Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Salvatore Niffoi: ” Pantumas” – Feltrinelli

4 Marzo 2013

di Marisa Cecchetti
(dal “Corriere Nazionale”)

√ą tornato dall’aldil√† con quattro ‚Äúbobine di pellicola arrotolata‚ÄĚ, mannoi Lisandru Niala, apparso come un fantasma nella notte dei Morti del ’64, davanti agli oc ¬≠chi della moglie in preghiera. Pantumas di Salvatore Niffoi (Feltrinelli), proietta pezzi di vi ¬≠ta segreti, ritagli del passato di nonno Lisandru davanti alla mo ¬≠glie, ai figli, ai nipoti. Lui ha avu ¬≠to la mala sorte di morire da so ¬≠lo, in un paese, Chentupedes, do ¬≠ve da sempre marito e moglie muoiono insieme, per farsi co ¬≠raggio davanti al Padreterno. Mentre le immagini scorrono, proiettate sulla parete di casa, Lisandru ringiovanisce. Le pellico ¬≠le svelano un mondo dove gli istinti prevalgono sulla ragione, le offese non si dimenticano, la realizzazione della vendetta √® sentita come un obbligo. Non importa se ci sono di mezzo i bambini. Divenute pubbliche le sue responsabilit√†, gli errori, le colpe, mannoi Lisandru si tra ¬≠sforma fino a tornare neonato, leggero come l’aria, puro e inno ¬≠cente. Allora mannai Rosaria Lutzeri se lo pu√≤ prendere in brac ¬≠cio, il marito, ed andare, questa volta insieme, verso il fiume Ghilinzone. Niffoi racconta una sto ¬≠ria carica di magia, mistero e ri ¬≠tualit√† ancestrali, dove fede e pa ¬≠ganesimo si intrecciano, che si perde nella notte dei tempi. Lo fa con un linguaggio visivo: ¬ęl’ac ¬≠qua chiara del giorno stava per mischiarsi con l’inchiostro della notte ¬Ľ, ma ci sono anche cieli che sembrano ¬ęun’infornata di stelle ¬Ľ. O ferma l’immagine cos√¨: ¬ęli osservai perdersi nel giallo im ¬≠mobile delle messi, qua e l√† mo ¬≠saicato da scure serpi di basalto e file di papaveri rossi ¬Ľ. L’avvicina ¬≠mento del dialetto sardo alla lin ¬≠gua italiana, se da un lato acuisce il mistero, dall’altro crea una mu ¬≠sicalit√† straordinaria


Letto 1299 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart