Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: La vera eredità di Hegel

4 Aprile 2017

di Franco Lombardi
[dal “Corriere della Sera”, martedì 1 settembre 1970]

Cade in questi giorni il bicen ­tenario della nascita di Hegel. In termini di « storia epocale » (a sua volta un termine che meglio si esprime in tedesco), sono trascorsi fra Hegel e noi ben più che soltanto duecento anni, giacché abbiamo mutato di epoca.

Nessuno Hegel, se nascesse oggi in una città come Nuova York (posto e non concesso che in una città come Nuova York possa nascere ancora uno Hegel), scriverebbe ciò che scriveva Hegel mentre Napo ­leone entrava nella piccola cit ­tà di Germania: di avere visto entrare « lo Spirito del mondo a cavallo ». E ciò non perché non vive oggi un Napoleone (come non vive uno Hegel), o perché non esiste più un ca ­vallo, su cui usi di entrare in città, ma perché non esiste più quello Spirito del mondo. « Il nostro spirito del mondo, caro mio â— mi scriveva tempo fa un amico egregio â— non en ­trerà a cavallo, come quell’al ­tro. Quando entrerà, cavalche ­rà qualcosa di meno domestico, di meno familiare, di più mo ­struoso e infernale… ».

Io non so se si debba vedere la nostra situazione presente, a nostra volta, in termini tan ­to apocalittici. Lo « Spirito del mondo » di Hegel cominciò a farsi meno apocalittico, e più mondano (o weltlich), dacché venne trapiantato in Ita ­lia, a partire dai « giovani he ­geliani » di Napoli della secon ­da metà del secolo scorso. Noi siamo notoriamente, per lo me ­no dal tempo del Rinascimen ­to, nel pensiero come nella so ­cietà e per il generale carat ­tere della nostra civiltà, un popolo weltlich, il che si tra ­duce soltanto approssimativa ­mente con « mondano », di con ­tro alle società e civiltà della Riforma.

Il problema di Hegel, che si può ancora riguardare come quello della nascita del mondo da Dio e con ciò della caduta e della riconciliazione finale (un problema che si può ritro ­vare ancora, nonostante tutto il mutamento, in Marx), si dove ­va trasformare in Italia in quel ­lo della comprensione di questo nostro umano mondo degli uo ­mini. Francesco De Sanctis, ri ­cordandosi dell’espressione del « calare la pasta », che ogni buon marito napoletano indi ­rizza alla moglie, prima e dopo l’invenzione del telefono, quan ­do viene via dal lavoro, e per cui soltanto a Napoli il verbo « calare » si adopera al transi ­tivo, coniò l’espressione, che ebbe dopo di lui fortuna, del volere « calare » l’Idea di Hegel nella storia. E Antonio Labrio ­la, il maestro e padre ideale di Croce, si avviò dopo di lui a intendere il materialismo storico e il pensiero di Marx come un metodo per meglio intendere la storia e prepararsi di lì a trasformarla, senza por ­ci per questo il paraocchi o applicarvi schemi più o meno preordinati e a disegno.

Prima c’era stato Feuerbach, che aveva riposto sui suoi pie ­di l’uomo che la speculazione aveva capovolto sulla testa, e c’era stato, con ed oltre Marx, il positivismo, che aveva desa ­cralizzato la storia già scritta da Hegel con l’iniziale maiu ­scola. E c’era Bergson, maestro dell’amico di Labriola, Sorel (da cui Gramsci riprenderà l’espressione del « blocco stori ­co »), che, figlio e non soltanto avversario del positivismo, ci abituerà a guardare lo svolgi ­mento infinito e sempre nuovo, né mai « concluso », della storia.

Il background generalmente culturale, e non soltanto quel ­lo filosofico, del nostro tempo, si ritrova ad essere mutato. E, come avviene, con la potenza delle armi e con quella della produzione industriale, lo sfon ­do culturale non è più quello â— speculativo e alla Hegel â— tedesco, e neanche è quello « continentale ». Soltanto i soli teologi che ancora continuino ad esistere e a parlare in ter ­mini speculativi (o ideologici), i nostri comunisti nuovissimi, continuano a discettare in ter ­mini speculativo-filologici su Marx, per trovare se o quando Marx sia o non sia hegeliano. E ciò in un tempo in cui pro ­blemi nuovi incombono da ogni parte, in cui la politica e l’e ­conomia, e non soltanto il mar ­xismo, si rinnovano da ogni parte, e in cui gli unici citta ­dini, forse, del nuovo secolo, e gli spiriti più rivoluzionari, si chiamarono a un certo punto Kennedy, Kruscev o Papa Gio ­vanni XXIII.

E tuttavia sarebbe un grave errore non saper riscoprire nel ­la nostra odierna situazione sto ­rico-culturale, per quanto diver ­sa essa sia (e persino nella « socialità » di un pensatore tanto lontano in apparenza da Hegel e tanto « americano », quale è John Dewey!) l’eredi ­tà di Hegel. Si vorrebbe dire che l’Idea di Hegel, secondo che Hegel voleva, ha posto braccia e gambe, e si è messa a camminare per il mondo. Già gli immediati successori â— e i critici â— di Hegel, Feuerbach, Marx, ed anche Kierkegaard, si poterono vedere come i figli ingrati di Hegel, i quali si ri ­bellano contro il padre proprio perché e in quanto ne fanno valere â— contro di lui â— il via ­tico.

Hegel, questo Giano bifronte, non voleva spiegare soltanto la nascita del mondo da Dio e la redenzione finale e presen ­tare una summa della intera storia fino a qui avutasi; ben ­sì poneva anche il problema di una giustificazione del diveni ­re e della storia. Il problema dopo Hegel e secondo lo spiri ­to più riposto di Hegel, si fa con Dilthey e Simmel, con Troeltsch e Weber â— quello di intendere, per così dire nel tempo, le « culture » diverse; e si fa oggi â— nel mondo cultu ­rale e con l’antropologia cultu ­rale, e non soltanto sulla scena politica â— quello della com ­prensione, per così dire nello spazio e non soltanto nel tem ­po, delle culture « altre ». E tut ­tavia, il problema è ancora e di nuovo quello di intendere, insieme con il divenire della ve ­rità, il sussistere della verità del valore, per modo che ab ­bia un senso parlare della co ­noscenza che l’uomo avanza e della validità dei valori che l’uomo viene laboriosamente creando e costruendo attraver ­so la sua storia millenaria. I filosofi non sono forse più, se ­condo che Hegel voleva, i « sa ­cerdoti della umanità », e si sono fatti essi stessi artigiani fra gli altri artigiani; tuttavia rivendicano a sé, sia pure per prepararsi al lavoro di ogni giorno, la domenica della vita.

Soltanto in questa trasforma ­zione, che è del pensiero come è della vita, non dobbiamo, per intendere la grandezza di He ­gel, trascinarlo a sua volta in piazza o cercare di porgli sul capo il berretto frigio; meno ancora, dobbiamo cercare (se ­condo che oggi si fa da ogni parte, da parte di Horkheimer e Adorno, o di Bloch, e del Marcuse della Ontologia di He ­gel, non meno che da parte di Sartre, o di altri) di intendere o di fraintendere Hegel in chia ­ve di Marx, e di intendere o di fraintendere Marx in chiave fenomenologico-esistenziale.

La grandezza che compete a uno Hegel (come compete, in altro rispetto, a Marx) è quel ­la che compete a lui, senza bi ­sogno di attaccare quasi con lo spillo su di lui i nostri conti della spesa o di ritrovare nel Vecchio Testamento fino il det ­tame dei nostri problemi del ­l’oggi, e di ogni giorno.

La verità, e non soltanto la politica, si è fatta molto più « democratica », e molto meno speculativa, o ideologica. Dice ­vamo a principio che fra Hegel e noi vi è un mutamento di epoca. E vorremmo aggiun ­gere, precisando, che già nella vita di ognuno di noi abbiamo assistito al mutamento di mol ­te epoche. L’uomo di oggi, che ha potuto vedere fotografata la Terra da migliaia di chilome ­tri di distanza, sa che noi sia ­mo più che tremila milioni di individui, che pensano ciascu ­no con la testa propria e tutta ­via pensano molto più in con ­cordanza con la società e con il gruppo di quanto non ci si figuri. In questa umanità va ­ria e diversa c’è un tempio de ­gli spiriti magni di ogni tem ­po e di ogni luogo: in esso, fra gli spiriti più grandi dell’evo che diciamo moderno, e che si fa già antico, vive Hegel.


Letto 1448 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart