Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

STORIA: Il ritorno dei Sadducei

17 Settembre 2014

di Costanza Caredio

Giuseppe Flavio distingue quattro partiti nella Palestina del I ° secolo. I Sadducei, discendenti da Sadoc, gran sacerdote nel Tempio di Salomone: essi e i notabili sono la classe dirigente palestinese alleata dei Romani, dopo la scomparsa di Erode nel 4a.C.Vi sono poi i Farisei, classe media che raggruppa Leviti e popolo che essi istruiscono nella Legge.Si oppongono ai Sadducei e si considerano futura classe dirigente virtuosa. Gli Zeloti, nazionalisti che combattono i Romani e guardano alla ricca e influente comunità di Babilonia per aiuto. I Sicari sono il braccio armato degli Zeloti: essi, con un pugnale nascosto (la sica) uccidono i Giudei che collaborano con l’occupante. La guerra aperta contro Roma scoppia nel 66 con l’uccisione del Gran Sacerdote e con il massacro del presidio romano a custodia del Tempio. Segue l’intervento di Vespasiano e Tito, la distruzione delle fortificazioni di Erode e la scomparsa dei Sadducei.

Questo è il punto che le fonti di divulgazione non chiariscono: i sacerdoti e le loro famiglie, eredi legittimi della gestione del Tempio perirono nella rivoluzione zelota o trovarono scampo e protezione presso gli alleati romani? e nell’Urbe rimasero per secoli sotto la protezione dello Stato della Chiesa, erede di Roma e dunque obbligato a difenderli? Ma nel 1870 lo Stato della Chiesa si ridusse al Vaticano e furono i Savoia che ereditarono il Ghetto. La politica di Vittorio Emanuele III, discendente da una dinastia millenaria che contava nella sua storia un papa ( Felice V, fondatore dell’Ordine di S.Maurizio e un arcivescovo di Canterbury) non era certo nuova a questioni religiose. Il Savoia poteva ben nutrire l’ambizione di ricostruire uno Stato giudaico, contrastando così la Gran Bretagna nel Med. Israele sarebbe sorta sotto protettorato italiano. Da qui la politica favorevole alla Comunità e all’immigrazione ebraica in Palestina mantenendo le frontiere aperte dal ’20 al ’40 ai profughi dall’est. (De Felice) e dando inizio alla costruzione di una flotta per il nuovo Stato.
La guerra 40-45 da noi perduta mise fine alle nostre ambizioni e subentrò la soluzione USA. Da allora (1948) la regione non è stata pacificata.

Trasportando in Israele gli Ebrei che vivevano felicemente nei paesi vicini da più di 1000 anni, Israele ha annullato la possibilità di mediazione con gli Arabi. Ha respinto l’Europa innalzando la Shoa a mito fondatore senza possibilità di verifiche per noi. La Comunità italiana guida un antifascismo militante sul quale si adagia la Sinistra, ma che si può capire solo se diretto a condizionare le antiche comunità italiane: pure sono essi, gli Ebrei di Roma, discendenti dei Sadducei , i legittimi eredi del Tempio.


Letto 1652 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart