Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

STORIA: I MAESTRI: Palestinità

1 Luglio 2011

di Virgilio Lilli
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, mercoled√¨ 19 agosto 1970]

Beirut, agosto.
La parola non √® delle pi√Ļ eufoniche ma √® forse la sola che possa aiutarci a intende ¬≠re uno degli aspetti pi√Ļ si ¬≠gnificativi della intransigenza dei guerriglieri del Vicino Oriente nei confronti del ten ¬≠tativo gi√† in atto d’una solu ¬≠zione negoziata del conflit ¬≠to arabo-israeliano: ¬ę palestinit√† ¬Ľ. Il movimento che attua la guerriglia contro Israele, nonostante l’accettazione del piano Rogers da parte degli Stati belligeranti, difende in ¬≠nanzitutto la ¬ę palestinit√† ¬Ľ. L’esistenza dello Stato di Israele √Ę‚ÄĒ secondo tale mo ¬≠vimento √Ę‚ÄĒ distrugge la ¬ę pa ¬≠lestinit√† ¬Ľ; perch√© la ¬ę pale ¬≠stinit√† ¬Ľ sopravviva bisogna che Israele scompaia. E’ la difesa della ¬ę palestinit√† ¬Ľ, dunque, che impone ai guer ¬≠riglieri di non unirsi a Nasser, a Hussein e ad altri capi di Stato arabi nella accettazione del compromesso sovietico-americano.

Ma che cos’√® la palestini ¬≠t√†? Se ponete la domanda a un militante qualificato di uno dei tanti movimenti della re ¬≠sistenza palestinese, egli sapr√† dirvi pi√Ļ agevolmente che cosa essa non √®. La palestinit√† √Ę‚ÄĒ vi spiegher√† √Ę‚ÄĒ non √® l’Islam; la palestinit√† non √® un fatto politico; la palesti ¬≠nit√† non √® un capitolo del conflitto fra arabi e Israele. Non √® l’Islam perch√© non so ¬≠no stati i musulmani a dare vita alla Palestina, sono i pa ¬≠lestinesi, i quali a loro volta sono musulmani, sono ebrei, sono cristiani. Non √® un fat ¬≠to politico perch√© √® un fatto geografico, e come tale non costituisce un problema bens√¨ una realt√† indiscutibile, im ¬≠mobile come √® immobile la sua territorialit√†.

Oggi √Ę‚ÄĒ continuer√† a spie ¬≠garvi il militante della resi ¬≠stenza palestinese √Ę‚ÄĒ nel con ¬≠testo del conflitto arabo-israe ¬≠liano si parla di Egitto, di Giordania, di Libano, d’Irak, di Siria, d’Algeria, di Maroc ¬≠co, di Sudan e d’altro ma non si parla mai di Palestina. E tuttavia i presunti protago ¬≠nisti della sanguinosa avven ¬≠tura del Vicino Oriente sono estranei alla materia della contestazione, Stati arabi che operano in nome d’un mondo (esclusivamente arabo) ch’√® al di fuori della lacerazione avvenuta nel tessuto del ter ¬≠ritorio palestinese, il solo in gioco.

La palestinit√† rifiuta indirettamente, in questo senso, la ¬ę arabit√† ¬Ľ: una cosa sono gli arabi, altra i palestinesi. La palestinit√† √® una naziona ¬≠lit√† religiosa multilaterale, un fenomeno sacro composito ma allo stesso tempo unitario. Qualcosa di simile alla ¬ę svizzerit√† ¬Ľ, se ci si consente il termine: la quale appunto √® una nazionalit√† etnico-linguistico-religiosa plurima anche essa e unitaria insieme (coi tedeschi, i francesi, gli italia ¬≠ni, non solo, ma coi prote ¬≠stanti e i cattolici).

*

Sotto questa luce √Ę‚ÄĒ vi dir√† un poco paradossalmente il vostro interlocutore √Ę‚ÄĒ la Sviz ¬≠zera non ha ¬ę fratelli euro ¬≠pei ¬Ľ proprio per il fatto d’es ¬≠sere cos√¨ composita. Allo stes ¬≠so modo la Palestina non pu√≤ avere ¬ę fratelli arabi ¬Ľ. E’ vero che fino ad oggi i palestinesi hanno accettato queste prof ¬≠ferte di fratellanza, ma lo hanno fatto per ragioni di convenienza. In realt√† √Ę‚ÄĒ sem ¬≠pre secondo i palestinesi √Ę‚ÄĒ gli arabi non hanno ¬ę diritti di parentela ¬Ľ con la Palesti ¬≠na, giusto come i tedeschi, i francesi e gli italiani non han ¬≠no diritti di parentela con gli svizzeri, gli Stati arabi non partecipando della palestinit√† allo stesso modo che Germa ¬≠nia, Francia e Italia non par ¬≠tecipano della ¬ę svizzerit√† ¬Ľ.

Sono le dissolvenze incro ¬≠ciate di natura etnica e religiosa ad avere generato la palestinit√†. Alla sua origine √® infatti la chimica razziale pre ¬≠cristiana che ha gi√† da tempi remoti messo in essere l’amal ¬≠gama dei cananei, degli ittiti, dei filistei e altri i quali han ¬≠no attraverso gli incroci modellato un protopalestinese ben definito, l’abitante della Palestina. L’arrivo degli ebrei un millennio e mezzo prima di Cristo, √® stato un additivo a una combinazione gi√† ben consolidata. Cos√¨ l’arrivo di Cristo e dei cristiani, cos√¨ l’ar ¬≠rivo dei musulmani. Sulla massicciata precristiano-ebraica, si sono posati strati etnico-religiosi ¬ę recenti ¬Ľ, appun ¬≠to cristiani e musulmani. Ma ¬≠nipolando gli ingredienti raz ¬≠ziali e mentali i secoli hanno via via dato vita a qualcosa che non √® strettamente precri ¬≠stiano, n√© strettamente ebreo n√© strettamente cristiano, n√© musulmano, ma che ha di vol ¬≠ta in volta una veste ebrea, musulmana o cristiana con forte prevalenza dei musulma ¬≠ni, beninteso, l’Islam costituendo l’ultimo apporto e per ¬≠tanto quello di pi√Ļ larga ado ¬≠zione.

Il palestinese col quale vi troverete a parlare vi dir√† che, in pi√Ļ, la palestinit√† √® per certi versi simile alla hispanidad: un modo di appar ¬≠tenere a una terra e alle sue vicende nel tempo sia in sen ¬≠so etnico che religioso, ma anche un modo di sopravvivere a certe cancellazioni (proprio come la Spagna, per esempio, e per essa la hispanidad, ha sopravvissuto alle cancellazioni cartaginese, ro ¬≠mana, musulmana).

In questo intreccio di dia ¬≠lettiche (sia pure semplicisti ¬≠che) c’√® in fondo un rifiuto dell’occidente e un rifiuto del ¬≠l’ebraismo, ma c’√® senz’altro √Ę‚ÄĒ fenomeno per noi sorpren ¬≠dente √Ę‚ÄĒ un rifiuto dell’arabi ¬≠smo. La palestinit√† √® essere musulmani senza essere arabi pur nel bel mezzo del mon ¬≠do arabo; √® essere ebrei sen ¬≠za per questo essere sionisti, pur nel cuore del sionismo at ¬≠tivo; √® essere cristiani senza essere occidentali, pur dentro la culla dei Vangeli.

Nella sua intransigenza ideologica fatta di esclusioni che sono delle ammissioni (mu ¬≠sulmani antiarabi, ebrei anti ¬≠sionisti, cristiani antiocciden ¬≠tali), il palestinese arriva a semplificazioni perentorie di natura giuridico-politica le quali trovano l’interlocutore piuttosto impreparato. E per esempio: gli obblighi determi ¬≠nati dalla appartenenza a or ¬≠ganismi internazionali, vinco ¬≠lanti per i membri di tali or ¬≠ganismi e inesistenti per il re ¬≠sto del mondo: gli Stati arabi e Israele sono membri dell’ONU, essi sono dunque vincolati dalla Carta delle Nazioni Unite; non solo, ma so ¬≠no tenuti ad adeguarsi alle de ¬≠cisioni del Consiglio di sicu ¬≠rezza, quali la risoluzione del 1967 (nei confronti del con ¬≠flitto del Vicino Oriente) che ha ispirato il piano Rogers accettato appunto dai bellige ¬≠ranti arabi e da Israele. Ma la Palestina non √® membro dell’ONU, e le forze della resi ¬≠stenza palestinese sono fuori del raggio d’azione dell’ONU. Se la guerra fra gli Stati arabi e Israele poteva essere consi ¬≠derata illegale o almeno ille ¬≠gittima dopo le decisioni del ¬≠l’ONU, la guerriglia dei pa ¬≠lestinesi contro Israele √® pro ¬≠prio per questo legale e le ¬≠gittima.

*

In tali condizioni l’iter psi ¬≠cologico della resistenza pale ¬≠stinese non pu√≤ seguire altro tracciato che quello mirante alla distruzione di Israele Stato per cos√¨ dire monoreligioso su una terra plurireligiosa per destinazione e costituzione; ma √® pacifico che la accettazione da parte degli Stati arabi di una soluzione negoziata del conflitto con Israele (la quale consente la sopravvivenza, non soltanto ma il consolidamento dello Stato sionista in Palestina) presuppone da parte dei pa ¬≠lestinesi una guerra anche con gli Stati arabi in quanto com ¬≠plici di Israele nella negazio ¬≠ne della palestinit√†. Sono enunciazioni, intendiamoci, su un piano meramente teorico. Ma sul piano pratico esse po ¬≠trebbero materializzarsi in una guerriglia palestinese che coin ¬≠volgesse nella sfera israeliana i paesi arabi, gli stessi che fino a ieri hanno fornito ai palestinesi la materia prima √Ę‚ÄĒ armi, danaro, sostegno in sede internazionale, solidarie ¬≠t√† psicologica e altro √Ę‚ÄĒ del ¬≠la guerriglia antisionista.

Un fenomeno, del resto, che s’√® gi√† determinato. E per esempio ha preso consistenza nei confronti di quegli Stati arabi che per primi, e sia pu ¬≠re per cause di forza maggio ¬≠re, hanno dimostrato di non disdegnare una soluzione pa ¬≠cifica della crisi determinata dalla apparizione di Israele. Vedi la Giordania, ove la re ¬≠sistenza palestinese ha fatto la guerra contro lo Stato hasce ¬≠mita (come nelle sanguinose giornate del giugno scorso) e vedi il Libano, dove i rappor ¬≠ti dei ¬ę commandos ¬Ľ con lo Stato libanese sono di una ¬ę amichevole ostilit√† ¬Ľ, alme ¬≠no fino ad oggi, e dove le or ¬≠ganizzazioni della resistenza costituiscono per Beirut un ¬ę sacro brigantaggio ¬Ľ, tollera ¬≠to e approvato, per ragioni di quieto vivere, a denti stretti.

Tutto ci√≤ ha evidentemen ¬≠te tutti i difetti delle impo ¬≠stazioni teoriche instaurate su piattaforme storico-ideologiche da considerare ai nostri gior ¬≠ni come inoperanti. E’ ovvio che i cananei, gli ittiti, i fi ¬≠listei e simili sono ormai, per quanto si riferisce alla vita funzionale dei popoli del ventesimo secolo, delle mere proiezioni dialettiche prive di mordente determinante: ed √® ovvio che, al contrario, l’involucro musulmano nel quale la pi√Ļ grande parte dei palestinesi √® contenuta faccia di essi delle masse contigue alle masse degli Stati arabi, con parentele economiche, sociali e perfino del costume corrente, escludendo dagli interessi di tali masse taluni interessi tipici degli ebrei e dei cri ¬≠stiani. E’ ovvio, insomma che la palestinit√† non sfugga a una certa congeniale aderen ¬≠za con la ¬ę arabit√† ¬Ľ, a pre ¬≠ferenza della ebraicit√† e del ¬≠la cristianit√†. Ma al fondo del ¬≠la impostazione teorica √® senz’altro il sintomo premoni ¬≠tore di sviluppi psicologici e dinamici che oggi possono an ¬≠cora sembrarci impossibili, ma che in avvenire potrebbero tradursi in realt√†: la realt√† d’una Palestina antiaraba non in quanto israeliana ma in quanto puramente e semplice ¬≠mente palestinese.


Letto 1417 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart