Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Racconto: Margherita #10/13

12 Ottobre 2008

di Bartolomeo Di Monaco
[Per le altre sue letture scorrere qui. Il suo blog qui.]

Margherita  #10

Stella veniva a trovarlo sempre pi√Ļ spesso, contenta di lui, ma Jacopo pensava ora a Margherita. Tra le fiamme della propria perversit√† scorgeva i lineamenti della donna svanita nel nulla, la quale aveva avuto per lui le sole parole di tenerezza che fossero riuscite a penetrare la sua ruvida scorza di uomo.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Torn√≤ alla Costanza, e una sera che era pieno di livore, se la prese con una prostituta che non aveva saputo rispondergli, e la sbatt√© sull’asfalto. Stava per pestarla coi piedi, mentre lei aveva gli occhi sbarrati dal terrore, quando accorsero gli uomini nascosti nella pineta, e uno lo afferr√≤ per le spalle. Jacopo si divincol√≤ e lo colp√¨ con una testata, e quello cominci√≤ a sanguinare e a bestemmiare. Fecero infine una cintura intorno a lui, e Jacopo pareva una belva, e urlava parole che non avevano senso per nessuno, e levava calci e pugni in tutte le direzioni.
                Tornò a casa disfatto, e fu una notte terribile quella che trascorse in cerca, nei suoi deliri, di Margherita.  

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Da qualche tempo sono ritornati i preti a difendere gli ultimi della Terra. Sono in prima linea in ogni parte del mondo, e sono quasi sempre giovani coloro che si gettano nella mischia, mettendo a repentaglio la vita. Hanno tempi lenti, spesso secolari, i processi che portano ai mutamenti in seno alla Chiesa, e ci√≤ che accade oggi √® frutto delle lotte di ieri, del coraggio soprattutto di alcuni temerari che si mossero in mezzo ad un mare di difficolt√†, e furono quasi sempre umiliati. Ma √® storia conosciuta e qui serve solo il breve richiamo. Dopo l’ultima grande guerra, quelle poche forze si sono moltiplicate. L’ideale ha messo gambe e braccia, e oggi sono visibili i mutamenti.
                Contro le croci dei ladroni continuava la protesta della Chiesa. Jacopo non capiva perché ci si opponesse alla punizione esemplare di canaglie di quella risma, e un giorno se la prese con uno di questi sacerdoti venuto, come ora spesso accadeva, fin sotto le due croci, a pregare e supplicare la folla, dicendo che quella era una nuova barbarie che avrebbe prodotto danni peggiori nelle coscienze. La gente rideva, in principio. Qualche prete fu anche malmenato, ma continuava a levare la voce. Jacopo spiegava al prete che quei ladroni erano come la gramigna del vangelo, e andava estirpata.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬ęLa violenza stende tappeti al dolore e alla umiliazione ¬Ľ rispondeva il prete, abbassando ogni volta il tono della voce, quasi che desiderasse che le sue parole fossero tutte per Jacopo, e gli entrassero dritte nell’anima.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬ęOcchio per occhio e dente per dente, prete. Solo questo va bene per loro! ¬Ľ disse una sera pieno di rabbia Jacopo, e sput√≤ sulle due croci, e la gente lo applaudiva, e urlava al prete che avevano patito abbastanza, e ora era tempo di rivincite, e anche Ges√Ļ Cristo stava dalla loro parte.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬ęCristo √® in mezzo a noi, e non con quei ladroni! ¬Ľ gridavano.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Il prete restava l√¨ a pregare. Dopo le urla dei pi√Ļ scalmanati, si mise in ginocchio e non parl√≤ pi√Ļ. Rest√≤ sotto le croci per ore e ore, anche quando tutti se ne furono andati e lass√Ļ stavano i due ladroni soli con la loro disperazione. Jacopo si era allontanato, ma non aveva voluto andarsene. S’era fermato sotto gli archi di palazzo Pretorio, e da l√¨ spiava il prete. Che cosa passava nella mente di quel piccolo uomo, che stava l√¨, sotto le croci, a pregare, in mezzo ad una piazza divenuta deserta, dove non c’era pi√Ļ nessuno a cui potesse mostrare il suo coraggio? Jacopo, invece, ci stava bene in mezzo alla violenza. Erano tempi di crudelt√†, e lui sentiva che i sensi ne venivano ristorati, e scaricare la propria vendetta era come rispondere ad un’insolita ma irresistibile chiamata dei sentimenti; essi salivano dal profondo della sua coscienza, e si mettevano ad urlare, ed allora egli li sbatteva in faccia ad un altro uomo. Che cosa c’era di pi√Ļ grande? Jacopo non se ne andava. Stava a guardare il prete. Il quale, ancora inginocchiato, pregava. A sera tarda, venne una squadra di incaricati e controllarono i due ladroni. Il prete non li guard√≤, ma stette col capo chino, chiuso nei pensieri.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬ęSono morti ¬Ľ disse uno di loro. Poggiarono una scala alla croce e un altro vi sal√¨ e sciolse i legacci, prima ai piedi e poi alle mani, e il corpo si allung√≤ quando furono slegati i piedi e parve cadere, scivol√≤ lungo il legno; poi si arrest√≤ bloccato dai lacci delle mani. Cos√¨ allungato nella morte, non sembrava pi√Ļ un uomo, ma lo stesso legno della croce era diventato. L’uomo se lo caric√≤ sulle spalle e discese i gradini. Gli altri lo raccolsero, e tenendo il corpo per le gambe e per le braccia, lo caricarono sul camion. Cos√¨ fecero per il secondo ladrone. Quando si furono allontanati, si alz√≤ anche il piccolo prete. La poca gente che aveva assistito alla scena rimaneva l√¨ a confabulare. Il prete invece s’incammin√≤ per andarsene; svolt√≤ dietro la chiesa. Jacopo usc√¨ da sotto gli archi e per istinto si mise a seguirlo. Si teneva a pochi passi di distanza. Il prete procedeva spedito. Jacopo gli stava attaccato alle costole come fosse una sua preda. Il prete entr√≤ in via Buia, volt√≤ nel Fillungo, e giunto in piazza San Frediano, gir√≤ per l’Anfiteatro. Non c’era nessuno per strada, ed era buio abbastanza. Jacopo, senza pensarci su due volte, si affrett√≤, lo raggiunse, lo afferr√≤ per le spalle, lo gir√≤ verso di s√© e gli sferr√≤ un cazzotto tra i denti. Cadde a terra il prete, e Jacopo non si fermava. Non si sentiva ancora pago. Lo riemp√¨ di calci e pugni, finch√© non fu pieno di sangue.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬ęDov’√® il tuo Dio, prete! ¬Ľ grid√≤ allora, e quell’uomo aveva le mani abbandonate a terra, e lo guardava senza parlare, e anche gli occhi aveva pieni di sangue.
                Jacopo di corsa si allontanò, passò di nuovo davanti alla piazza di San Frediano, e avvertiva che erano tempi di rivolta, e lui non ci poteva fare niente, se li sentiva addosso come una nuova pelle, e un giorno sarebbe arrivato il tempo della pietà, e solo allora, forse, egli avrebbe potuto cambiare.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Tutte le societ√†, qualsiasi forma assumano, hanno un privilegio bizzarro che le accomuna, ed √® quello di sapersi far detestare. √ą difficile star bene dentro una societ√†. Essa √® capace, per un atroce sortilegio, di rimescolare le coscienze, di rivoltare le convinzioni, di distruggere gli affetti e costruirne di nuovi, di fare ogni cosa insomma che l’uomo da solo non saprebbe nemmeno immaginare. Se fosse stato solo al mondo, senza compagni, e quindi senza societ√†, l’uomo sarebbe potuto diventare facilmente lo specchio di Dio. Nella moltiplicazione della specie s’√® insinuato invece il germe devastatore. La Chiesa ha una risposta a tutto questo: sostiene che la causa del male va ricercata nel peccato originale. Ma ci√≤ che resta inspiegabile √® il perch√© la sofferenza dell’uomo debba accompagnarlo per l’intera esistenza della sua specie. Una tale crudelt√† pu√≤ mai appartenere al Dio dei cristiani? Jacopo non ci stava bene al mondo, si sentiva continuamente lacerato, oppresso, qualche volta vinto, pur tuttavia intuiva di essere in sintonia con la vita perch√© era in sintonia con la societ√†. C’era della cattiveria nella societ√† che gli apparteneva, e considerava la propria violenza un’espressione naturale della sua specie, che nasceva dal pi√Ļ profondo della coscienza, e quindi non il prete, ma lui, era il figlio legittimo di questa Terra.


Letto 1442 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart