Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Fiaba

9 Luglio 2012

di Giorgio Bassani
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, mercoled√¨ 24 dicembre 1969]

Circa trentacinque anni fa, quando ero un ragazzo, vive ¬≠va a Ferrara una signorina ebrea non particolarmente brutta, n√© povera, n√© sciocca, n√© matura √Ę‚ÄĒ non specialmen ¬≠te appetibile, per√≤ neanche da buttar via, √Ę‚ÄĒ alla quale, per strano che ci√≤ possa sembrare, la famiglia non era an ¬≠cora riuscita a trovare un ma ¬≠rito. Strano? Ebbene s√¨: stra ¬≠no. Nell’ambito della nostra Comunit√†, la cosa presenta ¬≠va, a quell’epoca, tutti i ca ¬≠ratteri dell’eccezione. Utiliz ¬≠zando per solito i canali delle parentele e delle affinit√†; ma anche le riunioni delle signo ¬≠re dell’A.D.E.I. servivano egre ¬≠giamente allo scopo; e cos√¨ le feste danzanti che si tene ¬≠vano sotto Pur√¨m in alcuni locali annessi al Tempio di via Mazzini o nel salone d’ingres ¬≠so dell’Asilo infantile israe ¬≠litico di via Vignatagliata, fe ¬≠ste presenziate da folte, bisbi ¬≠glianti file di matrone sedute lungo le pareti a fare tapezzeria; e cos√¨ le lettere che nei casi di pi√Ļ ardua soluzione il rabbino dottor Castelfran ¬≠co era stato pregato di scri ¬≠vere ai colleghi delle citt√† circonvicine, emiliane, roma ¬≠gnole e venete: per dritto o per traverso, al momento op ¬≠portuno il soggetto finiva im ¬≠mancabilmente col saltar fuo ¬≠ri. Non c’era mai da dispera ¬≠re. Quando, a produrre uno sposo, non fosse bastata la piazza, eccolo, Lohengrin, so ¬≠praggiungere di lontano: a ve ¬≠dere, a tarsi vedere, e quasi sempre a concludere.

Nel 1934 Egle Levi-Minzi contava trentatre anni. Per quale motivo fosse rimasta zitella non saprei dire con sicurezza. Figlia unica di at ¬≠tempati genitori piuttosto be ¬≠nestanti; convivente insieme con essi e insieme con essi perennemente deambulante, a certe ore precise del mattino e del pomeriggio, per le vie del centro (facevano un trio pressoch√© inseparabile, notis ¬≠simo a tutta la citt√† e diventato quasi proverbiale): so sol ¬≠tanto che quando loro, i ge ¬≠nitori, avevano cominciato a guardarsi attorno alla ricerca di un genero, le maggiori re ¬≠sistenze erano sempre venute proprio da lei, la principale interessata. A tenerla sulla ne ¬≠gativa, c’entrava, s√¨, probabil ¬≠mente, un po’ di smania fi ¬≠liale e verginale, un eccesso di attaccamento al vecchio pap√† e alla vecchia mamma. C’entrava anche, magari, non √® impossibile, la segreta sug ¬≠gestione che aveva potuto eser ¬≠citare su di lei, ai tempi folli della sua prima giovent√Ļ √Ę‚ÄĒ i tempi, occorre ricordarlo, del famigerato squadrismo pada ¬≠no, cos√¨ simili a questi nostri, √Ę‚ÄĒ qualche violenta immagi ¬≠ne troppo estranea al suo mon ¬≠do, alla sua educazione: im ¬≠magine che poi, negli anni successivi, le aveva impedito di volgersi a differenti tipi di maschilit√†… Sia come sia, cer ¬≠to √® che ogni qualvolta Egle Levi-Minzi si era trovata a dover decidere, questo non andava, quest’altro nemmeno, quell’altro per carit√†, quell’altro ancora figuriamoci. Una smorfia della grande bocca malinconica, gi√† un tantino cascante agli angoli; un lieve abbassarsi annoiato delle palpebre rade di ciglia sulle tristi, umide iridi marroni, sefardite, e l’ultimo pretendente passava a incrementare la lista a mano a mano pi√Ļ lunga dei rifiutati.

*

Accoglienza del tutto diver ¬≠sa doveva ricevere, a met√† circa del ’35, credo proprio nel giugno di quell’anno, un pretendente venuto da ben pi√Ļ lontano che non da Bologna, o Ravenna, o Mantova, o Ro ¬≠vigo, o Padova, o Venezia. Era russo, anzi ucraino. An ¬≠che lui figlio unico di genito ¬≠ri non pi√Ļ giovani, aveva ven ¬≠tisette anni. Si chiamava Yuri: Yuri Rotstein

La famigliola era arrivata a Ferrara durante l’estate del l’anno avanti, direttamente da Odessa. Scesi dal treno di Trieste, si erano accampati al ¬≠la bell’e meglio in un alberghetto di fronte alla stazione. Ma gi√† prima di Kipp√Ļr, cio√® prima della fine d’ottobre, oc ¬≠cupavano, naturalmente gra ¬≠tis, un appartamentino di uno stabile di via Vittoria che ap ¬≠parteneva ab antiquo alla Co ¬≠munit√†. Avevano chiesto asi ¬≠lo, e l’avevano ottenuto. Il padre, inoltre, data la sua per ¬≠fetta conoscenza del culto, e dell’ebraico scritto e parlato, era stato subito assunto come haz√†n: addetto, in particola ¬≠re, alle funzioni mattutine del sabato, a quelle dei minori seppellimenti, e alla macella ¬≠zione rituale degli animali do ¬≠mestici. In un paio di mesi, insomma, si erano perfettamente inseriti. Parlavano gi√† un italiano lento, dalle infles ¬≠sioni ogni tanto stranamente cavernose, bizantine: appros ¬≠simativo, certo, ma di sorpren ¬≠dente efficacia comunicativa. Sarebbero ripartiti? Quando si erano presentati, la prima volta, negli uffici della Comu ¬≠nit√†, il padre, che parlava an ¬≠che per gli altri due, aveva accennato vagamente ad Erez, all’America…


Padre e figlio si assomiglia ¬≠vano. Entrambi alti, assai pi√Ļ alti della media di quanti fre ¬≠quentavano Scuola tedesca, possedevano facce dello stesso tipo: facce lunghe, ossute emaciate, con zigomi salienti in cima ai quali brillavano, azzurri, i medesimi piccoli oc ¬≠chi obliqui, mugicchi. La ma ¬≠dre, al contrario, era di bassa statura, grossa, rotonda: una specie di serva, o di contadi ¬≠na, con tanto di fazzolettone bianco annodato sotto la gola.

Ma ci√≤ che colpiva mag ¬≠giormente gli astanti, sia gi√Ļ, nella sala riservata agli uo ¬≠mini, sia di sopra, nel matroneo, era l’innegabile dignit√† di tutti e tre, la semplice, com ¬≠movente disinvoltura con la quale, in cambio di qualche modesto servizio, sapevano re ¬≠stare ospiti. Non √® che aves ¬≠sero l’aria di dire: ¬ę In fondo siamo tutti uguali, correligio ¬≠nari, fratelli: dunque, questa √® anche casa nostra ¬Ľ. Per niente. Dal solo modo come ci stavano, al Tempio, tutti e tre silenziosi, composti, senza dar scandalo con particolari esibizionismi askenaziti (il pa ¬≠dre, √® vero, conservando il caffetano, la barbetta stenta, biondiccia, nonch√© i pii riccioli dello stesso colore fuo ¬≠ruscenti attorno alle orecchie dal cappello rotondo; la ma ¬≠dre, il fazzolettone contadine ¬≠sco; ma il figlio, lui, vestito correttamente all’occidentale, di panno grigio), sembravano preoccupati soltanto d’una co ¬≠sa: di rassicurare l’assemblea della loro ferma intenzione di andarsene al pi√Ļ presto possi ¬≠bile. Chiedevano di restare ap ¬≠pena un poco, ecco: giusto il tempo bastevole a riprender fiato. Dopo essersi riposati, stessimo tranquilli: avrebbero subito ripreso le vie del vasto mondo.

*

Non le ripresero affatto, le vie del vasto mondo. E cos√¨ i loro tre nomi, confusi fra quelli dei centottantatre ebrei ferraresi deportati dai tedeschi in Germania, verso la fine del ’43, figurano tuttora nella gran lapide affissa sulla facciata del Tempio israelitico, in via Maz ¬≠zini.

Tirate tutte le somme, co ¬≠munque, la loro trasmigrazio ¬≠ne da oriente a occidente non fu vana. Egle Levi-Minzi ebbe un figlio: quel figlio maschio di cui, un giorno, un remoto sabato sera di fine maggio del 1935, mentre, se ¬≠duta accanto a una vecchia contadina ucraina, guardava in gi√Ļ, attraverso la grata del matroneo, nella vasta sala di Scuola tedesca affollata d’uo ¬≠mini, aveva sentito improvvi ¬≠samente il richiamo.
Era stata questione di un momento: di pochi istanti.

Tutti gli uomini guardava ¬≠no dinanzi a s√©, verso il rab ¬≠bino maggiore dottor Castel ¬≠franco, in attesa di sentirgli intonare la benedizione finale e solenne, la ber√Ļh√†. Soltanto uno, fra i tanti, quel giovanot ¬≠to ucraino da poco immigra ¬≠to, stava girato indietro. Guar ¬≠dava in su, verso il matroneo, con magnifici occhi azzurri ridenti, ammiccanti, selvaggi. Ebbene, perch√© non averlo proprio con quel giovane, un figlio? √Ę‚ÄĒ si era detta d’un tratto Egle Levi-Minzi, come svegliandosi da un lungo tor ¬≠pore. √Ę‚ÄĒ Era chiaro: non era lei che il giovanotto stava sa ¬≠lutando, bens√¨ la vecchia l√¨ accanto, sua madre. E tutta ¬≠via, perch√© non far finta di equivocare, e non rispondere al suo sorriso, al suo breve cenno di saluto, con qualcosa di simile? Era povero, lui straniero. Giovane, pi√Ļ gio ¬≠vane di lei di parecchi anni, quasi un ragazzo. Per√≤ pove ¬≠ro. Senza una casa sua. Ra ¬≠mingo. I genitori sarebbero potuti rimanere dove gi√† sta ¬≠vano, nell’appartamentino di via Vittoria nel qualela Co ¬≠munit√† li aveva sistemati. Lui, il giovane, invece… Valeva la pena di tentare. Di tentarlo.
Aveva sorriso. Aveva ac ­cennato con la mano.
Dopo un attimo di esita ¬≠zione, l’altro aveva portato due dita alla tesa del cappel ¬≠lo, abbozzando un inchino.

No, dopo tutto ne era valsa la pena. Il bambino che Egle Levi-Minzi ebbe, fu bellissi ¬≠mo: un fanciullo vivace, in ¬≠telligente, prepotente, stupen ¬≠do; tale da apparire ai pochi di noi che scamparono ai lager e al resto, e nel ’45, non pi√Ļ divisi tra uomini e donne, si ritrovarono tutti insieme a Scuola tedesca, la personifi ¬≠cazione stessa della vita che in eterno finisce e ricomincia Si chiama Yuri: Yuri Rotstein. Alto, magro, ossuto, con ce ¬≠lesti occhi obliqui fiammeg ¬≠gianti al di sopra degli zigo ¬≠mi aguzzi, vive ancora adesso con la madre, solo insieme con lei, per sempre, nella loro grande casa di Ferrara.


Letto 1207 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart