Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Lettera noiosa

25 Aprile 2013

di Dino Buzzati
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, domenica 1 febbraio 1970]

Non so neppure io, Elena cara, come abbia potuto stare cos√¨ a lungo senza scriverti, senza farmi viva in alcun mo ¬≠do. Ma il tempo passa cos√¨ veloce, e l’inverno mi aveva messo addosso un’uggia tale. Finalmente l’ho ammazzato. Breve, ci √® voluto che passas ¬≠sero ben cinque mesi dall’ul ¬≠timo nostro incontro, e che battesse alle porte, finalmen ¬≠te, la benedetta primavera, qui in campagna cos√¨ radiosa, cos√¨ confortatrice, perch√© io pren ¬≠dessi la penna in mano e mi rimettessi a chiacchierare con la mia cara Elenuccia. Ti giu ¬≠ro che non ne potevo pi√Ļ.

Come vorrei che tu ora fossi qui accanto a me, tu che hai una sensibilità tanto vici ­na alla mia, che sai ascolta ­re le piccole misteriose voci della natura e delle vecchie case, che come me sai coglie ­re i minuscoli incanti della vita domestica, per altri piatta e meschina. Credimi, sbaraz ­zarsi di un marito simile è stata una grande consolazione.

E’ sera, gli alberi e i prati stanno per chiudersi nel son ¬≠no. Non so neppure io come abbia fatto a resistere tanti anni. Una pace meravigliosa si stende intorno alla mia casa (per fortuna la strada √® lontana) e un sentimento di sicurezza, di bont√†, di ap ¬≠pagamento, come dire, di inti ¬≠mit√† profonda placa il mio animo. E poi il ¬ę professore ¬Ľ non mi tormenta pi√Ļ, non si lamenta pi√Ļ, non impartisce pi√Ļ lezioni.

In questo momento non si vede, perch√© √® gi√† buio, ma di giorno, seduta qui, al mio scrittoio, scorgo i nuovi ger ¬≠mogli della spiridinia rampi ¬≠cante che spunta dal davan ¬≠zale. Che verde tenero, amo ¬≠roso, struggente, E’ la vita stessa, √® √Ę‚ÄĒ ma non dirmi poi che sono matta √Ę‚ÄĒ la speran ¬≠za incarnata. Di notte, dor ¬≠mendo, mandava sempre un fischiolino dal naso, era una cosa spaventosa. E poi mi tra ¬≠diva. Sistematicamente.

Ma lo sai che la primavera fa scricchiolare le assi dei mo ¬≠bili antichi, delle preistoriche palafitte? Anche con la figlia del casellante, mi tradiva, qua sotto, appena fuori del bosco, sulla strada ferrata. Ma lo sai che la primavera fa scattare anche dentro di me, ma non so propriamente in che parte di me, certo nel profondo dei nervi e dei sensi, fa scattare delle specie di molle, rimaste, chiss√† come, compresse lun ¬≠go tempo. Zic, zic, ho la sen ¬≠sazione che tanti saltamartini microscopici annidati nelle pi√Ļ recondite parti del mio corpo all’improvviso facciano un bal ¬≠zo. Sensazioni minime, appe ¬≠na percettibili, eppure cos√¨ provocatrici e soavi. Anche tu? Dimmi: anche tu, Elena cara? E’ stato semplice, sai. Dormiva col suo solito fischio- lino. Avevo trovato uno spil ¬≠lone, chiss√†, forse di mia non ¬≠na, di quelli che servivano a fissare i cappelli in testa. Un bello spillone.

*l

Queste sono per me le giornate, forse, pi√Ļ buone dell’anno. Ho calcolato bene il pun ¬≠to. Lui continuava col suo fischiolino. Ho spinto dentro con tutta la mia forza. Come nel burro. Stamattina, uscita in giardino, ho avuto una deliziosa sorpresa: la gwadinna tropicale, sai quella che mi aveva portata da Zanzi ¬≠bar il dottor Genck, e che pensavo fosse morta, nello spazio di una notte aveva messo fuori un fiore, ma che dico un fiore? una specie di fiamma, di torcia, di eruzio ¬≠ne incandescente. Lui ha sol ¬≠tanto aperto gli occhi. Non si √® mosso. Ha sussurrato ¬ę Devi eh… ¬Ľ forse voleva di ¬≠re ¬ę Devi chiamare il medi ¬≠co ¬Ľ. Non ha capito che ero stata io. Con quel ¬ę eh… ¬Ľ √® schiattato come un pallonci ¬≠no con poco gas. E’ una pic ¬≠cola pianta, la gwadinna, te la ricordi? un gingillino, uno scherzo, eppure teneva nasco ¬≠sta in s√©, nelle sue riposte fi ¬≠bre, tanta carica di vita. Che cosa meravigliosa, la natura. Io non cesso di stupirmi. Ine ¬≠sauribile miniera di bellezza, di onerosit√†, di sapienza, di genio artistico.

E sai la cosa pi√Ļ straordi ¬≠naria? Le farfalle valkirie, quelle a strisce celesti e lilla, quel capolavoro del creato, le pi√Ļ belle, le pi√Ļ delicate, le pi√Ļ liberty, le pi√Ļ femminili, che poi volano in quella ma ¬≠niera speciale, te le ricordi?, quasi ancheggiando, bene, tu magari non lo crederai, ma tutte, dico tutte, erano addosso al prorompente fiore della gwadinna, profumatissimo, il quale ne sembrava compiaciu ¬≠to. Che tonfo quando l’ho ti ¬≠rato gi√Ļ dal letto. Mica pote ¬≠vo sollevarlo, pesante e grosso com’era. E poi altri tonfi quan ¬≠do l’ho trascinato gi√Ļ per le scale. Ogni gradino un ton ¬≠fo. Un lavoro bellissimo. Lui sempre pi√Ļ brutto, invece, con i baffi penzoloni.

Ah, un’altra bella novit√†. Mirandola, la mia siamese, ha messo al mondo sei micini che pi√Ļ belli non si potrebbero immaginare. L’incontro col fu ¬≠sto di casa Soffiati ha dato i suoi frutti. Perfetti, ti dico.

Il veterinario che ha assistito al parto, quel simpatico di Scorlesi, lo conosci anche tu, no? era esterrefatto. Neonati, diceva, e gi√† con le orecchie prepostilate! Gi√† da adesso, diceva, potrebbero vincere i concorsi. L’ho portato fino alla botola che precipita gi√Ļ nella fogna. ¬ę Sciac ¬Ľ, ho sen ¬≠tito, quando √® arrivato in fondo.

*

Nel tedio dell’inverno, che qui in campagna forse si fa sentire ancora pi√Ļ che da voi in citt√† dove avete tante luci, tanto movimento, tante belle occasioni, tante (ahim√®) tele ¬≠fonate, sai che ho letto una quantit√† di libri? Tu riderai. E concluderai che sono diven ¬≠tata una bacucca, una bacia ¬≠pile, una pinzochera. Ridi, ridi. Mi sono appassionata ai vecchi Vangeli. Tante volte mi aveva spiegato come la no ¬≠stra fogna comunichi con una corrente sotterranea che si perde chiss√† dove, la casa sor ¬≠ge su un terreno carsico, tutto traforato da cunicoli e caver ¬≠ne. Naturalmente i Vangeli da ragazza me li avevano fatti leggere come libro di testo, perci√≤ li avevo odiosi. Ades ¬≠so, invece: tutte le sere, pro ¬≠prio tutte, prima di chiudere gli occhi, apro a caso il pic ¬≠colo volume. Che pagine di ¬≠vine! Ho denunciato la scom ¬≠parsa alla polizia il mattino dopo. Ho detto che dal pome ¬≠riggio precedente non ne sa ¬≠pevo niente. Ogni volta √® una iniezione di fede, di serenit√†, di bene. Tanto che penso di far rimettere in sesto la chie ¬≠setta qui, di famiglia, ormai piuttosto delabr√©e. Chiss√† che non se ne terr√† conto un gior ¬≠no, quando sar√≤ condotta da ¬≠gli angeli (o dai diavoli?) di ¬≠nanzi al trono di Dio!

Ma, a proposito, prima di lasciarti √Ę‚ÄĒ forse sono stata un po’ noiosa, vero? √Ę‚ÄĒ devo spiegarti quel poncho peruvia ¬≠no che ti era tanto piaciuto. Era tornato verso l’una di notte, giurerei che veniva dalla figlia del casellante. La poli ¬≠zia lo sta cercando in quei paraggi, io stessa ho lasciato intuire qualche cosa. Dunque senti: Occorrono due etti cir ¬≠ca, di lana Shetland grigia (o beige), pi√Ļ novanta grammi della stessa lana nera (o ta ¬≠bacco) , pi√Ļ mezzo etto della stessa lana bianca (o panna) e i ferri numero 3. Si lavora in due parti calando una ma ¬≠glia per parte ad ogni ferro dritto. Comunque, mai lo troveranno qui sotto. Mi aveva spiegato molto bene, il pro ¬≠fessore defunto, le risorse dei terreni carsici. Per la prima parte: con la lana grigia av ¬≠viare 262 maglie e lavorare per dieci ferri a maglia rasata, quindi sempre con la lana gri ¬≠gia, lavorare 16 ferri a maglia rasata. Nei romanzi si sostie ¬≠ne che esiste il rimorso, sapes ¬≠si invece che pace, che tran ¬≠quillit√†, che silenzio. Venti ¬≠settesimo ferro: * una maglia con la lana bianca, tre maglie con la lana grigia *; ripetere da * a * fino alla fine del ferro terminando con una ma ¬≠glia in lana bianca. Ventotte ¬≠simo ferro: * tre maglie con la lana bianca, una maglia con la lana grigia *, ripetere da * a * fino alla fine del ferro, terminando con tre maglie in lana bianca. Impossi ¬≠bile che lo trovino, assoluta ¬≠mente. Dal ventinovesimo al trentaduesimo ferro, in lana bianca. Trentatreesimo e tren ¬≠taquattresimo, in lana grigia. Dal trentacinquesimo al trentottesimo, in lana nera. Tren ¬≠tanovesimo e quarantesimo, in lana grigia. Quarantunesimo e quarantaduesimo, in lana bian ¬≠ca. E non ti verr√† mica in mente di parlarne in giro, spero, anche se sei la figlia di un magistrato. Si hanno cos√¨ 226 maglie sul ferro. Qua ¬≠rantatreesimo e quarantaquattresimo ferro, in lana nera. Quarantacinquesimo…


Letto 2568 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart