Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

STORIA: I MAESTRI: GES√ô FRA GLI SPECCHI

26 Dicembre 2012

di G. Barbiellini Amidei
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, gioved√¨ 5 marzo 1970]

Viveva quasi duemila anni fa a Nazareth un ragazzo capriccioso e vendicativo, ter ¬≠ribile come un mago: i vicini di casa, dopo le prime espe ¬≠rienze, ne stavano alla larga. Due bambini che gli avevano fatto innocenti dispetti ci avevano rimesso la pelle e i loro genitori, che avevano protestato, erano stati acciecat√¨. La stessa fine aveva fat ¬≠to un maestro del villaggio, che aveva tentato inutilmen ¬≠te di insegnargli l’alfabeto. Giuseppe, il patrigno, per avergli tirato le orecchie do ¬≠po tante malefatte, si era sen ¬≠tito rispondere cos√¨: ¬ę Tu ac ¬≠contentati di guardarmi, ma non toccarmi. Non sai che non sono tuo figlio? ¬Ľ.

Quel ragazzo aveva quattro fratelli, Jakob, Joseph, Jouda e Simeon, e due sorelle, Melcha e Escha, ed era destina ¬≠to a una clamorosa carriera di prodigi e di notoriet√†: cui si preparava con piccoli mi ¬≠racoli, facendo volare passeri d’argilla, fabbricando vespe e api da aizzare contro i com ¬≠pagni; scendendo dai preci ¬≠pizi appeso a un raggio di sole. Un giorno avrebbe do ¬≠minato mostri alti millesei ¬≠cento cubiti, come il diavolo Beliar; avrebbe rivelato la propria natura di ¬ę eone ¬Ľ (essenza spirituale) buono, li ¬≠berando l’umanit√† dalla car ¬≠ne, che √® peccato, e avvian ¬≠dola a un mondo perfetto tutto maschile: ¬ę poich√© ogni femmina che diventer√† ma ¬≠schio entrer√† nel regno dei Cieli ¬Ľ.

Il Ges√Ļ dei Vangeli apo ¬≠crifi potrebbe essere descrit ¬≠to cos√¨ e con tante altre pa ¬≠role, ingenue e misteriose, grossolane e sottili, favolose e profetiche. Che cosa sono questi Vangeli apocrifi, pro ¬≠posti al lettore moderno da Marcello Craveri in una bel ¬≠la edizione di Einaudi (pagi ¬≠ne 603, L. 7000) preceduta da un saggio di Geno Pampaloni? Sono antichi racconti del ¬≠la vita del Cristo, che la Chiesa non ha accolto come autentici accanto alla narra ¬≠zione di Marco, Matteo, Luca e Giovanni. Uguali i perso ¬≠naggi, l’epoca, l’ambiente, l’a ¬≠zione drammatica: ma non di qui, non da questa tradi ¬≠zione, non da questi segni vengono il Cristianesimo uffi ¬≠ciale e la sua storia. Manca l’ispirazione, dice il teologo. Manca l’attendibilit√†, aggiun ¬≠ge una parte degli storici. L’uomo di Chiesa segnala il contrasto con tutta la com ¬≠plessa architettura della dot ¬≠trina cristiana e dei suoi dogmi. L’inquisitore rintrac ¬≠cia, versetto per versetto, nei deliramenta apocryphorum, i semi dell’eresia.

Al lettore moderno queste pagine quasi ignote della pi√Ļ nota vicenda dei tempi paio ¬≠no una fuga di specchi in ¬≠torno alla nostra memoria: ogni specchio, lo Pseudo-Tom ¬≠maso, lo Pseudo-Matteo, il Vangelo di Nicodemo, il Van ¬≠gelo d√¨ Filippo, il Vangelo della Verit√†, la Storia di Giu ¬≠seppe, rifrange, distorce, re ¬≠stituisce, approfondisce, sfu ¬≠ma, fissa, ingrandisce, illan ¬≠guidisce, favoleggia, svela, ba ¬≠nalizza, sublima, astrae, smi ¬≠nuzza parole giorni e pen ¬≠sieri che in altro modo, con altre proporzioni e con altri colori, la nostra memoria gi√† custodiva.

Fra i Vangeli canonici e la fuga degli specchi c’√® la Chiesa con la sua storia: se ne pu√≤ fare a meno, quan ¬≠do si deve scegliere fra rac ¬≠conto e racconto, fra parabo ¬≠la e parabola, fra versetto e versetto? Ciascuno risponde secondo il proprio profondo interesse, secondo il proprio modo di giudicarsi cristiano e di credere a un versetto pre ¬≠potente sui mille e mille ver ¬≠setti: ¬ę Tu sei Pietro e su questa pietra edificher√≤ la mia chiesa… Io ti dar√≤ le chiavi del Regno dei Cieli e tutto ci√≤ che tu avrai sciol ¬≠to in Terra sar√† sciolto in Cielo ¬Ľ. (Matt. XVI, 17-19). Se questo versetto √® ¬ę vero ¬Ľ, sono veri i Vangeli degli ere ¬≠di di Pietro, sono falsi gli altri.

La ¬ę verit√† ¬Ľ √® quindi una scelta, non una conquista fi ¬≠lologica. La grande disputa che ha dilaniato le diverse scuole interpretative e scate ¬≠nato √¨ furori di ecclesiastici puntigliosi e di positivisti fa ¬≠natici si √® chiusa senza vin ¬≠citori n√© vinti.

Il problema, in fondo, non fu mai filologico: perch√© √® certo che un uomo chiamato Ges√Ļ, giudeo, discepolo del predicatore Giovanni, vissuto in una terra e un tempo ma ¬≠turi per l’annuncio, crocifisso per ordine di Ponzio Pilato romano, aveva predicato lo ¬≠gia, cio√® parole, a uomini che mandarono a memoria fatti e precetti. Soltanto dopo mol ¬≠ti anni parole e fatti furono trascritti. E’ anche certo che ciascuna mano, a suo mo ¬≠do, lasci√≤ un’impronta sulla trascrizione. Quale di queste mani fu guidata da Dio, e quale dalla fantasia, quale fu illuminata dallo Spirito e quale dalle scuole mistiche e filosofiche contemporanee? Per chi √® fuori dalla religio ¬≠ne, la domanda non √® una domanda, √® un non-senso; per il filologo, per lo scien ¬≠ziato, √® quesito non perti ¬≠nente. .

E allora? Che cosa dice all’uomo di cultura questo viaggio attraverso i vangeli derelitti? Ci sono squarci dol ¬≠cissimi di letteratura, ora po ¬≠polare ora mistica, ci sono estatici cieli minori, gremiti di ingenuit√† e di vita. (Ed √® il primo filone dei vangeli apocrifi, quelli dell’infanzia). C’√® tutta l’eleganza intellet ¬≠tuale, la profondit√† esoterica dell’ispirazione greca e orien ¬≠tale: questo secondo filone degli apocrifi testimonia la forza della Gnosi, che fu una particolarissima religione pre ¬≠dicata in odio alla Terra, che √® parvenza, fantasma, frut ¬≠to del male, e in lode a un etereo Cristo, venuto dall’i ¬≠deale mondo del bene; una dottrina che ha singolari af ¬≠finit√† con alcune ideologie del nostro tempo.

Ma dentro questi Vangeli, c’√® il cristianesimo, c’√® quel ¬≠la folgorazione che pone la storia cristiana al centro del ¬≠la cultura d√¨ duemila anni? C’√® lo scandalo filosofico e politico che fa del cristiane ¬≠simo non una setta n√© una scuola di pensiero, ma una inconfondibile religione? Si direbbe di no. Craveri, sulla base di una interpretazione delle ricerche storiche, affer ¬≠ma che ¬ę in molti casi sorge legittimo il sospetto che l’in ¬≠terpretazione pi√Ļ genuina fos ¬≠se quella che √® stata scar ¬≠tata ¬Ľ.

Sar√† vero: ma √Ę‚ÄĒ come no ¬≠ta con felice concisione Pam- paloni √Ę‚ÄĒ √® tornando ai ca ¬≠nonici che ¬ę ci ritroviamo in un universo nel quale l’inten ¬≠sit√† e la novit√† del messag ¬≠gio non rompono l’arcana semplicit√† della parola uma ¬≠na ¬Ľ.

Dopo duemila anni il letto ¬≠re laico resta soprattutto col ¬≠pito dalla essenzialit√†, dalla genuinit√† poetica, dalla tra ¬≠sparenza delle parole scelte dalla Chiesa di fronte a quel ¬≠le ¬ę apocrife ¬Ľ cadute ai mar ¬≠gini del campo: e si potreb ¬≠be concludere che, se anche non fossero state vere, lo so ¬≠no divenute cammin facendo.

Comunque, in un tempo in cui l’ateismo ha ucciso anche le eresie, le dispute sono cap ¬≠ziose. Morti i miracoli, ogni voce che racconta il miracolo, anche la voce pi√Ļ ingenua e rozza, diventa miracolosa, e cara a tutti gli uomini di reli ¬≠gione.


Letto 1910 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart