Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Svevo si sfoga

5 Maggio 2009

di Armando Meoni
[dal “Corriere della Sera”, domenica 17 agosto 1969] ¬†

Di quella via crucis semi ¬≠nata di silenzi e d’in ¬≠comprensioni, che Italo Svevo dovette percorrere pri ¬≠ma che in Italia Eugenio Montale e in Francia Be ¬≠njamin Cr√©mieux lo rivelas ¬≠sero, non pu√≤ dirsi che lo Svevo non ne abbia rese frequenti testimonianze at ¬≠traverso gli epistolari e per ¬≠fino nella prefazione a sua firma all’edizione milanese di Senilit√† nel 1927. Mai pe ¬≠r√≤ se ne effuse come in una lettera del 1923, proprio l’anno che il Cappelli di Bolo ¬≠gna gli pubblicava, a spese d’autore, La coscienza di Zeno: lettera che ebbi la sor ¬≠presa di rintracciare fra le carte del poeta e giornalista Bino Binazzi.
Era da supporre che, re ¬≠perita tra le carte Binazzi, quest’ultimo ne fosse il de ¬≠stinatario; tuttavia gli accenni contenuti a ben tre libri del destinatario che lo Svevo s’era affrettato a pro ¬≠curarsi e a leggere, tre vo ¬≠lumi che, certo, non pote ¬≠vano essere se non di nar ¬≠rativa, mentre il Binazzi, poeta, di narrativa non ave ¬≠va dato che una sola opera (Cose che paion novelle, edi ¬≠ta nell’ormai lontano 1913), mettevano in dubbio la de ¬≠stinazione. Inoltre, alcune parti della lettera figurava ¬≠no nell’Epistolario edito dal Maier per il Dall’Oglio nel 1966, ma con supposte date del 1922 e del 1925 o 1926, destinatari rispettivamente il giornalista Attilio Frescura a Bologna e Benjamin Cr√© ¬≠mieux a Parigi.
Le ricerche compiute pres ¬≠so la figlia dello Svevo e presso il Maier hanno con ¬≠dotto a stabilire con sicurezza che la lettera, auten ¬≠tica e sola, era questa del 10 gennaio 1923r e che fu indirizzata a Attilio Frescura, redattore, come il Binazzi, del Resto del Carlino. Il Fre ¬≠scura assolveva infine la con ¬≠sulenza letteraria per l’edi ¬≠tore e libraio bolognese comm. Licurgo Cappelli, che nell’immediato primo dopo ¬≠guerra aveva aperto a Trie ¬≠ste una libreria mandando ¬≠vi a dirigerla il figlio cavalier Umberto.
Lo Svevo s’era accinto a scrivere La coscienza di Ze ¬≠no verso la primavera del 1919, ma con molta lentezza e chiss√† quali ripensamenti se nel giugno 1922 da S. Pel ¬≠legrino, dove si trovava per le acque, mandava a dire alla moglie che sebbene si tosse portato dietro la carta per il romanzo, non gliene veniva lass√Ļ una sola parola. A ogni modo il romanzo fu terminato nell’autunno, e dalla relazione iniziata con la frequentazione a Trieste della libreria Cappelli, lo Svevo si valse per propor ¬≠ne a proprie spese la pub ¬≠blicazione. Il manoscritto and√≤ a Bologna, il Frescura lo lesse e non solo ne dette giudizio favorevole all’edito ¬≠re, ma se ne espresse altret ¬≠tanto favorevolmente con lo Svevo, che appunto rispose con la lettera del 10 gen ¬≠naio 1923.
Viene di chiedersi come la lettera finisse nelle carte del Binazzi. Facile: il Binazzi, nel marzo 1926, quando gi√† c’erano stati gli articoli del Cr√©mieux e del Montale, scrisse della Coscienza di Zeno sul quotidiano bolo ¬≠gnese un articolo che aveva ¬ę incantato ¬Ľ lo Svevo, co ¬≠me in una lettera d’appena quattro giorni dopo confes ¬≠sava al Montale. Ovviamen ¬≠te, per una pi√Ļ completa co ¬≠noscenza dell’autore, il Bi ¬≠nazzi se n’era informato col collega di redazione Frescu ¬≠ra, il quale gli pass√≤ la let ¬≠tera rimasta poi fra le sue carte.
Questa che viene ora pub ­blicata nella originale inte ­grità, per essere il primo sfogo del misconosciuto Svevo quando ancora né il Cré ­mieux né il Montale si era ­no occupati di lui, è senza dubbio documento di non trascurabile importanza per gli studi sveviani.  

Trieste, li 10 gennaio 1923.

Pregiatissimo Signore,

soltanto l’altro ieri il cav. Cappelli mi fece il suo nome ed io subito m’affrettai di procurarmi tre dei suoi libri. Non ne avevo letto nessuno. Sono di solito occu ¬≠patissimo e poco regolato nelle mie lettu ¬≠re. Perci√≤ non conosco di lavori italiani recenti che quelli che vengono gridati di pi√Ļ. Passai subito varie ore con lei e per ¬≠ci√≤ la conoscenza che, a quanto mi scris ¬≠se il comm. Cappelli, √® da lei desiderata, oramai √® fatta. Se non fossi tanto occu ¬≠pato avrei fatto anche una corsa a Bo ¬≠logna per consacrare la nostra veramente poco comune relazione con una stretta di mano cordiale. Prima o poi penso anche di farlo. Perch√© il giudizio suo sul mio la ¬≠voro riferitomi dal comm. Cappelli e spe ¬≠cialmente le parole ch’ella ebbe la bont√† di inviarmi col figlio del comm. furono per me dei dolci regali. Adesso poi che cono ¬≠sco da chi mi vennero incomincio a dubi ¬≠tare se, dopo pubblicato il mio lavoro, po ¬≠tr√≤ avere un’altra soddisfazione simile a questa.

Ora che so chi lei √® le debbo intera sincerit√† tanto pi√Ļ che so che ai suoi oc ¬≠chi non pu√≤ danneggiarmi. Io non sono un letterato. Pi√Ļ di 30 anni fa tentai di divenirlo e non vi riuscii. Allora pubblicai un romanzo che si merit√≤ mezza colonna di critica del Corriere della Sera. Vi ve ¬≠nivo designato come ¬ę non il primo venu ¬≠to ¬Ľ ma mi si facevano di tali rimproveri per la mia forma trasandata che i lettori assolutamente rifiutarono d’abboccare. In ¬≠tanto io avevo bisogno di denaro per la famigliuola che circa allora avevo fonda ¬≠ta e mi dedicai ad un’industria che me lo forn√¨. Per quanto me ne difendessi, per qualche anno ancora la letteratura mi per ¬≠seguit√≤, ma quando ebbi le orecchie ben intronate dalle mie macchine e dai miei clienti essa fin√¨ col lasciarmi del tutto in pace. Venne la guerra, la mia industria ne fu distrutta ed io qui a Trieste fui con ¬≠dannato ad una vita ritiratissima e quasi celata. Nel lungo riposo fui ripreso dagli antichi fantasmi, ma io diffidente non li notai. Dovevo tenermi pronto per ritorna ¬≠re alla vita mia solita quando sarebbe sta ¬≠ta possibile. Dopo l’armistizio e la nostra redenzione la mia industria stent√≤ a ria ¬≠versi e finch√© non riconquist√≤ i polmoni tanto forti da poter assordarmi io scrissi.

Naturalmente ci√≤ non basterebbe a spie ¬≠gare perch√© io non conosca meglio la mia madre lingua. Spiega per√≤ perch√© i primi capitoli del mio romanzo sieno scritti an ¬≠che peggio dei susseguenti e ci√≤ ad onta che sieno stati rifatti pi√Ļ volte. Che sia il nonno tedesco che m’impedisca di appa ¬≠rire meglio latino? Eppure io sempre ono ¬≠rai ed anche studiai la mia lingua. Per√≤ dalla mia prima giovinezza fui sbalestrato nei paesi pi√Ļ varii e invece Firenze – ad onta del lungo desiderio – non vidi che a cinquant’anni e Roma a sessanta. Tutto il resto d’Europa io vidi prima compresa l’Irlanda. Ed √® cos√¨ che la lingua italiana per me rest√≤ definitivamente quella che si muove nella mia testa isolata. Gli altri triestini trascinano con s√© il loro dialetto ma √® un dialetto italiano e sono pi√Ļ schiet ¬≠ti di me. Gi√† nella mia giovinezza i miei amici letterati mi dicevano l’ostrogoto. Per ¬≠ci√≤ il mio pseudonimo d’Italo Svevo.

Io mi ritenevo giudicato e condannato ed √® certo che se l’Italia non fosse venuta a me, io non avrei neppur pensato di poter scrivere. E’ una cosa curiosa che neppure io, cui succede, so spiegare. Il nostro am ¬≠biente non √® mica cambiato tanto! Eppu ¬≠re io mi misi a scrivere il mio romanzo quattro mesi dopo l’arrivo delle nostre truppe. Come una cosa naturale! A 58 anni! Io penso che con la petulanza di tutti i liberati credessi fosse stato concesso il diritto d’incolato a me e alla mia linguetta.

Questo diritto l’ho acquistato soltanto per il suo giudizio. Lei comprender√† con quale intensa attenzione io ora stia leggendo i suoi libri. Quando mi commovono o ammi ¬≠ro, io penso a me, solo a me e mi dico: Vedi, vecchietto come scrivi bene anche tu se chi scrive cos√¨ te lo disse?

Ma di tutto ci√≤ un’altra volta se ella avr√† la pazienza di starmi a sentire. Non vorrei poi mandarle dell’altra prosa mia perch√© lei ne ha gi√† di troppo.
Stringendole affettuosamente la mano
suo devotissimo

Ettore Schmitz

Villa Veneziani – Trieste.


Letto 2349 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart