Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Marcello Pera – Maurizio Belpietro – Piero Ostellino sulla situazione politica

23 Novembre 2011

Siamo stati annessi alla Germania. E ce lo meritiamo
di Marcello Pera
ex presidente del Senato
(da Libero, 23 novembre 2011)

Signor Direttore, la sostanza politica di ci√≤ che √® accaduto col Governo Monti ha un no ¬≠me tecnico ben conosciuto da ¬≠gli storici: nella lingua in cui questa operazione √® stata con ¬≠gegnata, si chiama Anschluss. L’Italia √® stata ancora una volta forzosamente annessa alla pe ¬≠riferia del Reich. √ą vero che c’√® stata anche un’operazione simil-napoleonica da campagna d’Italia, ma essa √® stata solo aggiuntiva e preventiva. A Pa ¬≠rigi hanno detto: ¬ęSignori del Reich, noi possiamo solo spin ¬≠gere il bottone come abbiamo fatto con la guerra in Libia, ma voi andate avanti. E quando toccher√† a noi, ricordatevi dell’aiuto che ora vi diamo e non fateci troppo male ¬Ľ.

√ą a causa di questa portata storica dell’evento che, mentre il Presidente del consiglio co ¬≠mincia i primi negoziati europei, merita riflettere sull’operazione Anschluss. In ¬≠tanto, come si ricorder√†, essa non √® nuova. Gi√† qualche an ¬≠no fa un governo italiano, anch’esso composto di professori e banchieri, ne fece una detta ¬≠ta dal medesimo Reich. Allora i Francesi dissero ai Tedeschi: ¬ęVoi volete l’unificazione della vostra nazione, ma noi abbia ¬≠mo paura e allora vogliamo in ¬≠gabbiarvi in una moneta uni ¬≠ca, l’Euro ¬Ľ. Quelli risposero: ¬ęS√¨, accettiamo, ma alla condi ¬≠zione che l’Euro sia in realt√† il Marco e che tutti siano vinco ¬≠lati alla nostra moneta, ai no ¬≠stri parametri, alla nostra Ban ¬≠ca Nazionale ¬Ľ. Fu cos√¨ che fummo annessi: un Euro un Marco, un Marco duemila lire. Non importa se con duemila lire si consumava un pasto e con un euro si dava una man ¬≠cia. Anzi, siccome l’Euro-Marco era famelico, dovemmo persino pagare la ‚Äútassa per l’Europa‚ÄĚ. I professori e ban ¬≠chieri del Governo di allora ci spiegarono che era per il bene nostro, che cos√¨ non avremmo avuto pi√Ļ guerre in Europa, che mai non saremmo finiti come l’Argentina. Diventarono popolari e ci guadagnarono persino dei premi.

UN PAESE SVENDUTO

Questo per dire anche che neppure allora l’operazione Anschluss sarebbe andata in porto se, come oggi, non aves ¬≠se trovato la classe politica ita ¬≠liana accondiscendente e re ¬≠missiva, anzi, se l’Italia (di de ¬≠stra, centro e sinistra) non fos ¬≠se stata addirittura felice di svendere la sovranit√† popola ¬≠re, la costituzione, la democra ¬≠zia, il parlamento. Operazioni del genere richiedono quinte colonne, alle quali il Reich do ¬≠manda di far passare un’impo ¬≠sizione come una libera scelta, una sospensione delle prero ¬≠gative democratiche come un atto di coraggio a vantaggio del ‚Äúbene supremo del Paese‚ÄĚ. Anche stavolta le quinte co ¬≠lonne ci sono state, sono state abili, tempestive, e spregiudi ¬≠cate con la carta costituziona ¬≠le. Avranno anch’esse i premi che furono dati alle colonne precedenti, in loro onore si eri ¬≠geranno altari e si celebreran ¬≠no riti. La letteratura encomia ¬≠stico cortigiana dei commen ¬≠tatori politici, non so se ignara o solo leggera, lo sta gi√† facen ¬≠do.

Siccome l’operazione An ¬≠schluss ha un precedente, non si deve pensare che sia esatta ¬≠mente come il precedente. Stavolta √® peggio. Basta con ¬≠frontarla con operazioni simili che gli uomini del Reich han ¬≠no condotto di recente con al ¬≠tri paesi europei per capire che questa volta si √® fatto un passo in pi√Ļ. Gli uomini del Reich si sono affacciati al Brennero e hanno detto: ¬ęVia tutti! ¬Ľ. Non hanno detto: ¬ęVia questo go ¬≠verno ¬Ľ, come in Portogallo, in Grecia e altrove. Hanno detto: ¬ęVia qualunque governo poli ¬≠tico, via qualunque classe po ¬≠litica, via qualunque partito politico. Vogliamo solo nostri emissari ¬Ľ. Questo, si converr√†, √® molto amaro. I Greci e tutti gli altri hanno arato l’onore delle armi: eliminato un presi ¬≠dente del consiglio, a loro √® stato concesso il diritto di sce ¬≠glierne un altro. Agli Italiani, no. Siccome gli uomini del Reich conoscono la nostra sto ¬≠ria e sanno bene quanto poco o nulla da noi siano conside ¬≠rate la sovranit√† e dignit√† na ¬≠zionale, hanno avuto buon gioco nel dire: ¬ęVia tutti i po ¬≠litici italiani, solo tecnici ¬Ľ. Ela Sventurataha alzato la sbarra al Brennero senza muovere ci ¬≠glio.

Si dir√†: la Sventurata non poteva fare diversamente. E io sono d’accordo: non avevamo scelta, neanche stavolta pote ¬≠vamo fare diversamente. Per ¬≠ch√© Berlusconi aveva fallito la sua missione storica, non era pi√Ļ credibile, la sua immagine era diventata imbarazzante. E, sull’altro lato, perch√© nessuna forza di opposizione a Berlu ¬≠sconi era, ed √® stata, in grado di sostituirlo. Per limitarsi an ¬≠cora a Berlusconi, non si pu√≤ minacciare una rivoluzione a parole senza che ti piombi ad ¬≠dosso una contro-rivoluzione di fatto. Non si pu√≤ mettere in piedi un governo da poco e far credere che sia autorevole. Non si pu√≤ sfidare il ridicolo senza sapere che anche di ri ¬≠dicolo si muore. Perci√≤, √® inu ¬≠tile gridare ora alla democrazia tradita o invocarela Resisten ¬≠za. √ą vero, la nostra democra ¬≠zia √® stata venduta e tradita, ma bisognava pensarci prima. Gli Inglesi, che da secoli sanno che cos’√® una nazione, hanno in questi giorni strillato per contro nostro. Noi neanche una parola, non dico di prote ¬≠sta ma neppure di preoccupa ¬≠zione.

CE LA FAR√≠‚ā¨?

Quanto al professor Monti, egli ora si presenter√† agli uo ¬≠mini del Reich e imiter√† una frase storica: ¬ęSo che tutto, compresa la vostra cortesia, √® a favore di me; dunque, mettia ¬≠moci d’accordo sulle clausole di annessione ¬Ľ. E, all’inizio, spread o non spread, ci riusci ¬≠r√†, perch√© l’uomo √® compe ¬≠tente, ha esperienza, √® stima ¬≠bile, e soprattutto ha licenza di cedere. Io personalmente lo stimo, ma mi perdoner√† se ri ¬≠cordo a lui e ai suoi, anch’essi stimabili, colleghi (non tutti, ch√© c’√® anche una presenza fuori posto), che la loro qualit√† non √® diversa da quella dei moltissimi uomini, professori e non, di centrodestra ai quali Berlusconi aveva promesso un sogno per poi lasciarli a bocca asciutta. Colpa nostra, ora toc ¬≠ca al Professore. Altro che stac ¬≠care la spina, c’√® da fare am ¬≠menda e ricominciare da ca ¬≠po.

Ce la far√† il Professore? Oltre alle molte che gi√† conosce, ora egli dovr√† imparare una disci ¬≠plina in pi√Ļ: la politica. Quan ¬≠do decider√† di riaprire le Ca ¬≠mere (erano gi√† chiuse da tan ¬≠to tempo, ma nessuno se ne accorgeva) scoprir√† che bestie sono il parlamento, i partiti, i gruppi, gli interessi, i negoziati, gli scambi, le pressioni, insom ¬≠ma quel bel lavoro sporco che si chiama democrazia. Pren ¬≠der√† le misure che erano gi√† state prese o erano in via di es ¬≠serlo. E vi aggiunger√† quelle che il precedente Governo non era riuscito a prendere, anche se gli Italiani, ove fossero stati trattati da adulti e non da guardoni, sarebbero stati d’ac ¬≠cordo. Di nuovo: ce la far√†? Siccome l’operazione √® in cor ¬≠so e ne va della nostra pelle, io posso solo augurarmelo, an ¬≠che se vivo l’Anschluss come un’umiliazione.

—-

Napolitano adotta i clandestini
di Maurizio Belpietro
(da Libero, 23 novembre 2011)

Dopo essere stato insediato in tutta fretta per sot ¬≠traile il Paese alla bancarotta, del governo dei sec ¬≠chioni si √® persa traccia. Il primo Consiglio dei mi ¬≠nistri si √® concluso con un fondamentale decreto attuativo di Roma Capitale, quindi il premiere partito per un giro nelle altre capitali. Nessuna notizia dai responsabili dei vari dicasteri, i quali, in ossequio al silenzio stampa imposto dal presidente del Consi ¬≠glio, hanno deciso di disertare i talk show, asserra ¬≠gliandosi negli uffici loro affidati. Zitti pure gli esponenti dell’ex maggioranza: dopo aver parlato e qual ¬≠che volta straparlato, oggi paiono colpiti da muti ¬≠smo. Una sindrome che non ha risparmiato neppure l’ex opposizione, i cui membri, forse per non di ¬≠sturbare il manovratore, paiono soggetti

a un’improvvisa afonia. Tra tante bocche cucite, a non aver perso la voglia di far sentire la propria voce √® il capo dello Stato, cio√® il vero comandante in capo dell’esecutivo appena nominato. Il presidente, infatti, anche ieri non ci ha fatto mancare la sua parola e, du ¬≠rante un incontro svoltosi sul Colle, ha dichiarato di augurarsi che in Parlamento si possa affrontare la que ¬≠stione della cittadinanza ai bambini nati in Italia da im ¬≠migrati stranieri. ¬ęNegarla √® un’autentica follia, un’as ¬≠surdit√† ¬Ľ, ha sentenziato Napolitano. Ora, si pu√≤ essere favorevoli o contrari alla tesi del capo dello Stato, ma su una cosa si pu√≤ convenire e cio√® che mai come oggi l’argomento pare escluso dall’ordine del giorno.

Come possono una Camera e un Senato commissa ¬≠riati, che solo la crisi ha costretto a dire s√¨ al governo tecnico, discutere di una riforma chiave come quella della cittadinanza? C’√® qualcuno che pu√≤ immaginare un sereno confronto sul tema a un anno e mezzo dalle elezioni? Soprattutto in un momento in cui la gente √® preoccupata per la crisi, teme di perdere il proprio posto di lavoro e di peggiorare la propria condizione economica? Il rischio sarebbe una guerra tra poveri, con gli italiani pi√Ļ indigenti che guardano in cagnesco i nuovi arrivati contestandone i diritti.

Non solo: ma con i bambini nati dai clandestini co ¬≠me la mettiamo? Ai piccoli diamo la cittadinanza, mentre i loro genitori li mettiamo alla porta? Oppure ospitiamo le famiglie clandestine fino al raggiungi ¬≠mento della maggior et√† del bimbo che ha acquisito la cittadinanza italiana? E se fare figli diventalo strumen ¬≠to per aggirare la legge e il conseguente rimpatrio, che si fa? La materia ovviamente avrebbe bisogno di lunghi approfondimenti, ma gettata nel mezzo del dibattito politico, quando l’opinione pubblica ha i nervi a fuor di pelle perch√© in pena per i propri risparmi, c’√® peri ¬≠colo di far divampare un incendio.

Perch√© dunque il presidente, uomo misurato e pi ¬≠gnolo, che i cronisti ricordano come attentissimo alle parole, ieri si √® messo a discettare di libert√† religiosa e di diritti degli immigrati? Ora chela Lega√® all’opposi ¬≠zione, ha forse ritenuto che si siano allentate le moti ¬≠vazioni che suggerivano di non discutere di certe fac ¬≠cende? A essere sinceri non abbiamo una risposta, ma una sensazione s√¨. Ovvero, annusando l’aria, ci pare che passando i giorni e dimenticando le origini assai poco popolari del governo presieduto da Mar io Monti, il presidente voglia ricordare che l’esecutivo √® nelle sue piene funzioni. Altro che ministeri tecnici, cui √® stato affidato un mandato a breve, limitato ai temi di com ¬≠petenza economica. Ogni giorno che passa si capisce semmai il contrario e cio√® che l’ex rettore della Bocconi non √® affatto un premier dimezzato, ma anzi ha inten ¬≠zione di usar e i mesi che lo separano dalle elezioni per dar corso a una serie di riforme benedette dal Colle.

Di quella riguardante il sistema elettorale si √® gi√† parlato, sugli immigrati ha provveduto ieri a colmare la lacuna il capo dello Stato, ma non √® detto che nei pros ¬≠simi giorni non spunti altro. Pi√Ļ passa il tempo e pi√Ļ si comprende come l’urgenza che ha portato Mario Monti e i suoi ministri a Palazzo Chigi non era econo ¬≠mica, ma tutta politica. A noi non piace parlare di com ¬≠plotti e ancor meno ci appassioniamo ai misteri che piacciono tanto a certi cronisti pistaioli. Preferendo stare ai fatti, constatiamo che ci si √® serviti della finanza per fare piazza pulita del Cavaliere e dei suoi cari. Obiettivo nobile secondo alcuni: ma c’√® qualcuno in grado di spiegarci dove ci vogliono portare i nuovi ti ¬≠monieri?

—-

Quei vecchi fantasmi nascosti dietro l’idea di sacrifici ed equit√†
di Piero Ostellino
(dal “Corriere della Sera”, 23 novembre 2011)

Nel lessico del presidente del Consiglio √® comparsa un’espressione che √® pi√Ļ una concessione alla demagogia che il pensiero di un economista liberale: ¬ęOra sacrifici per chi ha dato di meno ¬Ľ. √ą il solito omaggio del vizio √Ę‚ÄĒ (di) mettere le mani nelle tasche degli italiani √Ę‚ÄĒ alla virt√Ļ, l’equit√†, per giustificare l’arrivo di nuove tasse. Se, in Italia, c’√® ¬ęchi ha dato di meno ¬Ľ non √® per virt√Ļ dello Spirito santo, ma perch√© la politica protegge le corporazioni pi√Ļ forti. Al Senato, Monti aveva pronunciato spesso la parola ¬ęcrescita ¬Ľ e poco quella ¬ęsacrifici ¬Ľ.

Poich√© la crescita non dipende tanto dal governo √Ę‚ÄĒ che se mai, quando si sovrappone alla societ√†, limitandone le libert√†, la deprime √Ę‚ÄĒ quanto dalle forze sociali, la parola pareva significare che il governo si metteva al servizio dei cittadini per accrescerne le libert√† nella produzione di ricchezza; non pretendeva si ponessero essi al suo servizio, come suggerisce la parola ¬ęsacrifici ¬Ľ.

Non era stata la preminenza (ideologica) dell’anima cattolico-liberale su quella cattolico-sociale del professor Mario Monti, che convivono in lui pacificamente; ma ima dichiarazione programmatica da concretare con provvedimenti governativi. Segnalava una ¬ędiscontinuit√† ¬Ľ rispetto a quella (retorica) auspicata dai gattopardi quando vogliono andare al governo per cambiare qualcosa affinch√© tutto rimanga come prima. Di tale conservatorismo ha dato prova la capogruppo del Partito democratico, signora Finocchiaro, quando ha impugnato la Costituzioneper dire cosa chiede il suo partito: una forte redistribuzione della ricchezza attraverso nuove tasse. Roba da socialismo reale, non da socialismo scandinavo, dove le tasse servono per pagare i servizi sociali e non penalizzano √Ę‚ÄĒ si veda l’ultimo libro di Luca Ricolfi (La Repubblica delle tasse) √Ę‚ÄĒ i produttori di ricchezza, imprenditori e lavoratori. Una dichiarazione non di fedelt√† alla Costituzione, bens√¨ alla cultura che l’ha generata in una fase storica dalla quale il mondo √® uscito col fallimento del socialismo reale, la metamorfosi del comunismo cinese e la crisi del keynesismo; dei quali la signora Finocchiaro pare non essersi accorta.

Con la parola ¬ęsacrifici ¬Ľ e con l’espressione ¬ęper chi ha dato di meno ¬Ľ, torna il lessico del conservatorismo del vecchio establishment. C’√® chi ha accusato il presidente del Consiglio e la maggioranza dei suoi ministri √Ę‚ÄĒ gente che negli ultimi vent’anni √® stata nei Consigli di amministrazione delle maggiori aziende pubbliche e private nazionali √Ę‚ÄĒ di essere ¬ęi poteri forti al governo ¬Ľ.

Un’accusa √Ę‚ÄĒ nella sua ridicola accezione ¬ęclassista ¬Ľ √Ę‚ÄĒ speculare a quella della sinistra quando sostiene la natura di classe dell’imposizione fiscale. Il governo per rassicurare il Paese √Ę‚ÄĒ non ha bisogno di provare, con testimonianze personali, che non √® ¬ęi poteri forti ¬Ľ. Mostri di voler cambiare davvero: meno vincoli legislativi e amministrativi; mercato del lavoro pi√Ļ flessibile; radicale riduzione della spesa pubblica e della pressione fiscale; liberalizzazioni e dismissioni di parie del patrimonio demaniale; ripristino dello Stato di diritto, e della certezza del diritto, da parte anche di una Pubblica amministrazione, pletorica e oppressiva, da ridurre drasticamente.

Un segnale positivo lo d√†, per ora, la riforma, in senso ¬ęcontributivo ¬Ľ della previdenza sociale, preannunciata dal ministro del Lavoro, Elsa Fornero, moglie di Mario Deaglio, due vecchi amici (di sinistra), cresciuti all’ombra di quel bel cenacolo liberale che √® stato il Centro Einaudi. Non ci sarebbe neppure pi√Ļ bisogno di fissare autoritariamente l’et√† del pensionamento √Ę‚ÄĒ che peraltro la riforma ancora prevede √Ę‚ÄĒ perch√© ciascun lavoratore la potrebbe decidere autonomamente sulla base dei contributi versati e della previsione di pensione che si aspetta di percepire. Un residuo della cultura dirigista e burocratica (europea) √®, invece, la rivendicazione, da parte del professor Monti, come ex commissario dell’Ue, di aver fatto pagare care le tentazioni anticoncorrenziali della Microsoft. Caro Mario, porto a testimone la stampa anglosassone, da te stesso citata, che ti ha definito il Saddam Hussein √Ę‚ÄĒ bada: non l’Abramo Lincoln

del business, per ricordarti che, in uno Stato liberale, la burocrazia avrebbe istruito la pratica e un giudice terzo l’avrebbe sanzionata con ima sentenza. La multa inflitta dall’Ue √® stata l’esecutoriet√† della sanzione amministrativa da parte di una burocrazia.

La prevede anche la nostra Pubblica amministrazione. Un abominio. Una delle tante cose che, da quel liberale che sei, ci aspettiamo che il tuo governo vorrà cancellare.

Altri articoli

“Il governo Monti? Un golpe Per Sansonetti l’artefice √® Napolitano l’antidemocratico” di Domenico Ferrara. Qui.

“Giustizia, adesso lo dice anche Napolitano: “Serve un codice deontologico per le toghe” di Andrea Indini. Qui.

“Ma a governare cos√¨ sono capaci tutti” di Salvatore tramontano. Qui.

“Fondatori non affossatori” di Mario Sechi. Qui.


Letto 1207 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart