Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Nathalie – Terza parte

21 Dicembre 2013

di Felice Muolo

Di passaggio in passaggio arrivai al confine con la Francia, l’oltrepassai e proseguii verso Parigi, intenzionato a visitarla. Quando giunsi nei paraggi, cambiai programma e continuai a fare l’autostop con l’idea di raggiungere Brest e fare una sorpresa a Fabienne.
La sera, a metà strada, mi colse alle porte di un paesino, stanco morto e senza aver mangiato nulla durante la giornata. Trovai la stazione ferroviaria e mi sdraiai su una panchina di legno in sala d’aspetto. Scivolavo nel sonno allorché un ferroviere m’invitò a sloggiare, chiudeva la sala d’aspetto a chiave. Gli chiesi di chiudermi dentro, acconsentì e spense la luce. Dormii come un sasso nonostante la durezza del giaciglio e i rumorini del mio stomaco vuoto.
Allo spuntare del giorno ripresi con l’autostop. Salii a bordo di un TIR lento come una lumaca. L’autista era un giovane contento e ciarliero. Aveva la cabina zeppa di giornalini di Asterix.
“Hai saputo della recente contestazione giovanile che c’è stata a Parigi?” mi chiese.
“Qualcosa.”
“Cosa ne pensi?”
“Niente.”
“Chi ha la fortuna di vivere a Parigi non dovrebbe contestare.”
“Perché lo fa?”
“Per la storia. Ci sei mai stato?”
“A Parigi?”
“Nella storia.”
“Mai messo piede.”
“Siamo fratelli.”
A mezzogiorno il camionista bloccò il TIR nel posteggio di una trattoria, si fregò le mani e annunciò che finalmente si mangiava. A chi lo dici dissi.
Arrivai a Brest nel pomeriggio presto, dopo aver chiesto e ottenuto altri passaggi.
Fabienne abitava in una casetta sull’oceano che, in autobus, raggiunsi. In compagnia di due amiche, stava davanti. Appena mi vide, disse.
“Sei ammattito?”


Letto 1242 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart