispondenti a quelli desiderati, diventano una lezione di vita e aprono gli occhi a molti che si erano lasciati imbambolare dai propri sogni. bdm

La presentazione in bandella:

Ma può una donna amata in una lontanissima estate della giovinezza e mai più rivista, sconvolgere ancora, dopo più di trent’anni, l’esistenza di un uomo?
È quanto accade a Giulio Guasso. Per lei, come in un romanzo di Fitzgerald, Giulio è divenuto scrittore, e ci penserà il destino, attraverso le sue imperscrutabili trame, a farli rincontrare come, del resto, era già accaduto la prima volta.

Messo al mondo per far da erede al sublime Arturo Benedetti Michelangeli – che lo chiede apparendo in sogno alla mamma – il giovane Guido si ridurrà invece a insegnare pianoforte nei paesi dispersi tra le cupe foreste di un Sud selvaggio e incontaminato. Ma sarà proprio la madre di uno dei suoi allievi a mettere in moto la ruota del fato, procacciandogli l’incarico di pianista in un grande albergo di Ravello.

Qui Giulio verrà proiettato a mille anni luce dall’esistenza nella sua grande famiglia meridionale, in quell’ambiente cosmopolita di cui ha avuto qualche fugace visione dai racconti di zio Sgiascì, carabiniere nella Roma della Dolce Vita e sciupafemmine impenitente, uno dei personaggi memorabili del romanzo. Ma tanti altri se ne contano e di ogni risma. Cosi le zie devote, innamorate perse del fratello Sgiascì, il padre negoziante che si millanta inventore della formula commerciale della “lista di nozze”; i due musicisti cosmici Irmgard e Achim von Kruger; il poeta ruspante Sasà Sassi e il candido Rosario, architetto fallito e terrorista per caso tra quelli veri; l’infido Nobel in pectore, Fabio Terna, e la sua convenucola di giovani letterati romani, finendo col misterioso manager aspirante scrittore per scommessa, Athos Patitucci.

Grazie a loro, al vorticoso intrecciarsi delle loro esistenze, Gaetano Cappelli torna, dopo Parenti lontani, a raccontare una grande indimenticabile storia, dove l’avventura straordinaria di una vita si sovrappone tragicomicamente a quella dell’Italia di questi ultimi decenni in un affresco che ha la ricchezza e l’intensità dei rapinosi romanzi di una volta, quelli che si leggevano d’un fiato fino all’arrivo del giorno.

Qui i libri di Gaetano Cappelli e alcune note biografiche


Letto 1344 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart