Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Luca Dachille, Amo la vita, Essedi 2009

8 Agosto 2010

di  Marisa Cecchetti

Un circuito di amore mancato il tema fondamentale del romanzo di Luca Dachille, “Amo la vita”. Una storia che si ambienta a Montecarlo e si estende alla Garfagnana, protagonista un padre, Carlo, che compare attraverso una lunga lettera finita nelle mani di sua figlia, dopo che lui è morto suicida, secondo l’opinione comune, e il caso è stato archiviato.  Figlio non amato, trattato peggio di una cenerentola, umiliato ed emarginato, costretto alla più servile sottomissione per essere accettato, uscendo col matrimonio dalla propria famiglia è caduto in una seconda trappola di disamore e di disinteresse. E’ riuscito a sopravvivere grazie a pochi momenti che gli hanno fatto conoscere la bellezza di relazioni umane corrette e grazie alla fiducia meritata nel mondo del lavoro. Compaiono figure estreme in questa storia, inverosimili nella loro decadenza morale che cancella anche i sentimenti materni, e senza possibilità alcuna di riscatto. In parallelo e in contrasto, figure positive, giovani di buoni sentimenti che si improvvisano detective, fanno riaprire il caso del presunto suicidio e affidano i responsabili alla giustizia. Vittoria dunque del bene sul male. Ma anche romanzo che esalta la bellezza   di Montecarlo, la sua storia e la bontà dei suoi vini.

Luca Dachille, Amo la vita, Essedi 2009


Letto 1592 volte.


1 commento

  1. Pingback by Bartolomeo Di Monaco » LETTERATURA: Luca Dachille, Amo la vita … — 9 Agosto 2010 @ 13:24

    […] Approfondimento fonte:   Bartolomeo Di Monaco » LETTERATURA: Luca Dachille, Amo la vita … […]

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart