Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Fogli di diario

3 Dicembre 2016

di Diego Valeri
[da ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, gioved√¨ 22 febbraio 1968]

Io non parlo volentieri di me, neppure con me stesso. (Non sembri un vanto: √® la mia verit√†). Ci√≤ vuoi dire che non amo guardarmi allo spec ¬≠chio: e sta bene. Ma vuole an ¬≠che dire che rifuggo per na ¬≠tura dagli esami di coscienza, nonch√© dalle discese agli inferi del subconscio e dell’inconscio. Le d√©lactations moroses dell’auto-psicanalisi proprio non fanno per me.

Dovessi qualificare con un aggettivo o con un avverbio il mio modo di vivere, di essere, direi che vivo distratta ­mente; che il continuo appa ­rire e sparire e mutar forme ed essenze della vita universale mi distrae dalla contemplazio ­ne della mia propria vita.

Ci√≤ non toglie che, quando mi avviene di scrivere una poe ¬≠sia (chiamiamola cos√¨, tanto per intenderci), io, anch’io, par ¬≠lo tanto di me, non parlo che di me, senza pi√Ļ sentire quella repugnanza o quel pudore di cui sopra.

Pare che il verso mi dia franchigia al passo sull’infido terreno della confessione personale. Non sono mai arrivato peraltro al punto di scrivere, in forma di sonetto, un ritrat ¬≠to di me medesimo; come han fatto certi nostri grandi de] passato: grandi, non c’√® dub ¬≠bio, ma affetti da quella malattia che oggi si direbbe di ¬≠vismo. Vero √® che oggi come oggi sonetti non ne scrive pi√Ļ nessuno.

*

Da alcuni giorni, quindici venti diciamo, ho in mente un gran paesaggio solare: paesaggio di pianura immensa, immensamente uguale.

Sulla distesa verde dei campi si levano alti gli argini di un fiume regale; che potrebbe essere il Po. E su uno degli argini, quello pi√Ļ vicino a me, splendida e sola sta una giovane donna dai lunghi capelli disciolti…

Una donna sul fiume, una bella donna che si pettina, mirando la capigliatura scorrente del fiume, l’ho immaginata o forse sognata altre volte; n√© ho mai potuto indovinare che cosa il sogno mi voglia dire. Ma il paesaggio e la figura che ora mi son davanti agi occhi han qualcosa di particolarmente grave e solenne.

La bella donna, infatti, non pettina il fiume dei suoi capelli, ma leva le braccia, lunghe e bianche come ramoscelli di gladiolo, al cielo, al sole: √® una sacerdotessa, una druidessa, una maga. Appunto una maga: come dice il verso che, nato insieme con la visione e inseparabile da essa, mi suona dentro come una musica, pi√Ļ che di accompagnamento, di espressione profonda. Questo verso, questo endecasillabo, unico superstite nella memoria, di un contesto irrimediabilmente perduto, dice precisamente cos√¨:

¬ę …dove la bella maga ferma il sole ¬Ľ.

Dove? Certamente al centro di quel paesaggio solare su quell’argine alto di fiume. Per me infine non c’√® dubbio: la maga √® una creatura padana, un fantasma prestigioso della pianura e della poesia ferrarese.

E ¬† ¬† allora, ¬† ¬† naturalmente, ¬† ¬† ho pensato ¬† ¬† all’Ariosto. ¬† ¬† Allora ¬† ¬† ho pensato: ¬† ¬† ¬† sar√† ¬† ¬† ¬† un ¬† ¬† ¬† verso ¬† ¬† ¬† del ¬†grande Ludovico (mago la sua parte), ¬† sar√† un ritratto ideale della sua cara Alessandra, contemplata ¬† ¬† in ¬† ¬† fantasia, ¬† ¬† in ¬† ¬† un tempo di assenza, di lontananza da Ferrara.

Benissimo. Senonch√©, compulsato il rimario ariostesco, non risulta affatto che quel verso, nell’Ariosto, ci sia. Scrivo a Cesare Segre, che, come tutti sanno, dell’Ariosto sa tutto. Risposta: ¬ę No, non c’√®. Ma sei proprio sicuro di non averlo inventato tu quel verso? ¬Ľ.

Magari, controbatto tra me e me, e… E la cosa, per ora, √® ¬† ferma ¬† a ¬† questo ¬† punto.

*

Incontro Aldo (Palazzeschi) ai piedi del ponte d√¨ Rialto. Torna dal mercato, dall’avere fatto la piccola spesa per la sua piccola cena. Porta infatti, appesa a un braccio la borsa di rete delle provvigioni, se ¬≠mivuota e floscia.

– Oh Aldo, come va?

– Come vuoi che vada? Qui non ¬† si mangia pi√Ļ, non si be ¬≠ve, non si fuma pi√Ļ. Non si fa pi√Ļ niente. ¬† Forse ¬† non ¬† moriremo ¬† ¬† neanche ¬† ¬† pi√Ļ…

(Già:   se   il morire   fosse un fare).

Giunto a casa, cerco nel Doge, una breve meditazione sul tempo, ¬† ¬† sul ¬† nostro ¬† tempo ¬† umano, che ¬† a ¬† prima ¬† lettura ¬† mi ¬† ¬† fece l’impressione di cosa nuovissima, ¬† bench√© ¬† antica ¬† come ¬† l’uomo. ¬† Eccola qua, ¬† a ¬† pagina ¬† 13. ¬ę II tempo, che durante l’accidia ¬† ¬†ci ¬† ¬† si ¬† ¬† presenta ¬† ¬† nel ¬† ¬† passare ¬† ¬† ¬† intollerabilmente ¬† ¬† ¬† lungo, da ¬† parere ¬† ¬† eterno, ¬† ¬† diviene ¬† poi tutto ¬† ¬† il ¬† ¬† contrario ¬† ¬† una ¬† ¬† volta passato, tanto che sul finire di un’intera ¬† ¬† esistenza ¬† ¬† per ¬† ¬† lunga e ¬† ¬† turbata ¬† ¬† che ¬† ¬† sia ¬† ¬† o ¬† ¬† sganghe ¬≠rata ¬† ¬† a ¬† ¬† tutta ¬† possa, ¬† ¬† ci ¬† ¬† appare un ¬† ¬† sogno, ¬† un ¬† sogno ¬† vago, ¬† fugacissimo ¬† ¬† e ¬† ¬† leggero, ¬† ¬† che ¬† ¬† possiamo ¬† ¬†definire ¬† ¬† un ¬† ¬† lampo, ¬† ¬† un soffio ¬† ¬† come ¬† quando ¬† ¬† si ¬† ¬† spegne la ¬† candela: ¬† pfu! ¬Ľ.

Che c’√® dunque di nuovo in queste ¬† ¬† righe, ¬† ¬† dove ¬† ¬† manifestamente ¬† ¬† √® ¬† ¬† ripreso ¬† ¬† il ¬† ¬† ritornello sempiterno del tempo che fug ¬≠ge, e che, nell’attimo stesso in cui √®, gi√† fu, anzi pfu?

Pensieri del genere   si legge ­vano     una     volta     dipinti     sotto le meridiane   (dies nostri quasi umbra)   o scolpiti sulla pie ­tra     delle     fontane     (velut   aqua dilabimur).

Eppure il nuovo in Palazze ¬≠schi c’√®; e mi pare che sia nell’accento d’ingenuo stupore, di subitaneo smarrimento, del vecchio fanciullo che ha urta ¬≠to d’improvviso contro una durissima verit√†, da sempre sa ¬≠puta ma sempre dimenticata.


Letto 1492 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart