Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Napolitano mandi Fini a casa. Subito!

8 Agosto 2010

Uno che approfitta della sua carica istituzionale (la terza per ordine d’importanza) per sistemare il cognato in Rai, non merita di rimanere sullo scranno più alto di Montecitorio un minuto di più.

Sono perfino convinto che con le dimissioni di Fini anche l’eventuale crisi di governo si scioglierà come neve al sole, poiché i finiani metteranno, da sconfitti proprio sui temi a loro cari, la coda tra le gambe.

Sarà dimostrato, infatti, che quei valori erano stati sbandierati per farne uso strumentale. A questi valori essi sono i primi a non credere, e la conferma viene proprio dal loro ispiratore e leader.

Verranno tutti a Canossa, ma non tutti meriteranno di essere reintegrati. Alcuni si sono dimostrati arroganti e presuntuosi, oltre ogni misura, come, ad esempio, Bocchino e Granata, i quali oggi tacciono sulle magagne scoperte a carico del loro padrone.

Se a quei valori avessero creduto davvero, sarebbero stati i primi a chiedere a Fini di lasciare la presidenza della Camera. Pretendono dagli altri, ma sanno sempre ipocritamente giustificare le loro colpe.

Per quanto sono andati avanti nella rivendicazione di quei valori, oggi, non condannando Fini, dovrebbero sentire il dovere di dimettersi da parlamentari. Il loro silenzio dimostrerebbe, e lo sta già dimostrando, una doppiezza che non può avere alcuna rappresentanza in Parlamento. La rifiutano i cittadini.

Leggo che Napolitano forse si è svegliato, dopo il lungo sonno. Non ci credo, ma voglio sperarci. Per non avvelenarmi fino in fondo con questo uso strumentale e irrituale che è stato fatto della terza carica dello Stato. Il presidente della Camera fa il capopartito, addirittura da smargiasso, e pretende di rivestire una carica che deve restare super partes. Ma quando mai si è visto un affronto così arrogante portato alle Istituzioni?

Il silenzio di Napolitano è stato colpevole e pesante sino a qui. Ha mostrato una cecità che non immaginavo. Ma ora sembra che abbia aperto gli occhi.

Vorrei dirgli che non c’è da starci a pensare più di un minuto. Le colpe di Fini sono evidenti. Egli abusa della sua carica istituzionale, ne fa uso personale e discutibile. Si crede in diritto di farlo per un qualche dono divino. Si è montata la testa. Perfino disprezza i cittadini, ai quali non sente il dovere di dare spiegazioni sulla marea di fango che gli sta montando addosso.

Ho sempre scritto che tocca a Napolitano intervenire. Egli è il garante delle Istituzioni. Continuare a chiudere gli occhi potrebbe pregiudicare il suo settennato, seppellirlo sotto un macigno pesante. Vuole che ciò accada? La Storia, quando è severamente scritta, arriva con il suo passo lento ma inesorabile a fare giustizia su tutto.

Convochi Fini e gli chieda conto di ciò che sta succedendo a suo carico. Non credo che Fini oserà mentirgli. A noi, almeno per ora, ha mentito, poiché, non dando spiegazioni ai molti interrogativi, in realtà è come se avesse ammesso le colpe. Ma mentire a Napolitano costituirebbe un’offesa all’Italia intera, un marchio indelebile d’infamia.

E se le magagne che abbiamo letto saranno confermate da Fini, non lo faccia uscire dalla stanza senza che abbia rassegnato le dimissioni. Poi ne dia notizia al Paese.

Vedrà allora che la crisi di governo sarà allontanata e forse si potrà arrivare anche alla fine della legislatura.

Un atto dovuto, quello di Napolitano. Dovuto ai cittadini e al nostro Paese.

Articoli correlati

“Bossi: «Le elezioni? Anche a novembre »”. Qui

“Coordinatori, è lite tra Bocchino e il Pdl Violante: coalizione con Fini? Possibile”. Qui.

“Tartaglia innocente, il colpevole è solo Silvio” di Paolo Del Debbio. Qui.

“Casa ex An a Montecarlo, Fini: “Non ho nulla da nascondere”. Qui.


Letto 1523 volte.


1 commento

  1. Commento by Ambra Biagioni — 8 Agosto 2010 @ 19:41

    Il giornale

    Da cui: 5) Verificato dagli Uffici di A.N. che l’offerta di acquisto era superiore al valore stimato (trecentomila Euro a fronte di quattrocentocinquanta milioni di lire) e in ragione del fatto che il bene rappresentava unicamente un onere per AN (spese di condominio ed altro), autorizzai il Sen. Pontone alla vendita come accaduto altre volte in casi analoghi.

    Che splendida verifica e soprattutto che giusta valutazione ! Come si può prendere per corretta una valutazione del 1999, senza provvedere alla dovuta rivalutazione secondo il mercato attuale ?

    Possibile che Fini abbia il coraggio di rifilarci certe bufale ? Crede di parlare ai pioppi ?

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart