Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: La prima supplenza

13 Novembre 2009

di Gian Gabriele Benedetti

La comunicazione telefonica arriv√≤ a coronare un’attesa che ormai si prolungava da tanto, troppo tempo: ero stato nominato supplente nella scuola di… per ben venti giorni. Si realizzava cos√¨ la possibilit√† della mia prima comparsa in mezzo ad una scolaresca in qualit√† di insegnante. E, a dire il vero, mi sentii alquanto orgoglioso: io, il maestro, e di fronte a me gli scolari. Potevo finalmente assaporare i frutti del sudato diploma.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Tuttavia, tra le righe della gioia che accarezzava l’animo, qualche apprensione si affacciava: tutto sarebbe “filato liscio” cos√¨ come mi ero molte e molte volte immaginato? La realt√† avrebbe assecondato quanto appreso in teoria? Certo i dubbi e le incertezze brulicavano, ma ora bisognava godere l’evento a lungo sperato e, dopo tanto, toccato concretamente con mano.

                    Fui sollecito, quella mattina, nel predisporre ogni cosa ed avviarmi alla piccola scuola che attendeva il nuovo temporaneo docente.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Il raggiungerla gi√† di per s√© comportava difficolt√† non trascurabili, poich√© ero stato assegnato ad una pluriclasse unica di montagna e la definizione stessa poneva subito in evidenza quale potesse essere l’ubicazione dell’edificio scolastico. Per arrivarvi, in effetti, era necessario percorrere un tratto di strada carrabile, di diversi chilometri, tortuoso e sterrato, che si arrampicava faticosamente su uno dei tanti colli tipici della nostra zona, e poi proseguire a piedi lungo un viottolo che si divertiva a giocare tra le grinze del bosco.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Armato di cartella nuova fiammante (pure essa attendeva il battesimo!) con dentro il materiale di “appoggio” per le mie lezioni, affrontai l’avventura, procedendo dapprima con la mia squinternata vetusta motoretta che mi condusse, non senza qualche preoccupante singhiozzo di fatica e traballando paurosamente attraverso la strada sconnessa e polverosa, fino al paesello. Da l√¨ non c’era altro mezzo per raggiungere la meta, se non il “caval di San Francesco”.

                    Gambe in spalla, dunque, e, confortato, anzi sopraffatto da entusiasmo traboccante, mi inoltrai nel bosco imboccando la pietrosa via che aveva sicuramente conosciuto i sudori e le fatiche di tanti montanari.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Era una fredda mattina dei primi di dicembre. Il cielo sereno, ancora punteggiato di labili stelle, andava man mano slavandosi nell’estremo anelito della notte. L’aria pungente faceva arrossare le guance e pungere le mani, pur inguantate. Il bosco intorno viveva la tristezza dell’ultimo autunno, avendo ormai smarrito la fantasmagoria di colori che aveva dato l’illusione di una festa in atto. I rami contorti dei castagni, pressoch√© denudati, assumevano strane ieratiche forme, mostrando ancora qua e l√† rare foglie rinsecchite, tarde al distacco, in lotta caparbia, pur nella precaria situazione, con una brezza insistente. In terra, come un tappeto disordinato, si stendeva l’ultimo messaggio di vita delle piante ormai addormentate.

                    Il silenzio profondo era rotto solamente dal crepitare vivo, stridulo del fogliame sparso che i miei passi solerti calpestavano.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Di tanto in tanto un rapido trillo di pettirosso pareva salutare melanconicamente l’allontanarsi inesorabile di giorni felici, racchiudendo in s√© tutta la tristezza di una stagione divenuta avara.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† In lontananza i monti, gi√† ricoperti di neve, imprigionavano i loro estremi respiri nell’abbraccio rigido di alte nuvole gelide.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Nonostante la natura non spingesse l’animo a spaziare in teneri indugi, provavo nell’intimo una certa euforia che mi spingeva ad accelerare il passo ed a fischiettare in sordina. Ma lungo l’erta ben presto il fischiettare si tramut√≤ in ansimare faticoso ed il passo s’infiacch√¨, divenne di piombo, tanto che dovetti far sosta per riacquistare fiato e forze, appoggiandomi al tronco di un secolare castagno

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Quando ripresi il cammino, ritenni saggio (oh, come saggio!) usar maggior prudenza nell’affrontare il ripido sdipanarsi del tormentato viottolo e frenare la mia iniziale baldanza e la mia quasi spavalda frenesia.

                    Così, assai meno focoso e sicuramente sfiancato, arrivai a scoprire la bianca minuscola scuola, che trafiggeva a tratti, col suo candore, la stanchezza grigio-scura e rassegnata del bosco.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Gli scolari della pluriclasse, abituati com’erano a levarsi dal letto assai per tempo, erano gi√† “piazzati” ad attendere il nuovo arrivato.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Alla mia apparizione, scorsi nei loro occhi puntati non tanto curiosit√†, del resto giusta e giustificata, bens√¨ un certo senso di compassione: dovevo apparire proprio in condizioni disperate, se avevo suscitato una tal piet√† nei bimbi! Ed in realt√† avvertivo il viso pigliarmi fuoco e mi sembrava di essere stato bastonato, di essere a pezzi, insomma da “raccattare col cucchiaino”. Soprattutto mi sentivo umiliato nel presentarmi in uno stato cos√¨ miserando.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Mi adagiai di peso sulla sedia dietro la cattedra ed a stento riuscii a tirar fuori un filo di voce: “Ragazzi…, abbiate pazienza: riprendo fiato…!”.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Inizi√≤ in quel modo un po’ inglorioso il mio rapporto con quei bimbi, che vivevano disseminati qua e l√† sul fianco del monte in case solitarie e generalmente povere, senza alcun contatto col mondo moderno ed in simbiosi con una natura spesso indocile e raramente prodiga.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Rassettata alla meglio la mia dignit√†, stimolato dalla mia “cultura” magistrale, di cui intimamente mi facevo vanto, emersa di nuovo, dopo avermi, a causa della sfinitezza, per un momento abbandonato, predisposi tutto me stesso al compito per il quale ero stato delegato. E, col riaffiorare prepotente dell’orgoglio del giovane maestro, mi lasciai andare a fecondo parlare con l’intento chiaro di incantare l’uditorio.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Man mano che procedevo, beato, nel mio sproloquio, guardavo sottecchi gli scolari e ben presto mi resi conto che i volti, anzich√© dipingersi di interesse, di ammirazione e di stupore, si stavano atteggiando viepi√Ļ ad una melanconica smorfia di noia e di rassegnazione. Sbadigli, con bocche larghe come forni aperti, si susseguivano con una frequenza allarmante e si trasmettevano come un’epidemia. Gli sguardi inquieti, alquanto spenti, parevano dire: “Ma questo, adesso, che vuole?”.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† A quel punto capii l’antifona e, vinto da un certo imbarazzo, suggerii a me stesso: “Qui, caro mio, si deve cambiar tattica”.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Cos√¨ cercai rapidamente di raddrizzare la situazione, rivolgendo l’ansioso pensiero verso tutte le mie reminiscenze scolastiche. Rovistai, allora, con la mente ogni materia studiata, rividi dinanzi agli occhi, ad uno ad uno, tutti i libri presi tante volte in mano e tante volte sfogliati, cercai di riascoltare la voce di ciascuno dei miei pur validi insegnanti… Tuttavia per quanto mi arrovellassi al fine di trovare appigli in quella direzione, la risposta attesa ¬† non voleva arrivare a confortare e ad illuminare il mio brancolare nel buio.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Intanto i bimbi aspettavano, guardando con allarmante curiosit√†, quella specie di insegnante che stava impalato dinanzi a loro e dava l’impressione, non tanto velata, di non sapere da che parte rifarsi o a che Santo votarsi.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Certamente mai avrei supposto di rimediare una figuraccia simile ogniqualvolta mi figuravo davanti ad una scolaresca. Ma la realt√†, purtroppo, si presentava in modo ben diverso da come era stata creata con la fantasia ed ora, senza “armi”, bisognava affrontare il toro per le corna.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Quand’ecco, all’improvviso, come una scialuppa di salvataggio, il lampo di genio (a me parve cos√¨) che illumin√≤ la mente smarrita e venne a salvarmi dall’inesorabile affondare nelle sabbie mobili nelle quali mi ero cacciato. E mi rammaricai di non averci pensato prima!

“Ragazzi!” dissi rincuorato “Prendete il quaderno a righe”. Poi mi diressi alla lavagna su cui scrissi con bella grafia “Tema” e, sotto, il relativo titolo: “Parlami del tuo babbo”.

Subito si avvert√¨ dietro le mie spalle un bofonchiare che aveva tutta l’intenzione di manifestare una protesta sia pure alquanto contenuta. E nel brusio captai una frase pronunciata a denti stretti: “E ti pareva?…”. Ma io feci dignitosamente orecchie da mercante.

                    I bimbi, ovviamente avvezzi ad ubbidire, si misero, se pur con evidente malavoglia, a tirar fuori penna e quaderno, mentre io, seduto alla sospirata cattedra, tentavo di riordinare le idee.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Di tanto in tanto alzavo lo sguardo, ed allora mi piombava addosso qualche occhiataccia fugace che sembrava fulminarmi, ma ci√≤ nonostante ebbi l’impressione che tutti stessero eseguendo l’ordine ricevuto. Cos√¨ mi parve, perch√© ad un certo punto mi accorsi di un ragazzo robusto e saldo come l’acciaio, una specie di marcantonio che a stento entrava nel banchino di legno e che cercava in ogni modo di eclissarsi dietro al compagno sedutogli davanti. Egli se ne stava, seminascosto, con la penna in bocca, girando qua e l√† ansiosamente i suoi occhi azzurri, tristi come quelli di un cane abbandonato. Pensai fra me: “Forse cercher√† l’ispirazione”. Ma l’estro evidentemente tardava a confortarlo, giacch√© la penna era come incollata alla bocca e non voleva saperne di posarsi sul foglio.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Il tempo se ne andava e tale situazione mi incuriosiva sempre pi√Ļ e, nello stesso tempo, mi forniva un certo fastidio, in quanto ritenevo che ci√≤ fosse dovuto a disubbidienza vera e propria.

                    Per cercare di sbrogliare la matassa, mi rivolsi a lui:

“Vorrei sapere,” intervenni nel silenzio generale “vorrei sapere da quel ragazzo dell’ultimo banco, quello con i riccioli biondi, che succhia senza interruzione la penna e tenta di nascondersi, anzich√© scrivere, che intenzioni ha”.

Il ragazzo indicato arrossì, chinando il capo.

“Vieni qua!” gli ordinai.

Ci volle un bel po’ prima di “svincigliare” le lunghe gambe, che (chiss√† come facesse) riusciva a ripiegare ed a sistemare all’interno del banchino, e di tirarle fuori. E me lo trovai dinanzi in tutta la sua mole. Avr√† avuto dodici o tredici anni, ma pareva quasi un uomo. Dalle vesti dimesse ma ordinate traspariva la sua robusta complessione. Soprattutto era facilmente intuibile l’esplodere di una forza fisica non comune, propria di chi √® abituato a lavorare anche in modo pesante. Il viso rotondo dai lineamenti non troppo marcati, con la pelle un po’ ruvida ed arrossata, forgiata sicuramente dal sole e dall’aria per via di un frequente vivere all’aperto, emanava una certa docilit√† ¬† ed un evidente senso di bonariet√†, ma i suoi occhi melanconici erano l√¨ a testimoniare sofferenze ed inquietudini non soffocate.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Non osai alzarmi per evitare che la mia modesta statura e la mia accentuata magrezza venissero ancor pi√Ļ miseramente evidenziate e magari ridicolizzate di fronte a lui.

“Come ti chiami?” gli chiesi.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† “Domenico” brontol√≤ appena percettibilmente, con gli occhi abbassati e con le guance che gli avvampavano.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† “Perch√©, mentre i tuoi compagni scrivono, tu non combini nulla e stai l√¨ a gingillarti, a perdere tempo?” lo rimproverai.

Rimase per un po’ in silenzio, tormentando tra le sue grandi mani d’adulto l’incolpevole penna che aveva portato con s√©. La testa china mostrava pi√Ļ distintamente la bellezza dei suoi capelli biondi che avevano riflessi di rame ed erano abbondanti e tanto arricciolati da assomigliare a mille e mille punti interrogativi d’oro.

                    Alla mia insistenza, tirando fuori una voce, che ancora faceva capire di essere di fronte ad un ragazzo, appena fiatò:

“Il tema ‘un mi riesce”

“E come mai? Non sei capace di parlare del tuo babbo, di descriverlo, di raccontarci del suo lavoro, di come si comporta con te, di quanto ti vuol bene e di quanto gliene vuoi tu…?”.

Segu√¨ una lunga pausa di imbarazzo ed un conseguente armeggiare, ancor pi√Ļ frenetico, con la penna. Poi la tenue risposta che mi raggel√≤ il sangue:

“Maestro, ma io il babbo… ‘un ce l’ho…”.

In quel momento provai una tale vergogna di me stesso che sarei voluto sprofondare sotto terra.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Mai come allora mi disprezzai e commiserai, mentre mi apparivano dinanzi tutta la mia presunzione, la mia incapacit√† e soprattutto le mie macroscopiche deficienze sul piano psico-pedagogico-didattico. Con quale coraggio e con quale incoscienza avevo preteso di presentarmi di fronte a dei ragazzi di una scuola, se non ero capace di compiere una bench√© minima, seria, valida azione educativa e formativa, se non ero per niente in grado di mostrarmi vero amico nei rapporti con gli scolari, se non sapevo adeguarmi alle loro effettive esigenze ed ai loro reali bisogni, se non riuscivo a suscitare alcun interesse, n√© tantomeno creare quel clima di reciproca fiducia, di aperta familiarit√†, di amore concreto e sincero, di umanit√† viva e profondamente vissuta, se non ero valente a far appello all’animo generoso dei bambini? In quale modo pretendevo di impostare un insegnamento-apprendimento produttivo, poggiante su basi di una almeno accettabile scientificit√†, se non conoscevo affatto i miei scolari, i loro problemi, le loro inclinazioni, i loro desideri, il loro mondo…?

Oh, come allora mi tornarono in mente i felici rapporti instaurati dal grande Socrate con i suoi allievi! E pensare che in breve tempo io avevo “assassinato” impietosamente la sua maieutica.

“Povero spocchioso maestro,” mi rimproverai “come ritieni possibile vivere e far vivere validamente la vita scolastica, se non abbandoni il tuo piedistallo di vuota immodestia e superba ambizione?”.

Dovevo correre al pi√Ļ presto ai ripari per rimediare ad un comportamento cos√¨ disastroso e per salvare, almeno in parte, la faccia. Ed in quel senso mi adoprai. Soprattutto cercai d’essere me stesso in mezzo a quelle creature che mi affidavano il loro cuore e le loro aspettative.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Rivolgendomi alla classe, che aveva seguito con una certa curiosit√† ed apprensione tutta la scena, suggerii di sospendere l’elaborazione del tema. Scesi dalla cattedra ed invitai i ragazzi a venire intorno a me.

“Io credo,” dissi loro, “io credo che sia opportuno conoscerci meglio per divenire amici. Mettiamoci qua e presentiamoci, dando notizie di noi stessi. Cos√¨ vedremo quali sono le nostre aspirazioni, le nostre ambizioni, i nostri sogni, le nostre esigenze, i nostri timori, le nostre migliori qualit√†, i nostri piccoli difetti e cos√¨ via”.

La piccola scuola in breve si anim√≤ del chiacchiericcio vivace dei bimbi che man mano aprivano il loro animo. Nei giorni seguenti maturarono naturalmente e gradualmente quelle situazioni che resero gli scolari e me attivamente coinvolti e partecipi ad ogni momento del lavoro scolastico. Quando, poi, la stagione ce lo permetteva, uscivamo, e la natura intorno diveniva “teatro” delle nostre lezioni o campo per giochi spensierati. Durante alcune di queste sortite ci recammo a far visita alle famiglie degli alunni.

                    E fu in una di tali occasioni che venni a sapere la non facile vicenda di Domenico, un vero e proprio dramma, i cui segni il ragazzo portava in sé in maniera oltremodo evidente, condizionando non poco il suo comportamento ed il suo rendimento.

                    Il ragazzo era stato il frutto di un amore nascosto e fugace. Il padre non fu mai conosciuto e la madre, qualche anno dopo la nascita del bimbo, era morta, in un momento di grave sindrome depressiva, in circostanze misteriose. Domenico fu allevato dai nonni in una casa, dove, per sopravvivere, era indispensabile lavorare senza soste per strappare il minimo vitale ad una terra che non sempre mostrava il suo volto magnanimo.
 

———————————————————————

 

In un clima di sereno lavoro, il tempo volò e la supplenza finì. Con rammarico e con un pizzico di commozione mi distaccai dalla scolaresca, salutando ad uno ad uno i bambini.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Mentre mi allontanavo, essi, raggruppati dinanzi alla scuola, mi accompagnavano con lo sguardo gi√Ļ lungo il viottolo che ruzzolava, quasi precipitando.

                    Di tanto in tanto mi voltavo ed allora, tutte ad un tempo, si levavano frenetiche le mani a manifestare col loro agitarsi un addio sentito, finché non mi persi dietro una gobba del monte, inghiottito dal respiro freddo del bosco.

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Lasciavo un po’ di me lass√Ļ in quella minuscola scuola bianca, e nel camminare frettoloso meditavo sull’esperienza vissuta che sicuramente mi aveva maturato.

                    Immerso completamente nei miei pensieri, non mi ero accorto che alle mie spalle si era avvicinato qualcuno. Mi sentii chiamare, e la voce echeggiò nel silenzio che dominava intorno. Mi volsi sorpreso e scorsi a pochi passi di distanza la figura massiccia di Domenico. Egli mi guardava, immobile, con i suoi occhi tristi di cane abbandonato.

“Che cosa fai, Domenico?” gli chiesi.

Il ragazzo, continuando a fissarmi, si sforzava di parlare senza tuttavia riuscire ad articolar parola. E quando vi riuscì, quasi gridò:

“Maestro, vo’ sete bravo!”. E si allontan√≤ correndo su per il viottolo, dileguandosi in un attimo.

Sentii gli occhi velarsi di lacrime e per un po’ non fui capace di staccare lo sguardo dalla curva dietro la quale era scomparso.

Ripresi il cammino, quando dal cielo velato di grigio uniforme cominciava a scendere, volteggiando stanco, qualche raro e largo fiocco di neve, che ci preparava a vivere in modo ancor pi√Ļ suggestivo le imminenti Feste Natalizie.
 

—————————————————————

 

                    Da quel giorno quante volte, nella mia vita di insegnante, di fronte alle tante difficoltà che spesso dovevo affrontare, mi sono affiorate alla mente quelle semplici ma incisive parole del ragazzo! Quante volte esse mi hanno incoraggiato, sostenuto, spronato, dandomi sempre rinnovata fiducia e forza costante!  

Per questo, ovunque tu ti trovi, sii benedetto, caro indimenticabile Domenico!

                                                                             


Letto 2007 volte.
ÔĽŅ

9 Comments

  1. Commento by Carlo Capone — 13 Novembre 2009 @ 10:03

    Di quelle foglie ¬† sotto le suole senti il crepitare, quel freddo di primo mattino ti d√† vigoria, e la neve incipiente riempe l’aria del suo ¬† tipico odore. Sembra di starci ¬†su quel sentiero sterrato tra i monti, altres√¨ austeri, ma la visione delle Apuane innevate insegna al cuore che tutto √® pace. Questo autunno, descritto magistralmente da Gian Gabriele, non sembra un autunno cadente, piuttosto √® speranza di vita per noi e il giovane maestro, cui la natura appare severa ma √® comunque dipinta coi colori pastello.
    Ma √® l’incontro con Domenico ¬†a ¬†restare fisso nella mente. L’Autore ha vissuto cos√¨ intensamente la sua prima avventura di insegnante da lasciarne, anche a distanza di anni, un ritratto inciso, solare, al ¬† sapore croccante delle cose ¬† ormai antiche.
    Domenico, dovunque ti trovi e chiunque tu sia, io, Carlo Capone, ti voglio bene.

    Bravo, Gian Gabriele, davvero bravo.

  2. Pingback by Bartolomeo Di Monaco ¬Ľ LETTERATURA: La prima supplenza — 13 Novembre 2009 @ 11:36

    […] Fonte: ¬† Bartolomeo Di Monaco ¬Ľ LETTERATURA: La prima supplenza […]

  3. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 13 Novembre 2009 @ 16:10

    Grazie davvero, Carlo, delle tue parole toccanti che sottolineano le emozioni che io ho veramente vissuto in quel tempo e in quella situazione. Hai ragione, pienamente ragione, quando tu dici che quel ricordo √® e rimarr√† in me indelebile per mille motivi. Ogni qualvolta rivedo nella mente l’immagine del ragazzo e della piccola scuola bianca, mi sento vincere da sincera commozione.

    Certi momenti vissuti ti offrono e ti aprono opportunit√†, prospettive di vita ¬†e di comportamento capaci di cambiarti, eccome! E in questo caso, credo di essere cambiato, come insegnante, ovviamente, ed anche come uomo, in meglio, grazie a quella scolaresca e soprattutto a quell’indimenticabile ragazzo.

    Ti abbraccio, Carlo

    Gian Gabriele

  4. Commento by Felice Muolo — 13 Novembre 2009 @ 17:16

    Gian Gabriele, strappi le lacrime e fai sanguinare il cuore.  

  5. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 13 Novembre 2009 @ 17:32

    Sappi, Felice, che, ogni volta in cui rileggo questo racconto, pure io arrivo a commuovermi, ripensando a a quel tempo, a quella scuola sperduta tra i boschi e soprattutto a Domenico.

    Grazie anche a te della tua fortemente sentita partecipazione

    Un affettuoso saluto

    Gian Gabriele

  6. Commento by claudio grosset — 14 Novembre 2009 @ 12:02

    Leggere questo racconto √® come√Ę‚ā¨¬¶ dissetarsi ad una fonte d’acqua fresca, la prosa √® limpida, chiara, esaustiva dei luoghi, la natura, sensazioni e sentimenti descritti. L’umilt√†, il rispetto reciproco ‚Äėdei’ protagonisti, maestro, scolari e Domenico, la dignit√† nell’affrontare un’esistenza in una natura al tempo ‚Äėostile’ richiama a valori Alti. Una ‚Äėvera’ commozione, leggo, ha pervaso tutti, anche il sottoscritto! Sono certo che se e quando camminer√≤ solitario per un sentiero di montagna, ripenser√≤ a queste parole, a questo racconto. Grazie!

  7. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 14 Novembre 2009 @ 16:07

    Simili commenti, come il tuo, Claudio, arrivano ampiamente a gratificare. E persino giungono a commuovermi. Sono felice di essere stato abbastanza capace di trasmettere quelle emozioni che io ho vissuto personalmente, emozioni che ancora mi coinvolgono e mi commuovono. Forse ora ancor pi√Ļ, perch√© tu sai che quando si avanza negli anni diveniamo pi√Ļ… teneri e vulnerabili nei sentimenti.

    Grazie di vero cuore anche a te Claudio, sempre bravo e puntuale a “scavare” a fondo dentro ogni racconto, dentro ogni storia

    Gian Gabriele

  8. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 14 Novembre 2009 @ 22:09

    Altri tempi, Gian Gabriele: di povert√† ma anche di bellezza morale e spirituale. Hai saputo ricreare le atmosfere di quegli anni del dopo guerra in una piccola scuola di montagna. ¬† Ti ho visto salire e poi discendere il faticoso sentiero, e ho visto cadere quei primi fiocchi di neve, che annunciavano l’inverno e il Natale.
    Domenico mi ha ricordato il Garrone di “Cuore”.

  9. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 14 Novembre 2009 @ 22:58

    Altri tempi davvero, Bartolomeo, quasi situazioni pionieristiche, ma vibravano valori ed entusiasmi, che, forse, oggi vediamo affievoliti. Indietro non si torna, √® vero, non si deve tornare, ma un po’ di nostalgia strugge in petto. Segno di vecchiaia? Ma io penso proprio di no.

    Grazie davvero, Bartolomeo! Tu non sai quanto sia gradito il tuo intervento, che si unisce alle graditissime considerazioni espresse da Carlo, Felice e Claudio.

    Ti abbraccio con affetto fraterno ed ancora esprimo il mio pi√Ļ sentito ringraziamento per la creazione di questa eccezionale rivista e per lo spazio sempre generosamente concessoci

    Gian Gabriele

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart