Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Mounier vent’anni dopo

13 Luglio 2014

di Carlo Bo
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, mercoled√¨ 8 aprile 1970]

Qualche articolo di giorna ¬≠le, un numero di Esprit ci ri ¬≠cordano che Emmanuel Mou ¬≠nier √® morto da vent’anni. Meglio, ci ricordano una da ¬≠ta pi√Ļ che uno spirito che, in fondo, non ci ha mai ab ¬≠bandonatoe dicui troppe vol ¬≠te abbiamo rimpianto la pre ¬≠senza, il controllo e il soccor ¬≠so della parola.

Quando Mounier se ne an ¬≠d√≤ quel ventidue marzo del 1950 fummo in molti ad ac ¬≠cusare il colpo: avevamo per ¬≠duto l’ultima guida che ci era rimasta, soprattutto una gui ¬≠da che negli ultimi vent’anni non aveva mai tradito i pro ¬≠pri impegni e √Ę‚ÄĒ ci√≤ che pi√Ļ contava √Ę‚ÄĒ non aveva mai giuocato al ‘ maestro ‘, dimen ¬≠ticando quella che era la sua vera dote, la partecipazione umana. Anche oggi, a distan ¬≠za di tanto tempo e in un mondo per gran parte irrico ¬≠noscibile, Mounier ci viene in ¬≠contro con quella sua voce inconfondibile per la sempli ¬≠cit√†, per la straordinaria umil ¬≠t√† ma anche per il rigore e la forza delle sue proposte. Anzi direi che, proprio alla distan ¬≠za, si coglie meglio la sua fi ¬≠sionomia che era quella del compagno privo di qualsiasi presunzione e libero da se ¬≠condi fini di conquista o di accaparramenti di fiducia. E lo si coglie meglio perch√© Mounier risulta uno dei rari cristiani del nostro secolo, non compromesso da questioni di propriet√† o di potere ma nep ¬≠pure coinvolto nelle equivoche ragioni del momento.

*

Cristiano senza storia uffi ¬≠ciale, cristiano per nascita e per educazione, il Mounier non trasse nessun vantaggio dalla condizione del ‘conver ¬≠tito’: il suo cristianesimo ob ¬≠bediva soltanto al duro gio ¬≠go della fedelt√†. Valga il ca ¬≠so del suo lungo confronto col comunismo e la costanza straordinaria della sua resi ¬≠stenza: nulla apparentemente lo separava dalla dottrina marxista, eccezion fatta per la sua fede, vale a dire per ci√≤ che gli era stato dato e che non sarebbe mai riuscito a rinnegare. Mounier era, dun ¬≠que, tenuto, posseduto dalla sua fede religiosa e in tal senso la sua posizione √® molto diversa da quella dei molti cristiani che si sentono auto ¬≠rizzati a disporre della loro fede, a barattarla, a farne merce di scambio o per desi ¬≠derio di affermazione o soltanto per non sentirsi superati oeliminati dalle competizioni dell’attualit√†.

Sar√† bene tenere presente questo fatto della fedelt√† congenita, della fedelt√† legata alla fede stessa se non lo si vuole confondere con un po ¬≠litico o con un pensatore. Mounier diffidava chiaramente delle due soluzioni: se aves ¬≠se voluto fare politica non avrebbe dovuto faticare molto per trasformare il personalismoin un movimento politicoe √Ę‚ÄĒ allo stesso modo √Ę‚ÄĒ se avesse voluto fare il pen ¬≠satore, l’Alain dei cristiani, glisarebbe bastato non en ¬≠trarein lotte, in polemiche, starelontano da quel suo lungoe appassionato dialogo con gli altri che ha caratterizzato le annate di Esprit. Al con ¬≠trario egli non ha avuto paura di dissipare giorno per giorno e nella maniera pi√Ļ anonima le sue notevoli qua ¬≠lit√† di studioso e di scrittore: √® evidente che nel lavoro del ¬≠la rivista trovava il senso del ¬≠lasua missione di uomo.

Non diciamo nulla di nuo ¬≠vo parlando della sua umanit√† ma al luogo obbligato della critica su Mounier, bisogna aggiungere che fino ad oggi nessuno √® riuscito a pe ¬≠netrare fino in fondo questo suo stato naturale di colloquio e di dialogo. Due termini, so ¬≠prattutto l’ultimo, oggi del tut ¬≠to sprovvisti di credibilit√†, tale √® l’abuso che ne √® stato fatto da spiriti interessati a praticare l’immagine del dia ¬≠logo come un trabocchetto: eppure nessuno come Mounier ha dato l’impressione che fos ¬≠se possibile dialogare, quando a cominciare il discorso ci fosse un’anima, anzi una per ¬≠sona umana. Forse il segreto di Mounier va individuato non su un termine solo ma su un rapporto pi√Ļ largo, come √® quello da istituire fra il singolo, la persona e la collettivit√†, la comunit√†.

*

Se non procediamo in que ¬≠sto senso, il suo pensiero, soprattutto la sua azione ne escono dimezzati e si corre il rischio di considerarlo un praticante di utopie e di il ¬≠lusioni. Ora tutto ci√≤ non cor ¬≠risponde alla verit√†. Mounier credeva nella necessit√† di que ¬≠sta doppia collaborazione e direi che aveva cominciato a crederci subito, sin da quan ¬≠do ci era apparso la prima volta nel 1931 come studioso di P√©guy. A P√©guy lo portava naturalmente il gusto per il dibattito, per la discussione, per il confronto ma mentre l’inventore dei Cahiers de la Quinzainefiniva per tornare nell’ambito della accademia, in una specie di chiesa solita ¬≠ria del pensiero, Mounier pren ¬≠deva di colpo un’altra strada e invocava la presenza degli altri, esigeva che ci fosse sempre un interlocutore, uno che rispondesse.

Tutto sta qui,nell’amore enella fede della risposta. Mounier non si limitava a fare delle proposte n√© a sollecita ¬≠re dei dialoghi, nel senso che mentre proponeva o discute ¬≠va qualche tema, nello stesso momento si dichiarava dispo ¬≠nibile, pronto ad ascoltare. In un mondo di sordi era una proposta rivoluzionaria. Ma c’√® di pi√Ļ, Mounier non fa ¬≠ceva distinzioni n√© di gruppi n√© di chiese: egli credeva in effetti a una possibilit√† di scambi efficaci, concreti, a patto per√≤ che la posizione di disponibilit√† fosse accetta ¬≠ta dalle due parti. Sarebbe grave errore credere a una frazione dimissionaria del suo spirito e qui sar√† conveniente ritornare per un attimo sulla sua lunga contesa col comu ¬≠nismo.

Mounier di una cosa era ben sicuro, che la nostra ci ¬≠vilt√† fosse entrata in una crisi senza fondo, in una crisi che avrebbe trasformato il mon ¬≠do. Il suo cristianesimo per ¬≠tanto non gli si trasformava nelle mani per diventare un buon pretesto d’evasione o di rinuncia, al contrario sentiva che il posto del cristiano, ben lungi dall’essere quello dello spettatore o della vittima, do ¬≠veva essere quello dell’attore, anzi del protagonista. Che √® poi quello che ha fatto; per i vent’anni che √® durata la sua lotta, Mounier lo abbia ¬≠mo visto in prima linea: su ¬≠bito contro il cristianesimo codificato e inerte, poi con ¬≠tro l’Action Fran√≠¬ßaise, con ¬≠tro Vichy e il nazismo e in ¬≠fine √Ę‚ÄĒ negli anni del dopo ¬≠guerra √Ę‚ÄĒ contro le nuove fe ¬≠di, comunismo in testa. C’era per√≤ in questa sua condizione un atteggiamento del tutto di ¬≠verso, nuovo anche per il cattolicesimo francese che era a quel tempo all’avanguar ¬≠dia: Mounier non si appaga ¬≠va n√© della polemica n√© del ¬≠l’irrisione.

*

Vicino a un Bernanos pote ¬≠va a prima vista apparire co ¬≠me uno dei tanti professori disponibili ma, a guardare bene, si faceva una curiosa sco ¬≠perta: tutt’e due tenevano a un dato di fatto insopprimi ¬≠bile, il dato metafisico e poi si finiva per intravvedere un’al ¬≠tra cosa: la lotta di Mounier era pi√Ļ consistente, pi√Ļ effi ¬≠cace e quindi testimoniava di una maggiore capacit√† di re ¬≠sistenza. Chi cede alla vee ¬≠menza della protesta subisce dei contraccolpi, un Mounier vinceva alla lunga, era √Ę‚ÄĒ il suo √Ę‚ÄĒ un discorso costante e infatti dura oltre il silen ¬≠zio, dura nella luce della ve ¬≠rit√†. Quale verit√†? Anche su questo punto dobbiamo esse ¬≠re cauti: la fede Mounier non l’ha mai usata n√© come arma n√© come scudo ma sempre e soltanto come parola di sug ¬≠gestione. E’ stato uno dei pri ¬≠mi cristiani del secolo a cre ¬≠dere di nuovo nell’efficacia del Verbo, del Verbo incarna ¬≠to nelle nostre opere, nelle colpe, nelle omissioni, in tut ¬≠to ci√≤ che il cristianesimo in duemila anni non ha saputo fare. Nessuno √® stato cos√¨ conseguente come Mounier nella parte di accusatore ma ecco che leggendo la lunga lista dei nostri capi d’accusa finiva per mettere in luce an ¬≠che le colpe degli altri e so ¬≠prattutto per segnare le di ¬≠stinzioni, le differenze e √Ę‚ÄĒ da ultimo √Ę‚ÄĒ i diritti della persona. Diritti dell’uomo e diritti della societ√†: chi scor ¬≠ra i titoli dei grandi numeri di Esprit vedr√† che lo sguar ¬≠do del Mounier non √® stato n√© particolare n√© improvvisa ¬≠to. Il quadro del nostro tem ¬≠po era nella sua visione com ¬≠pleto e per molti aspetti pro ¬≠fetico. In vent’anni abbiamo continuato a consumare mo ¬≠tivi che il Mounier aveva sa ¬≠puto individuare da solo e preannunciare. La fine della societ√† borghese, la crisi del ¬≠la Chiesa, le chiusure del co ¬≠munismo ufficiale e √Ę‚ÄĒ dopo √Ę‚ÄĒ tutti gli aspetti della no ¬≠stra vita quotidiana: la scuo ¬≠la, gli ospedali, le prigioni, ecc. Mounier aveva chiamato quasi ¬† tutti ¬† i ¬† problemi che hanno costituito poi e tuttora restano i punti nevralgici del ¬≠la nostra situazione.

Abbiamo accennato appena al grande strumento del suo discorso, l’impegno: assai prima di Sartre e con ben altra umilt√†, Mounier seppe fare dell’impegno una regola di vita. Resta √Ę‚ÄĒ questa √Ę‚ÄĒ la parte pi√Ļ ardua del suo insegnamento. Nessuno ha preso il suo posto e soprattutto ci √® mancata la sua parola. Sa ¬≠rebbe stato un prezioso pilota in questi ultimi anni di esaltazioni a freddo e di specula ¬≠zioni sul disordine: avremmo avuto una parola non di pura intelligenza o di consolazione ma √Ę‚ÄĒ bens√¨ √Ę‚ÄĒ di richiamo alla fedelt√† cristiana da scontare giorno per giorno. Dal ¬≠la stessa parte della Chiesa avremmo avuto in lui un te ¬≠stimone libero e questa √® la ragione per cui in un mo ¬≠mento di cos√¨ gravi lacerazio ¬≠ni ci sembra che nessuno do ¬≠po Mounier abbia pi√Ļ saputo comportarsi da cristiano, aper ¬≠to alle ragioni del mondo ma inflessibile nel rispetto della fedelt√†.


Letto 1167 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart