Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: J. Claude Izzo: “Vivere stanca”, Edizioni e/o

1 Giugno 2010

Francesco Improta

Mi è capitata tra le mani una breve raccolta di racconti di J. C. Izzo, Vivere stanca, pubblicata, in Italia, nel 2001 e riproposta, in edizione tascabile, sempre per i tipi di e/o, nell’ottobre del 2008. Sono sette racconti in tutto e l’ultimo è incentrato su Fabio Montale, il protagonista, colto e disincantato, della trilogia mar ­sigliese (Casino totale, Chourmo e Solea). Accanto a lui Fonfon e Honorine, altri due personaggi della trilogia e su tutto il racconto quella voglia che non è solo del personaggio ma dell’autore stesso di perdersi in giro per Marsiglia, in quel gomitolo di strade, vicino al porto, brulicanti di vita, di odori e di colori, in cerca di quella felicità propria di chi è in esilio. Una Marsiglia impastata di mi ­seria e disperazione, divisa tra la bellezza e la violenza e cresciuta a dismisura, quasi fosse lievitata, in seguito all’immigrazione ara ­ba e italiana. Quella Marsiglia sconosciuta e familiare, ricca di umanità, che Izzo ha sempre amato e mai posseduto. Una cate ­goria dello spirito ma anche un ventre molle, oscuro e proprio per questo più accogliente e protettivo.

Gli altri sei racconti, anche se possono sembrare suggeriti dalla sordida cronaca locale, una cronaca intrisa di razzismo, di sopraf ­fazioni e di ingiustizie sociali, sono tutti immaginari, frutto di quella sua dolente e amara visione del mondo. Reali invece sono i luoghi in cui si svolgono questi racconti e reale è soprattutto la nausea che spesso la vita suscita, soprattutto in chi dopo essersi giustamente indignato e dopo aver scalciato inutilmente contro il mondo si rende conto della solitudine a cui siamo irrimediabil ­mente condannati. Non è un caso che vivere, come dice il titolo della raccolta e del primo dei sette racconti, stanca, perché vivere non è altro che perdere e perdersi, nella speranza di un amore che non sappiamo vivere e forse neppure capire e in attesa di una pace, di un equilibrio che solo la morte potrà regalarci. La scrittura è scarna, icastica, tagliente come quella lama di coltello che Gina, la protagonista del secondo racconto, impugna come un simbolo fallico, pronta ad affondarla nella sua carne in tutta la sua lunghezza.


Letto 2815 volte.


1 commento

  1. Pingback by Bartolomeo Di Monaco » LETTERATURA: J. Claude Izzo: “Vivere stanca … — 2 Giugno 2010 @ 09:55

    […] Link fonte: Bartolomeo Di Monaco » LETTERATURA: J. Claude Izzo: “Vivere stanca … […]

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart