Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Pasqua con una poesia di Gian Gabriele Benedetti

12 Aprile 2009

La rivista augura a tutti Buona Pasqua con una poesia di Gian Gabriele Benedetti. (bdm)

RINASCITA

Fluttuare, in respiro costante,
di verde a brivido.
Inesplicabile sortilegio di fiori seminati
in danze ininterrotte dai lucidi colori.
                O giochi ansiosi,
                attraversati da tacita malizia.  

Ride il poggio tra volatili sussurri
a percorrere i primi amori.
Bacia l’aria la casa bianca spalancata.
E il cielo, il prato, il fosso
distesi nel tempo rinnovato.
Armonie accomunate di grazia, come concordata.
                Quasi sogno…  

Suono nutrito di campane.
Improvviso e largo rotola dall’alto,
all’aggraziato scivolare della rondine tornata;
abbraccia lunghe distese
e rimbalza di valle in valle.
È l’Alleluia del Dio Risorto
ed è la festa di una Terra dal passo ritrovato.
                Anche l’animo vibra d’intenso
                e si riveste di luce e di letizia.


Letto 1694 volte.


4 Comments

  1. Commento by Carlo Capone — 24 Aprile 2009 @ 20:04

    Un animo lieto e sereno, parafrasando in parte il finale del componimento, quello di Gian Gabriele Benedetti. Traspare quell’animo dai suoi versi, dall’entusiamo e l’impegno giovanili con cui scrive impareggiabili commenti. Nulla a dire, un uomo baciato dalla Grazia. Merce rara di questi e tanti altri tempi.

    Un caro abbraccio e complimenti

    Carlo Capone

  2. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 24 Aprile 2009 @ 22:08

    Un grazie grande così per il tuo squisito commento e per l’apprezzamento, che arrivano a commuovermi.
    Ti abbraccio affettuosamente
    Gian Gabriele

  3. Commento by Maria Antonietta Pinna — 9 Gennaio 2010 @ 22:21

    Poesia di rondini, Dio risorto, alleluia e cori angelici. Acritico buonismo, miele che cola da tutte le parti. Proprio la poesia che ci vuole per un Paese come il nostro, senza problemi, vibrante di “luce e letizia”. Come siamo fortunati. Suoni che rimbalzano di valle in valle, aggraziato batter d’ali. Ma lo sa Gian Gabriele Benedetti che in più di una valle e crocicchio ci sono barboni che muoiono di freddo? Quanto alle rondini poi, non ci sono quasi più grazie all’inquinamento. Il verde negli spazi urbani sta morendo. E le campane vengono sostituite da quelle orribili musichette registrate.
    Ma in quale paese vive? Vorrei andarci.

    Maria Antonietta Pinna

  4. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 9 Gennaio 2010 @ 23:17

    In occasione del Natale e della Pasqua chiedo sempre a Gian Gabriele una poesia. E’ ormai una consuetudine a me gradita della rivista. La poesia può e non può piacere, ma, siccome a me piace, l’ho pubblicata.

    Per evitare anche qui il nascere di una polemica, ho scritto a Gian Gabriele di non risponderti e chiudo i commenti. Sono sicuro, da ottimista incallito, che arriverà il momento che farete la pace.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart