Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: “Pirrone ovvero le dissonanze” di Sandro Bajini, Philobiblon edizioni

22 Agosto 2009

di Francesco Improta                                                        

Con questa silloge di raccontini, dialoghi, meditazioni e dizionarietti in libera uscita, pubblicata da Philobiblon, Sandro Bajini, ormai ottuagenario, dimostra ancora una volta talento, lucidit√†, capacit√† di giocare con le idee e le parole e feroce ironia non disgiunta da una buona dose di autoironia, di quella saggezza superiore che gli consente di fare i conti innanzitutto con se stesso. Profondo cono ¬≠scitore del teatro del Novecento, con una certa predilezione per Ionesco e Beckett, che insieme a Swift sono i suoi veri maestri, ed egli stesso commediografo di chiara fama, Sandro Bajini da sem ¬≠pre conduce le sue battaglie contro la banalit√† e il conformismo dilaganti, gettando uno sguardo a ci√≤ che c’√® al di l√† della realt√†, forte delle sue conoscenze psicoanalitiche che lo portano ad appro ¬≠dare alle rive del Surrealismo in tutte le sue forme, da quello ante-litteram di Ariosto a quello codificato di Breton, Artaud e Bu√≠¬Īuel, a quello, infine, pi√Ļ recente ma non meno fascinoso di Fellini. Alcuni dialoghi hanno la leggerezza, il tono stralunato e quel pizzico di malinconia che √® proprio degli sketch dei clown, penso ai dialoghi lungo il torrente tra Bianco e Augusto, incentrati sulle opinioni, sulle parole, sull’essere e l’apparire che si concludono pur sempre con la consapevo ¬≠lezza di non poter giungere a delle certezze, con la sospensione, cio√®, del giudizio, tipico di quella corrente filosofica, lo scetticismo, di cui Pirrone fu fondatore e caposcuola. All’interno del volu ¬≠metto ci sono, sotto forma di aforismi, alcune considerazioni sulla povert√† che disvelano i mecca ¬≠nismi e gli escamotage con cui questa societ√† basata sul benessere capovolge la realt√† facendo appa ¬≠rire i poveri dalla parte del torto perch√© non sono riusciti ad arricchirsi e perch√© non hanno il buon gusto e la decenza di nascondere la loro povert√†; si legge testualmente: ‚ÄúLa miseria non vissuta nel privato ma ostentata ed esuberante √® ragione di scandalo√Ę‚ā¨¬¶ offende la vista, per non parlare degli altri sensi, ed √® ragione di disgusto.‚ÄĚ Dopo l’amarezza di queste considerazioni, in cui si nota un garbato tono swiftiano, le ultime due sezioni Il libro dei Re e Proverbi, giocate su calembours, sciarade e funambolismi verbali, sono almeno in apparenza semplici divertissements in grado di far tornare il sorriso nei lettori ma in realt√† testimoniano l’irrazionale che domina nella nostra societ√† e la volont√† dell’autore di mettere in crisi tutte le certezze, anche quelle lessicali.


Letto 2246 volte.
ÔĽŅ

2 Comments

  1. Commento by Carlo Capone — 22 Agosto 2009 @ 12:11

    Che bella recensione, e che Autore.Non lo conoscevo.

    Ossereverei inoltre che “questa societ√† basata sul benessere capovolge la realt√† facendo appa ¬≠rire i poveri dalla parte del torto perch√© non sono riusciti ad arricchirsi” e fa apparire gli ammalati di cancro e cuore dei colpevoli di tutti li peccata mortali perch√® non hanno praticato sufficente prevenzione.
    Eggi√†, quando non c’erano gli antibiotici se ti veniva la polmonite e crepavi era colpa tua, perch√® non t’eri messo la maglia di lana a Ferragosto.

  2. Commento by giorgio — 9 Settembre 2009 @ 19:36

    Apprezzo molto la recensione di quest’ opera di Bajini basata sul ‘disincanto’ della ragione ( che non significa ‘disimpegno’). Un piacevole ‘strumento di lavoro’ che ci invita a ‘pensare’ e a evitare ‘ubriacature’.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart