Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: STORIA: I MAESTRI: L’imperatore filosofo #2/10

3 Ottobre 2008

di Panfilo Gentile
[dal “Corriere della Sera”, mercoled√¨ 16 aprile 1969] ¬†

Carlo Carena ci ha dato una nuova eccellente tradu ¬≠zione dei Ricordi di Marco Aurelio (editore Einaudi). Nel segnalarla credo che debba essere fatta una sola racco ¬≠mandazione: il lettore non giudichi questo libro come un’opera di filosofia, anche se essa figura come tale nei ma ¬≠nuali scolastici e se ha val ¬≠so al suo autore la ben nota qualifica di ¬ęimperatore f√¨losofo. ¬Ľ
I Ricordi sono dei semplici appunti presi alla svelta nei ritagli di tempo. A rigore, non si tratta nemmeno di un dia ¬≠rio redatto con continuit√†. E alla origine frammentaria della redazione si aggiunge un’incertezza di pensiero, che met ¬≠te costantemente un frammen ¬≠to in contradizione con l’altro. Ernesto Renan, che pure si avvicin√≤ ai Ricordi ed al personaggio con accomodante comprensione, non potette fare a meno di concludere: ¬ę In fondo Marco Aurelio non ha alcuna filosofia. Egli non risolve nessun problema ¬Ľ. An ¬≠che sui temi che pi√Ļ lo appassionarono fu pieno di in ¬≠coerenze volubili. In teologia oscill√≤ fra il deismo puro, il politeismo interpretato in un senso fisico alla maniera stoica ed una specie di panteismo cosmico. Non ebbe alcuna idea ferma sull’anima e sull’immortalit√†. Rest√≤ sospeso fra la fede in un ordine cosmico ed umano provviden ¬≠ziale ed il dubbio sulla giu ¬≠stizia divina. Afferm√≤ che ¬ę gli Dei sovranamente giusti e buo ¬≠ni non avevano lasciato nel ¬≠l’ordine del mondo niente che fosse contrario alla ragione e alla giustizia ¬Ľ, ma non escluse l’ipotesi ¬†opposta ¬†che ¬†gli Dei non si occupavano affatto delle ¬† cose ¬† umane ¬† e ¬† che ¬† il mondo, ¬†abbandonato ¬†dagli Dei, ¬†era ¬†senza provvidenza.
Sarebbe ingiusto attribuire tale scarsa robustezza di pen ¬≠siero a una sua mediocrit√† di ingegno. La sua filosofia √® al livello della cultura dell’epoca. Fra Seneca e Marco Aurelio non √® passato un se ¬≠colo, ma, nello spazio di due o tre generazioni, quale crollo! L’Oriente neo-platonico, gnostico, mistagogico ha de ¬≠vastato l’eredit√† della Grecia, ha corrotto il pensiero, ha abbassato la filosofia fino alla teurgia e alla magia ed arriver√† a tributare onori divini a un miserabile ciarlatano come Apollonio di Tiana, vissuto sotto Traiano e divinizzato sotto Alessandro Severo.
Da questa decaduta cultura Marco Aurelio prese il meglio di ciò che essa offriva, ma la confusione delle idee è testi ­moniata dai maestri che gli furono dati da Antonino. Apollonio di Calcedonia, Se ­sto di Cheronea, Alessandro di Seleucia, Cinna Catulo, Claudio Severo, Frontone, per parlare solo dei maestri filo ­sofi, rappresentavano a modo loro tutte le scuole allora in auge e si intitolavano abusivamente a tradizioni oramai pervertite, neo-platonici, stoici, peripatetici. Dovettero infarcire il loro augusto allievo di una vera babele fìlosofìca.
 

*

E se i Ricordi non sono un libro di filosofia, che cosa so ¬≠no? Sono, risponde benissimo Carlo Carena, un libro di edi ¬≠ficazione. Malgrado tutto, so ¬≠no un documento di un’altis ¬≠sima vocazione morale. Quali che ¬† ¬† fossero ¬† ¬† le ¬† ¬† sue ¬† ¬† esitanti dottrine filosofiche, di una so ¬≠la ¬† ¬† cosa ¬† Marco ¬† ¬† Aurelio ¬† non dubit√≤ ¬† mai ¬† ¬† e ¬† cio√® ¬† della ¬† sua volont√† di essere ad ogni co ¬≠sto e in qualsiasi circostanza un uomo ¬† ¬† giusto. ¬† ¬† Egli ¬† ¬† mise davanti a s√© un certo model ¬≠lo di perfezione morale e si sforz√≤ ¬† ¬† di ¬† ¬† uniformarcisi ¬† ¬† con assoluta fedelt√†. Spinse questa programmazione virtuosa fino alla pedanteria, associando ¬† ai massimi ¬† doveri i pi√Ļ minuscoli ¬† ¬† precetti, ¬† come ¬† ¬† ad esempio l’orario del bagno, la sobriet√† dei cibi o la modestia dell’abbigliamento.
E bisogna aggiungere che l’ideale preso a modello non fu quello abituale dei mora ¬≠listi classici: temperanza, for ¬≠za, controllo di s√©, dominio delle passioni, dignit√† e via dicendo. Onor√≤ tutte queste virt√Ļ ma sopra tutte mise una benevolenza umana illimitata. ¬ę Tutta la sua vita – scrive Renan – fu uno studio di ren ¬≠dere bene al male ¬Ľ. E non guast√≤ in questa nobile e rara vocazione una sfumatura di rassegnazione malinconica. La societ√† del suo tempo non do ¬≠veva lasciargli molte illusioni sull’avvenire dei suoi ideali morali. E non doveva andare lontano dal trono per convin ¬≠cersi che difficilmente avrebbe trovato discepoli ed imitatori. Lucio Vero da lui associato all’impero fu un uomo frivo ¬≠lo e sciocco e Marco Aurelio dovette compiere prodigi di bont√† e di delicatezza per impedirgli di compiere follie disastrose. La moglie Faustina ebbe una triste fama e l’elogio che egli ne fece sempre non fu che una pia menzogna. E un martirio pi√Ļ duro gli fu dato dal figlio Commodo e col martirio forse anche il ri ¬≠morso di non avere avuto il coraggio di diseredarlo. Gli manc√≤ infine la consolazione cristiana della patria celeste.
La sua benevolenza umana rasentò la carità cristiana ma senza la ricompensa della speranza.

*

Questo pio imperatore, co ¬≠s√¨ vicino al cristianesimo figura per un’ironia della storia tra i persecutori dei cristia ¬≠ni. Effettivamente sotto il suo principato la cristianit√† ebbe molte afflizioni. Per la prima volta le persecuzioni dall’Oriente si estesero all’Occidente e restarono tristemente famosi i processi di Lione, nei quali le folle inferocite ottennero dai magistrati imperiali numerose condanne capitali contro persone che non ave ¬≠vano altra colpa che quella di professarsi cristiane. Ma si deve escludere che il potere centrale sia intervenuto nei fatti deplorati con proprie iniziative legislative o politiche. La moderna storiograf√¨a ha assodato che prima di Decio non fu promulgata nessuna legge che condannasse il cristianesimo e nessun imperatore prese l’iniziativa di promuovere per altro titolo procedure contro i cristiani. Vero √® invece che i cristiani pote ¬≠vano essere incriminati per lesa maest√†, quando rifiutavano di sacrificare al genio dell’imperatore, oppure pel sacrilegio, quando in certe circostanze rifiutavano di onora ¬≠re numi particolarmente cari alla devozione popolare, op ¬≠pure per l’appartenenza a una ¬ę religio nova et peregrina ¬Ľ non registrata cio√® fra i culti pubblicamente autorizzati, o infine in base al ¬ę jus coercitionis ¬Ľ: un potere di polizia confidato ai funzionari imperiali in caso di turbativa dell’ordine pubblico. L’applicazione di queste leggi era pi√Ļ o meno rigorosa ed era gene ¬≠ralmente affidata alla discre ¬≠zione dei magistrati locali, i quali alla loro volta si rego ¬≠lavano secondo gli umori popolari. Per tutto il secondo secolo questi umori furono largamente ostili ai cristiani non meno che agli ebrei.
Per quanto riguarda Marco Aurelio non risulta nemmeno che a lui sia accaduto quel che era accaduto a Traiano, quando Plinio, legato in Bitinia, lo aveva interpellato sul modo di comportarsi dinanzi alle denunzie che piovevano nella sua provincia contro i cristiani. Marco Aurelio dovette ignorare l’esistenza di una questione cristiana e si pu√≤ escludere che le apologie a lui dirette da autorevoli scrittori ecclesiastici potessero bastare a modificare la prassi oramai adottata uniformemen ¬≠te dopo Traiano, di applicare cio√® le leggi comuni, se i cri ¬≠stiani erano colpevoli di qualche reato, di osservare proce ¬≠dure regolari (nemo damnetur nisi per legale judicium, come aveva insegnato Seneca) e di colpire i calunniatori, quando le accuse fossero ri ¬≠sultate false. E del resto non sono da scartare nemmeno ipotesi verosimili e cio√® che le apologie non sieno mai ar ¬≠rivate alla cancelleria impe ¬≠riale, o, se arrivate, non sieno mai state portate a conoscen ¬≠za dell’imperatore. Ci√≤, per ¬≠ch√© se Marco Aurelio fosse stato investito della questione, √® indubbio che non sarebbero mancati provvedimenti in un senso o nell’altro, data la scru ¬≠polosa diligenza con cui adem ¬≠piva a tutti i suoi pubblici doveri.
Tertulliano, il quale scrive ¬≠va qualche decennio dalla morte dell’imperatore, arriv√≤ a chiamarlo addirittura ¬ę protector christianorum ¬Ľ ma era d’uso nella letteratura eccle ¬≠siastica di spacciare per amici dei cristiani gli imperatori che avevano lasciato buona fama e per persecutori gli impera ¬≠tori che erano ricordati come mostri, parallelismo che fu smentito clamorosamente dal figlio Commodo che fu un mostro ma amico dei cristiani.
¬ę Sotto il principato di Commodo – scrive Eusebio – regn√≤ la pace in tutta la Chiesa e cominciarono numerose con ¬≠versioni fra i ricchi ed i patri ¬≠zi ¬Ľ. Quindi n√© persecutore, n√© protettore, e rassomiglianza ma non corrispondenza della sua anima rispetto allo spirito cristiano. La sua benevolenza umana non ha l’entusiasmo della carit√† cristiana. Malgra ¬≠do tutte le vicinanze la voce di Marco Aurelio ha l’accento stanco di un mondo sene ¬≠scente.


Letto 2048 volte.
ÔĽŅ

2 Comments

  1. Pingback by Fontan Blog » LETTERATURA: STORIA: I MAESTRI: L'imperatore filosofo #2/10 - Il blog degli studenti. — 3 Ottobre 2008 @ 07:31

    […] Read more Posted by | […]

  2. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 3 Ottobre 2008 @ 22:47

    I ‚ÄúRicordi‚ÄĚ di Marco Aurelio sono, come √® stato sottolineato nell’articolo, una specie di diario vero e proprio. E come in un diario si annotano giorno per giorno o saltuariamente i fatti salienti, le nostre sensazioni, le nostre riflessioni, cos√¨ √® avvenuto in questa specie di diario filosofico aureliano. Ebbene Marco Aurelio era solito annotare i diversi pensieri derivanti da pi√Ļ pensatori. Forse era un modo per ricordare a se stesso le varie posizioni, le varie tendenze, le pi√Ļ disparate tematiche speculative. O forse non ha avuto le capacit√† necessarie per tradurre in un pensiero logico, organico e compiuto il suo bagaglio culturale. Ma io sottolineerei un’altra possibilit√†. Non ci ha dato una vera ‚Äúlinea‚ÄĚ di pensiero, un vero indirizzo filosofico suo personale, proprio perch√© combattuto, a mio avviso, fra le varie idee e le varie teorie ricavate dai grandi filosofi e, pertanto, incerto nel prendere un posizione precisa e ben definita.
    Se, tuttavia, vogliamo qualificare questo imperatore come filosofo, facendo pure uno sforzo, possiamo collocarlo tra gli Stoici, che ripartivano la filosofia in tre rami: logica, fisica ed etica
    Gian Gabriele Benedetti

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart