Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: PITTURA: Ricordo di una mostra di Cézanne

2 Agosto 2010

di Nicola Dal Falco

Davanti all’entrata laterale del Grand Palais, i visitatori arrivano a gruppetti, affrettando il passo.
Sembra una prima teatrale, la lunga meditata attesa di un concerto o il ricevimento per il ballo dell’Infante di Spagna. ¬†

Un’eccitazione salutare corre sotto pelle. La grotta della rivelazione ha una facciata neoclassica e appiccicato addosso l’ottimismo dell’Esposizione Universale, celebrata quasi un secolo fa. ¬†

Sullo scalone molti aspettano con il cappello in mano, nonostante il cielo grigio e un’aria gelida. Vorrebbero essere gi√† di fronte ai quadri di Paul C√©zanne, ai colori-colori alle forme-forme del maestro che volle trasformare ¬ęl’impressionismo in qualcosa di solido. ¬Ľ ¬†

I turisti e i parigini, duri come pu√≤ essere dura questa citt√† cosmopolita, non si sono fatti sfuggire l’occasione. ¬†

La mostra di un grande che con il suo impegno intransigente ha aperto la strada al cubismo, alla modernità, chiede la presenza di tutti contro le minacce di alcuni.  

L’ingresso alla mostra √® fissato per turni; mentre aspettiamo quello delle 12, le note pastose di un clarinetto, che ha scelto proprio il giardino oltre le transenne per esibirsi, svegliano un raggio di sole, sposando idealmente la struggente, meravigliosa verit√† della montagna Sainte-Victoire, dei cieli e pini di Provenza. ¬†

Prima di venire alla mostra ho riletto le lettere che Rainer Maria Rilke scrisse a sua moglie, parlando di Cézanne.
Il poeta tedesco si sentiva profondamente coinvolto dal pittore, l’emozione che riceveva gli pareva il frutto di un’affinit√† elettiva. ¬†

Ed √® bello pensare che in un rapporto epistolare cos√¨ speciale entri un terzo essere con la capacit√† di catalizzare le energie migliori, allargando il ventaglio dei sottintesi amorosi. Ecco cosa le dice, il 4 novembre mattina (1907) mentre viaggia sul treno Parigi-Breslavia: ¬ę…ancora un paesaggio d’un celeste aereo, mare celeste, tetti rossi che parlano tra loro sul verde, tutti presi dal loro intimo rapporto, pieni di cose da dirsi … ¬Ľ ¬†

Un’altra volta √® un’amica a precisare la pittura di C√©zanne, le novit√† dei tratti geometrici, dei colpi quadrati e rettangolari di spatola dove √® il colore a fare le cose. Rilke ne riporta le frasi in una lettera: ¬ę√® rimasto seduto l√† come un cane, soltanto a guardare senza nervosismi n√® altre intenzioni. ¬Ľ ¬†

In quel ‚Äúcane‚ÄĚ c’√® tutta la fedelt√† immaginabile, la fissit√† e lo stupore animale. Nessuna estetica, nessun tic o sottigliezza si frappone e offusca la diretta, atemporale visione delle cose: le cipolle, le mele, l’albero, il tetto, la roccia, la brocca, pesate e rese nella loro essenza. Sapendo che a C√©zanne occorrevano 100 sedute per realizzare una natura morta e almeno 150 per un ritratto, si pu√≤ immaginare con che determinazione affrontasse lo studio del soggetto. ¬†

I pochi amici e i modelli che l’hanno visto al lavoro sottolineano l’enorme concentrazione a cui si sottoponeva, la stretta spasmodica che ¬†all’improvviso liberava la molla creativa. ¬†

Allora scovato il motivo, il quadro nasceva tutto insieme, aggredito da ogni lato. I punti bianchi venivano affrontati successivamente, uno alla volta.  

Nell’incertezza, cercando il tocco giusto, C√©zanne preferiva rimandare al giorno dopo o addirittura non finiva il quadro. ¬†

Tale era il bisogno di equilibrio e di rigore. In questa ascetica ricerca di armonia, lo scarto sta tra la presunzione di chi giudica, mostrando la sua parziale verità e chi, invece, vuole soltanto dire.  
Ma per dire tutto occorre essere intransigenti verso se stessi e i propri mezzi.  

Le formidabili mele, spesso appoggiate su un piano inclinato, quasi che dovessero ruzzolare in bocca allo spettatore, dialogano con altre nature morte, che pi√Ļ morte non si pu√≤. ¬†
Una di queste accoglie entro la cornice una pila di crani.  

√ą un tema ricorrente anche nei disegni e negli acquarelli, reso senza nessuna concessione al pathos.
Sono ¬† orbite vuote, denti in bilico, fronti lisce e fredde, terribilmente familiari. In fondo, un’orologio che non sgarra un minuto √® molto pi√Ļ inquietante. ¬†

Con la stessa intima naturalezza, C√©zanne ha dipinto il corpo femminile, ispirandosi al mondo classico dove l’incontro con gli dei avveniva spesso accanto ad una sorgente, con un sottofondo d’acqua viva. ¬†

Tra le sue bagnanti corre un mistero, la luce batte sul dorso, i glutei e le cosce come su un tronco o una vena di marmo.  

La natura delle Grandes Baigneuses sconfina nel regno vegetale e minerale.
Sotto gli occhi si precisa una metamorfosi, un canto dove i corpi in primo piano e i tronchi che si toccano creano una volta gotica.


Letto 2036 volte.
ÔĽŅ

1 commento

  1. Pingback by Bartolomeo Di Monaco ¬Ľ LETTERATURA: PITTURA: Ricordo di una mostra … — 4 Agosto 2010 @ 23:27

    […] Fonte Articolo: Bartolomeo Di Monaco ¬Ľ LETTERATURA: PITTURA: Ricordo di una mostra √Ę‚ā¨¬¶ […]

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart