Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Nel Casentino

12 Febbraio 2013

di Mario Tobino
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, luned√¨ 13 luglio 1970]

Che teneri commenti, quali profondi sospiri, che intime confidenze! Come parlaste, o belle castellane! Raccontaste a un poeta le storie che poi diventarono le pi√Ļ belle del mondo. Il Casentino √® per voi ancora benedetto, in nessun posto l’erba cos√¨ riluce.

La valle dondola di rilevatezze, di piccoli colli, è un rimando di strofe. Lontane si ergono torno-torno le monta ­gne, nel largo abbraccio.

Da Firenze si arriva nel Ca ¬≠sentino per il passo della Con ¬≠suma. La grande conca ai tem ¬≠pi di Dante era in dominio dei conti Guidi. I loro castelli erano posti sulle dolci rilevatezze del terreno, in vista uno dell’altro: il castello di Porciano, il castello di Pratovecchio, il castello di Poppi.

Le contessine, le ragazze in allegria giovanile, nelle matti ­ne di cielo limpido dalle alte torri tra loro si salutavano agitando nastri e fazzoletti.

Dante era in vaga parentela con gli Elisei, che erano amici dei Guidi, e questo forse fa ¬≠vor√¨ l’invito da parte dei si ¬≠gnori del Casentino; ma il fatto sostanziale √® che ormai Dante √® conosciuto per le doti che possiede in ogni campo e chi √® potente √Ę‚ÄĒ e dunque alle prese ¬ęcon affari e quistioni √Ę‚ÄĒ √® ben lieto di averlo vicino.

Entrare nelle case dei conti Guidi per Dante ha del pate ¬≠tico; quanto da ragazzo ha sentito parlare del vecchio conte Guido √Ę‚ÄĒ dal quale poi di ¬≠scesero tutti √Ę‚ÄĒ e di sua mo ¬≠glie, la Gualdrada, rimasta buona e semplice anche se in s√¨ alta posizione. I tempi di Guido Novello, il podest√† di Firenze, di Guido Guerra, vi ¬≠cario in Toscana di Carlo d’Angi√≤, erano quelli della se ¬≠renit√†, dell’ordine, degli onesti costumi. Firenze non era an ¬≠cora stata toccata dalla feb ¬≠bre industriale, dal vortich√¨o di affari, dalla sete di com ¬≠merci, non ancora invasa dalla folla forestiera, avida e corrotta.

Quante volte Dante aveva da ragazzo sentito dai vecchi parenti ricordare con nostalgia i conti Guidi. E adesso arri ¬≠vava alle loro case, in Casen ¬≠tino, dove ancora regnava il silenzio, la valle di un verde intenso, colline e montagne dense di foreste che di notte mugghiavano per il vento; e con facilit√† veniva in mente che laggi√Ļ, tra gli alberi pi√Ļ fitti, sul nudo sasso, pochi anni prima aveva dormito san Francesco e l√¨, alla Verna, sul ¬≠le sue palme erano fiorite le stigmate.

 

*

 

Dante rimane dai Guidi pa ¬≠recchi anni. Le ore nella valle scorrono lente, le castellane uguali a prigioniere condan ¬≠nate alle gravidanze, al ricamo. Quanti sogni repressi; una ossessione ogni giorno contemplare dalle finestre lo stesso paesaggio. Che sospiro l’arrivo di un poeta, che conosce il disegno, la musica, che ha scritto canzoni d’amore,

A Poppi, in uno dei castel ¬≠li, c’√® la figlia del conte Ugo ¬≠lino; si √® sposata con Guido di Battifolle.

Per tutta l’Italia era corsa la storia di suo padre, un si ¬≠gnore condannato a morire di fame, lui che era riverito, indossava sete, la spada con l’elsa preziosa, servitori pron ¬≠ti al suo cenno, e condannato alla pena del povero, del mi ¬≠serabile, a morire di fame. Nei castelli, tra i signori, se ne era tanto parlato e a tratti sorgeva paurosa e segreta la domanda: ¬ę E anch’io dun ¬≠que? anch’io potrei come il pi√Ļ povero degli uomini, co ¬≠stretto a gridare piet√†, implo ¬≠rare un sorso, le briciole di un pane? ¬Ľ

¬ę Essere rinchiuso in una prigione dalle pareti cos√¨ spes ¬≠se che la voce non travalica, invano urlare, il filo di luce dell’alta feritoia tutto ci√≤ che proviene dal mondo? ¬Ľ

E si alzava anche il brivi ¬≠do dell’ultima domanda: ¬ę E se ci√≤ avvenisse di nuovo con i figli, i nipoti, ragazzi ignari di tutto? ¬Ľ

Non importava pi√Ļ quello che il conte Ugolino era stato, se umano podest√† o tiranno di Pisa, se mediocre o valo ¬≠roso comandante alla Meloria. Erano i giovanetti, i figli, i nipoti, che serravano i cuori.

La figlia del conte Ugolino √® l√¨ a Poppi, in uno dei ca ¬≠stelli dei Guidi. Dante ha oc ¬≠casione di incontrarla, intrat ¬≠tenerla, √® un cortigiano, un ospite che riceve incarichi di segretariato, rappresentanza, protocollo. A lungo parla con la Gherardesca, la figlia del conte, e spia nei suoi lineamenti l’ombra del padre, in ¬≠dovina nella sua luce l’ingenuit√† di Uguccione e il Briga ¬≠ta, i suoi fratelli. Gherarde ¬≠sca narra i particolari della loro vita intima, come erano tra loro in casa, gli anni che il padre dominava Pisa e i pisani, e le ore di quei giorni, durante la prigionia, le lunghe pene, il sospetto che giganteggia, il sussurrio per la citt√†. I servi che l’uno all’altro con ¬≠fidano la pena decretata, la fame. Infine lo scoppio cru ¬≠dele della verit√†.

Il castello di Poppi assomi ¬≠glia al palazzo della Signoria a Firenze, √® una sua copia rusticana; del resto √® stato lo stesso Arnolfo di Cambio a rimaneggiarlo, a dargli veste in armonia con la campagna. Dalle sue finestre si vede l’Ar ¬≠no ai primi passi, fantolino, limpido, le rive fresche di sor ¬≠gente; avr√† tempo a bere ve ¬≠leno e odio passando da Fi ¬≠renze, attraversando Pisa.

 

*

 

C’√® un’altra figlia poco di ¬≠scosto, in un altro castello dei Guidi; √® andata sposa a Salvatico Guidi di Dovadola. Si chiama Manentessa, suo padre era Buonconte da Mon- tefeltro, valoroso guerriero, capo degli aretini alla batta ¬≠glia di Campaldino.

Dante lo vide avanzare tra le insegne alla testa delle schiere nemiche. Campaldino √® l√¨, vicino a Poppi, pochi chilometri da Pratovecchio, una piana di poca vastit√†. Sulla destra e sulla sinistra si alzano brevi colline, e da una di queste venne gi√Ļ Corso Donati con i suoi uomini, ri ¬≠solvendo la battaglia.

Gli aretini titubarono sor ­presi, si scompigliarono, fu ­rono travolti. Ci fu la fuga, lo sgomento. Le luci della sera assistettero alla ferocia su quei vinti.

Buonconte era stato i ferito nella gola; e nessuno seppe pi√Ļ nulla di lui, del suo cor ¬≠po, la sua spada, i suoi colori. Tutto si dissolse, spar√¨. Dove la figura del valoroso capo? dove seppellito? dove aveva trovato pace?

Dante √® protetto dalle stel ¬≠le; nel Casentino incontra e parla con chi √® strettamente legato alle storie pi√Ļ belle. Manentessa √® figlia di Buon ¬≠conte, per√≤ lei poco si infiam ¬≠ma per il padre, √® distratta alle domande di Dante, vane ¬≠sia, civetta; occupata da altre cure.

Dante è tenero, pietoso, an ­che feroce come un soldato sul campo; e sempre colpisce nel centro la realtà. Di fronte alla smemoratezza della figlia come non vedere Buonconte solitario, sanguinante nella go ­la, rimasto solo, senza nessuno vicino mentre è sulla soglia della morte? non contemplar ­lo mentre da se stesso prov ­vede a incrociarsi le braccia sul petto, mormorando il nome di colei che tutti salva?

 

*

 

In un castello dei Guidi la Gherardesca, figlia del conte Ugolino; in un altro castello Manentessa, figlia di Buon conte da Montefeltro.

E un’altra donna c’√® nel Casentino, anch’essa imparentata stretta con i Guidi. E’ la nuora di Aghinolfo.

Il suo nome è tale che ap ­pena lo si pronuncia, si incen ­dia la fantasia.

E’ la figlia di Paolo, Pao ¬≠lo Malatesta. Suo padre fu l’amante di Francesca. Sorpre ¬≠si dal fratello e marito; ed uccisi.

Questa vicenda correva per le contrade; nei castelli la si narrava con l’accento della passione, si sussurravano i precisi particolari, gli intimi, l’ora della sorpresa, in quale stanza, le spie, la spada che si insanguina, la nessuna di ¬≠fesa.

I signori conoscono i rispet ¬≠tivi segreti familiari e c’√® tem ¬≠po nei castelli a meditarli: d’inverno intorno ai grandi camini che ogni tanto franano le grosse braci, d’estate nei lunghissimi tramonti mentre la nostalgia di una vita diversa si mescola al profumo della campagna.

Dante accumula tutte le notizie; spesso chi narra è dello stesso sangue, lo stampo della famiglia.

E c’√® un’altra donna in Ca ¬≠sentino, forse la pi√Ļ bella, la pi√Ļ affascinante. Ancora sem ¬≠bra muoversi per quella valle. Abit√≤ il castello di Poppi, si affacci√≤ a quelle finestre.

E’ la figlia di un re cortese, protettore della scienza e dell’arte, lui stesso poeta, la sua Corte fastosa come quelle di Oriente. E’ la figlia di Federico II; and√≤ sposa a uno dei Guidi.

Figlia di Federico II, e quindi sorella di Manfredi.

Qui si fa d’oro la fantasia di Dante, che con avidit√† ascolta ci√≤ che si tramanda, com’erano le fattezze, i gesti, le maniere, gli episodi tanto su di lei che sul fratello.

Manfredi sar√† l’unico nella Commedia a essere descritto nei lineamenti, espressa la sua bellezza; i capelli biondi co ¬≠me da giovane Dante, quando giocava sulle rive dell’Arno.

 


Letto 1525 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart